Seay

English Version

SEAY is production of sustainable beachwear from certified fabrics, short and local sourcing chains, conscious distribution policies and a marketing plan built around an intentional positive environmental impact. 

The fashion industry is moving fast to meet growing demand for low environmental impact garments resulting as much sustainable as possible. Organic cotton, recycled fabrics, natural dyes and low-carbon footprint supply chains are becoming day after day more requested in a sector dominated by fast-fashion chains that struggle to guarantee to their shareholders a certain marginality, blocking them to adopt green business models, leaving room for small brands to raise their popularity. So far, in the beachwear industry, very few brands have focused their business on a low environmental impact model and it is with this idea in mind that in March 2019 SOSEATY Collective and its SEAY brand was born.

Certified fabrics, short and local sourcing chains, conscious distribution policies and a marketing plan built around a green manifesto. 

Not products with an ethnic look or typical of the fair trade sector, but goods able to express the latest fashion trends with the added value of materials and a business model capable of guaranteeing a circular economy.

Sustainability in Fashion industry

The colors and details of SEAY garments are aligned to the latest swimwear trends, but their certified yarns and the business model built around the paradigms of the circular economy describe the future of fashion.

Giorgio Armani’s recent statements on the non sustainability – economic, ecological and ethical – of fashion as it has evolved in the last decade, is aligned with the vision of SEAY: fashion, which has always been a cultural expression, must stop responding to logics of fast fashion and return to a more human and sustainable dimension (both ecologically and socially). Armani underlined the necessary longevity of the garments and SEAY, together with LITA, wants to underline the fundamental role of customers in their purchasing choices. Garments must have a longer life and come from more sustainable production, better if they can be recycled or reused.

For this reason the founders of SEAY, Alberto Bressan and Simone Scodellaro, go beyond sustainable production: they have made the entire supply chain,  including packaging, deliveries (thanks to UPS carbon neutral) and exhibitors, circular and sustainable in stores. All this with the belief that “the green economy will be able to establish itself as an economic system that is truly an alternative to the traditional system only when the price of new products will be the same as that of non-green products”, says Alberto Bressan, CEO of SEAY.

In addition, the SEAY team is working on the “RE3” project: RE-Sell, RE-Use, RE-Generate: a system that, through discounts and incentives to the customer, favors the collection of used items, allowing their reuse, vintage sales and the regeneration of fabrics for the production of future collections.

Production in Italy, creative direction in Hawaii

The creative direction is based in the Hawaiian islands and is entrusted to Eduardo Bolioli, an artist who has collaborated with brands such as Quicksilver, Billabong, Gotcha and Guess. The production is outsourced to an Italian textile company and the materials used are: GOTS certified organic cotton, SEAQUAL polyester produced from plastic collected from the seabed and ECONYL regenerated nylon. The packaging is made entirely of compostable material (bags) and recycled and recyclable cardboard (shipping box).

The Sustainable Development Goals and SEAY’s fight against plastic

One million plastic bottles are purchased worldwide every minute, around 20,000 bottles per second. About 79% of the bottles, after use, accumulate in landfills or are abandoned in the environment, and most of them end up in the seas and oceans. The SEAY team contributes to solving the problem of the pollution of the seas by using eco-compatible and regenerated materials from the plastic recovered from the sea for the production of the beachwear line. On average, the equivalent of 27 plastic bottles are used for the production of a men’s costume from the SEAY line. Imagining to produce 100,000 costumes, the SEAY team estimates that they will use the equivalent of at least 2,700,000 plastic bottles.

SEAY aims to achieve 2 of the 17 Sustainable Development Goals (SDG) defined by the UN: the promotion of responsible consumption and production (SDG 12) and the protection of the marine ecosystem (SDG 14). The team intends to achieve its goals in two main ways. First of all, through production: one year after fundraising, a quantity of plastic debris equivalent to approximately 180,000 bottles is expected. Secondly, the community engagement and awareness-raising action of young people on the protection of the marine environment, through days of beach cleaning  (also with Legambiente), allows seaside resorts and their inhabitants to feel part of the place where they live, taking care of it (during each event between 15 and 50 kg of waste are collected from the beaches for each participant). The team plans to collect around 3,000 kg of debris per season for a total of 16,000 kg.

The objectives of the crowdfunding campaign

To make the project grow faster, SEAY has decided to start a crowdfunding campaign on the LITA.co. portal. Through the equity crowdfunding campaign it will be possible to invest in the project starting from € 500. The campaign (which has a minimum funding target of € 80,000) has already raised more than € 70,000 in pre-fundraising. This is the link to access the campaign https://it.lita.co/en/projects/27-seay.

Versione Italiano

SEAY si occupa della produzione di abbigliamento da spiaggia sostenibile con tessuti certificati, catene di approvvigionamento corte e locali, politiche di distribuzione consapevoli e un piano di marketing costruito intorno a un intenzionale impatto ambientale positivo.

L’industria della moda si sta muovendo rapidamente per soddisfare la crescente domanda di capi a basso impatto ambientale che risultano il più possibile sostenibili. Il cotone organico, i tessuti riciclati, i coloranti naturali e le catene di fornitura a basso impatto ambientale stanno diventando giorno dopo giorno sempre più richiesti in un settore dominato da catene di fast fashion che faticano a garantire ai propri azionisti una certa marginalità, impedendo loro di adottare modelli di business verdi, lasciando spazio ai piccoli marchi di aumentare la loro popolarità. Finora, nel settore dei capi d’abbigliamento per il mare, pochissimi marchi hanno focalizzato il loro business su un modello a basso impatto ambientale ed è per questo che nel marzo 2019 è nato il Collettivo SOSEATY e il suo marchio SEAY.

Tessuti certificati, catene di fornitura brevi e locali, politiche di distribuzione consapevoli e un piano di marketing costruito attorno a un manifesto verde.

Non prodotti dall’aspetto etnico o tipico del commercio equo e solidale, ma merci in grado di esprimere le ultime tendenze della moda con il valore aggiunto dei materiali e un modello di business in grado di garantire un’economia circolare.

La sostenibilità nell’industria della moda

I colori e i dettagli dei capi SEAY sono allineati alle ultime tendenze dei costumi da bagno, ma i loro filati certificati e il modello di business costruito intorno ai paradigmi dell’economia circolare descrivono il futuro della moda.

Le recenti dichiarazioni di Giorgio Armani sulla non sostenibilità – economica, ecologica ed etica – della moda così come si è evoluta nell’ultimo decennio, si allineano alla visione di SEAY: la moda, da sempre espressione culturale, deve smettere di rispondere alle logiche del fast fashion e tornare a una dimensione più umana e sostenibile (sia dal punto di vista ecologico che sociale). Armani ha sottolineato la necessaria longevità dei capi e SEAY, insieme a LITA, vuole ribadire il ruolo fondamentale dei clienti nelle loro scelte di acquisto. I capi devono avere una vita più lunga e provenire da una produzione più sostenibile, meglio se riciclabili o riutilizzabili.

Per questo motivo i fondatori di SEAY, Alberto Bressan e Simone Scodellaro, vanno oltre la produzione sostenibile: hanno reso l’intera filiera circolare e sostenibile, compreso il packaging, le consegne (grazie a UPS carbon neutral) e gli espositori nei negozi. Tutto questo nella convinzione che “la green economy potrà affermarsi come un sistema economico realmente alternativo al sistema tradizionale solo quando il prezzo dei nuovi prodotti sarà uguale a quello dei prodotti non verdi”, afferma Alberto Bressan, amministratore delegato di SEAY.

Inoltre, il team SEAY sta lavorando al progetto “RE3″: RI-Vendere, RI-Usare, RI-Generare: un sistema che, attraverso sconti e incentivi al cliente, favorisce la raccolta dell’usato, permettendo il suo riutilizzo, la vendita vintage e la rigenerazione dei tessuti per la produzione delle collezioni future.

Produzione in Italia, direzione creativa alle Hawaii

La direzione creativa ha sede nelle isole Hawaii ed è affidata a Eduardo Bolioli, artista che ha collaborato con marchi come Quicksilver, Billabong, Gotcha e Guess. La produzione è affidata in outsourcing a un’azienda tessile italiana e i materiali utilizzati sono: cotone biologico certificato GOTS, poliestere SEAQUAL prodotto con plastica raccolta dai fondali marini e nylon rigenerato ECONYL. L’imballaggio è realizzato interamente in materiale compostabile (sacchetti) e cartone riciclato e riciclabile (scatola di spedizione).

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e la lotta della SEAY contro la plastica

In tutto il mondo si acquistano un milione di bottiglie di plastica al minuto, circa 20.000 bottiglie al secondo. Circa il 79% delle bottiglie, dopo l’uso, si accumula nelle discariche o viene disperso nell’ambiente, e la maggior parte di esso finisce nei mari e negli oceani. Il team SEAY contribuisce a risolvere il problema dell’inquinamento dei mari utilizzando materiali eco-compatibili e rigenerati dalla plastica recuperata dal mare per la produzione della linea beachwear. In media, l’equivalente di 27 bottiglie di plastica sono utilizzate per la produzione di un costume da uomo della linea SEAY. Immaginando di produrre 100.000 costumi, il team SEAY stima di utilizzare l’equivalente di almeno 2.700.000 bottiglie di plastica.

SEAY mira a raggiungere 2 dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) definiti dall’ONU: la promozione del consumo e della produzione responsabile (SDG 12) e la protezione dell’ecosistema marino (SDG 14). Il team intende raggiungere i suoi obiettivi principalmente in due modi.

In primo luogo, attraverso la produzione: un anno dopo la raccolta dei fondi è prevista una quantità di detriti plastici pari a circa 180.000 bottiglie. In secondo luogo, l’impegno della comunità e l’azione di sensibilizzazione dei giovani sulla tutela dell’ambiente marino, attraverso giornate di pulizia delle spiagge (anche con Legambiente), permette alle località balneari e ai loro abitanti di sentirsi parte del luogo in cui vivono, prendendosene cura (durante ogni evento vengono raccolti dalle spiagge tra i 15 e i 50 kg di rifiuti per ogni partecipante). Il team prevede quindi di raccogliere circa 3.000 kg di rifiuti a stagione per un totale di 16.000 kg.

Gli obiettivi della campagna di crowdfunding

Per far crescere il progetto più velocemente, SEAY ha deciso di avviare una campagna di crowdfunding sul portale LITA.co. Attraverso la campagna di crowdfunding azionario sarà possibile investire nel progetto a partire da 500 euro. La campagna (che ha un obiettivo di finanziamento minimo di 80.000 euro) ha già raccolto più di 70.000 euro di prefinanziamento. Questo è il link per accedere alla campagna https://it.lita.co/en/projects/27-seay.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial