CE and COVID-19

By Alexandra Kekkonen – Tondo’s associate

English Version

What have we learned about Circular Economy from COVID crisis?

The massive disruption of the global value chains in the result of the measures taken by the governments to address the Covid-19 crisis has revealed the fragility of our lineal global economy model and productive arrangements linked to a single geographic location and a single supplier, high degree of dissolution of our innovation, production, supply and consumption systems. (Serada, 2020) It has raised the concerns about the resilience of our economies and led to intensification of such trends as diversification of sourcing and supplies, reshoring, developing strategic autonomy in the critical sectors, intensifying automation, transforming supply chains into more simple, digital, regional more transparent, facilitated by the new delivery modes and contactless innovations. The experiences obtained during the COVID 19 crisis have reaffirmed – there is a need of the great reset and building a more resilient, just, responsive and sustainable economies. Circular Economy is increasingly considered a valuable option allowing to collectively reimagine and redesign our systems to ensure an ecologically safe and socially just space for all. The circular economy also now has the opportunity and duty to further incorporate equality and resilience into this model.  Product design and product policy factors such as repairability, reusability and potential for remanufacturing offer considerable opportunities to enhance stock availability and, therefore, resilience. Rethinking business models in terms of the circular economy presents many opportunities to improve competitiveness, efficiency, innovation and sustainability including through facilitating an access to and shared use of underutilized products.  Circular supplies represent a model for developing components that are reusable and recyclable at the end of a product’s life.  Product life extension prolongs the useful life of a product through improved product design and long-term maintenance.   Resource recovery captures byproducts and waste in manufacturing such that they can be used in other production processes. 

During the COVID breakdown a few businesses have been applying innovative circular-economy principles to reduce waste and address short-term supply shortages, deployed localised 3D printing will primarily help make existing supply chains less brittle. The role of the digital technologies has become indispensable in supporting circular economy. “Digital” increases resilience, facilitates creating and maintaining the value locally. Local supply chains, facilitated by digital technologies, allow local circulation of materials and resources and developing small resource-efficient local micro-industries.  During the pandemic Philips engineers have been working around the clock to refurbish CT scanners, which have been in high demand for diagnosing Covid-19 .

Nike is another example of firms using this principle to full effect in the fight against the pandemic. The prominent shoe manufacturer has redirected recycled material, earmarked for the production of new Nike Air soles, into the production of personal protective gear. Batelle, a non-profit institute engaged in scientific research, developed a way to decontaminate N95 masks using vaporized hydrogen peroxide. The technology received authorization for use from the US Food and Drug Administration last March. It is now being used in several hospitals in the United States. Through this novel method, masks can be decontaminated for use 20 times over before their quality and safety is compromised, and thus it provides a longer-lasting alternative to single-use products.

As the circular economy hinges on processes that require more labour than in the linear economy—where resources are often wasted or incinerated rather than repaired and reused. We can see that many circular economy framework strategies were implemented in one or another way: e.g. Phillips applied both Rethink, Refurbish and Recycle principles, using modular design, and platform design is choosing different materials and so forth and the business model around it,” such as offering MRI scanning as a service rather than selling scanners alongside with increasing recycled content in products, enabling remanufacturing and high-quality recycling, and incentivising product-as-a-service models.

Abovementioned examples of lessons from economy-COVID crisis also shows implementation of Reduce, Reuse, Repair, Repurpose principles as well. Some producers of protective and medical equipment used machines developed by Precious Plastic, an open-source hardware plastic recycling initiative, to turn recycled plastic into face shields and masks. Principles of CE – designing out waste, keeping products and materials in use, and regenerating natural systems could be are just what the world could do “to build back better”: for plastics eliminate what we don’t need, innovate towards new business models and materials, and circulate all the plastic we do use – keeping it in the economy and out of the environment; for fashion ensure clothes are used more, are made to be made again, and are made from safe and renewable materials; for food redesign products and supply chains to regenerate nature, eliminate the concept of waste, and connect local production and consumption where appropriate; for finance support companies in their transition to circular business models, and mobilise capital towards circular solutions.

Cosa abbiamo imparato sull’economia circolare dalla crisi COVID?

La massiccia interruzione globale delle catene di valore come risultato delle misure prese dai governi per affrontare la crisi Covid-19 ha rivelato la fragilità del nostro modello di economia globale lineare e degli accordi produttivi legati a un’unica posizione geografica e a un unico fornitore, un alto grado di dissoluzione dei nostri sistemi di innovazione, produzione, fornitura e consumo. (Serada, 2020) Ha sollevato le preoccupazioni circa la resilienza delle nostre economie e ha portato all’intensificazione di tendenze come la diversificazione degli approvvigionamenti e delle forniture, il reshoring, lo sviluppo dell’autonomia strategica nei settori critici, l’intensificazione dell’automazione, la trasformazione delle catene di approvvigionamento in più semplici, digitali, regionali più trasparenti, facilitate dalle nuove modalità di consegna e dalle innovazioni senza contatto. Le esperienze ottenute durante la crisi COVID 19 hanno riaffermato che c’è la necessità di fare un grande reset e di costruire un’economia più resiliente, giusta, reattiva e sostenibile. L’economia circolare è sempre più considerata una valida opzione che permette di re-immaginare e riprogettare collettivamente i nostri sistemi per garantire uno spazio ecologicamente sicuro e socialmente giusto per tutti. L’economia circolare ora ha anche l’opportunità e il dovere di incorporare ulteriormente l’uguaglianza e la resilienza in questo modello. Fattori di progettazione e politica dei prodotti come la riparabilità, la riutilizzabilità e il potenziale di rifabbricazione offrono notevoli opportunità per migliorare la disponibilità delle scorte e, quindi, la resilienza.

Ripensare i modelli di business in termini di economia circolare dà molte opportunità per migliorare la competitività, l’efficienza, l’innovazione e la sostenibilità anche attraverso la facilitazione dell’accesso e dell’uso condiviso di prodotti sottoutilizzati. Le forniture circolari rappresentano un modello per sviluppare componenti che sono riutilizzabili e riciclabili alla fine della vita di un prodotto. L’estensione della vita di un prodotto prolunga la vita utile di questo attraverso una migliore progettazione e manutenzione a lungo termine del prodotto. Il recupero delle risorse cattura i sottoprodotti e i rifiuti nella produzione in modo che possano essere utilizzati in altri processi produttivi.

Durante la ripartizione COVID alcune aziende hanno applicato i principi innovativi di economia circolare per ridurre i rifiuti e affrontare le carenze di approvvigionamento a breve termine. Ad esempio, la stampa 3D localizzata aiuterà principalmente a rendere le catene di approvvigionamento esistenti meno fragili. Il ruolo delle tecnologie digitali è diventato indispensabile per sostenere l’economia circolare. Il “digitale”, infatti, aumenta la resilienza, facilita la creazione e il mantenimento del valore a livello locale. Le catene di fornitura locali, facilitate dalle tecnologie digitali, permettono la circolazione locale di materiali e risorse e lo sviluppo di piccole micro-industrie locali efficienti dal punto di vista delle fonti.

Durante la pandemia gli ingegneri della Philips hanno lavorato 24 ore su 24 per rimettere a nuovo gli scanner CT, che sono stati molto richiesti per la diagnosi del Covid-19. La Nike è un altro esempio di azienda che usa questo principio in modo efficace nella lotta contro la pandemia. Infatti, ha reindirizzato il materiale riciclato, destinato alla produzione di nuove suole Nike Air, nella produzione di dispositivi di protezione personale. Infine, Batelle, un istituto no-profit impegnato nella ricerca scientifica, ha sviluppato un modo per decontaminare le maschere N95 usando perossido di idrogeno vaporizzato. La tecnologia ha ricevuto l’autorizzazione per l’uso dalla US Food and Drug Administration lo scorso marzo. Ora viene utilizzata in diversi ospedali degli Stati Uniti. Attraverso questo nuovo metodo, le maschere possono essere decontaminate per l’uso 20 volte prima che la loro qualità e sicurezza sia compromessa, fornendo così un’alternativa più duratura ai prodotti monouso.

L’economia circolare si basa su processi che richiedono solitamente più lavoro che nell’economia lineare dove invece, le risorse sono spesso sprecate o incenerite piuttosto che riparate e riutilizzate. Oggi, possiamo vedere come molte strategie circolari siano state implementate in un modo o nell’altro. Ad esempio, Phillips applica i principi Rethink, Refurbish e Recycle usando il design modulare, il design della piattaforma sta inoltre scegliendo diversi materiali e il modello di business intorno ad esso, come offrire la scansione MRI come un servizio piuttosto che vendere scanner insieme all’aumento del contenuto riciclato nei prodotti, permettendo la rifabbricazione e il riciclaggio di alta qualità, e incentivando i modelli in cui i prodotti come un servizio.

Gli esempi sopra citati risultati dalla crisi economica COVID mostrano anche l’implementazione dei principi Reduce, Reuse, Repair, Repurpose. Alcuni produttori di attrezzature protettive e mediche hanno usato macchine sviluppate da Precious Plastic, un’iniziativa open-source di riciclo della plastica hardware, per trasformare la plastica riciclata in visiere e maschere. I principi di EC come, progettare i rifiuti, mantenere i prodotti e i materiali in uso, e rigenerare i sistemi naturali potrebbero essere proprio quello che il mondo può fare “per costruire di nuovo meglio“.

Nel caso della plastica, eliminare ciò che non ci serve, innovare verso nuovi modelli di business e materiali e tenerla nell’economia e fuori dall’ambiente; per la moda, assicurarsi che i vestiti siano usati di più, siano fatti per essere riusati e con materiali sicuri e rinnovabili; per il cibo, riprogettare i prodotti e le catene di approvvigionamento per rigenerare la natura, eliminare il concetto di rifiuto e collegare la produzione locale e il consumo dove possibile; per la finanza, sostenere le aziende nella loro transizione verso modelli di business circolare e mobilitare il capitale verso soluzioni circolari.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial