SDGs and CE

English Version

The article is based on Enrico Giovannini’s intervention at the second edition of Re-think-Circular Economy Forum last October 2020.

Sustainable Development and Circular Economy: the new paradigm for the European Union – Enrico Giovannini, Founder and Director of the Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS)

Enrico Giovannini begins his speech recognizing the circular economy as the key point of rethinking the economic and social model. He believes that, currently, the concept of circularity is mainly used in reference to material stuff and there is a limited thinking about the need to “recycle” also people. Consequently, without reinvesting continuously in people, they are most likely to be treated as “social waste” (Pope Francis). Having a large part of the population feeling like waste, will not ensure the social and institutional dimensions of sustainability.

The current Covid-19 crisis clarifies that if people feel to be excluded from the social and economic processes,institutions are at risk of instability,as people will be in client of pushing for radical changes in the status quo, i.e.a revolution. The “Arab Springs” are an example of this: started as an environmental problem, then transformed into an economic and social crisis, ended with an institutional instability and a revolution. Also migration is an indicator of how people who are treated as “social waste” try to recycle themselves moving somewhere else.

He reminds that the economy, society, environment and institutions need to be fully integrated in a vision of sustainable development according to the 2030 Agenda and the 17 Sustainable Development Goals. In 2019, the ILO Global Commission on the Future of Work published a report discussing how, in business accounting, workers and their training are accounted for as a cost, like intermediate materials or raw materials, which reduce the company’s profit. According to him, this perspective does not support a circular economy model augmented to people.

Then, he focuses on how the European Commission interpreted the 2030 Agenda, establishing it as the core element of all European policies. According to that choice, during the last year, the European Commission put forward several proposals touching different domains of the 2030 Agenda and the circular economy is one of the paradigms adopted in all sectoral policies. To pursue the transition towards sustainability, it is fundamental to invest in technologies that will help in recycling materials, minimizing the impact on the consumption of natural resources. However, in Europe, there are several iconic examples showing that investing in the circular economy allows to reduce the overall cost of production despite the need to recruit more people, with positive results on employment rates, companies’ profits and the environment. For companies going in this direction, the division in charge of sustainability and innovation is more and more put close to the CEO, as they have assumed a strategic function for the overall company.

Furthermore, with the rethinking of the global value chains due to Covid-19 and the possible reshoring of some activities, he underlines the need of a political change in the perspective of a regional globalization. The European decision to use sustainable development as the overarching framework of all its policies could lead to the development of a new phase of capitalism. Instead of just coping with what the Anglo-Saxon tradition has developed over decades, now Europe has the possibility to develop its own model and eventually export it to other parts of the world. So, this is mainly a ‘paradigm shift’ problem and this is why we need more iconic examples of choice for sustainability at national, European and world level. He concludes giving three important messages about the important role of cities, universities and governments in this transition.

Cities are the most dynamic component of our societies and they play both crucial cultural and economic-political roles in pushing communities to adopt the circular economy perspective. ASviS, in a report published in October and in one of their position papers on the occasion of the Festival of Sustainable development, focuses on the role of cities and food strategies in order to minimize the waste of food, but also to convey the cultural message to the entire population that recycling is not only convenient but possible if it is organized by the public hand. Secondly, in Italy ASviS promoted the establishment of the Italian University Network for Sustainable Development (RUS), fostering the collaboration of universities with public bodies as well as with public and private businesses, in order to join forces and achieve RUS’ goals regarding the Third Mission of the University. They are also engaged in developing a multidisciplinary approach in tertiary education programs.

At last, Europe needs strong leadership. Notwithstanding the pressure made by the Commission, the final decisions are made by governments, but some European countries are not yet at the level of preparation and willingness to make the jump towards this new paradigm. Governments need to be able to effectively coordinate the actions taken under the European and national funds. Finally, ASviS has launched its second e-learning course dedicated to companies, especially small companies, on the circular economy, sustainable development and sustainable finance. It is fundamental to extend the non-financial reporting also to small companies, obliging them to measure the economic, social and environmental impact of their actions. In addition, large cities and institutions should adopt the same approach to monitor the progress towards the circular economy, in order to ensure their actions are going in the right direction.

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e EC

L’articolo è tratto dall’intervento di Enrico Giovannini nella seconda edizione di Re-think-Circular Economy Forum tenutosi lo scorso Ottobre 2020.

Sviluppo sostenibile ed economia circolare: il nuovo paradigma per l’Unione Europea -Enrico Giovannini, Fondatore e Direttore dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile(ASviS)

Enrico Giovannini inizia il suo intervento riconoscendo nell’economia circolare il punto chiave per ripensare il modello economico e sociale. Egli ritiene che, attualmente, il concetto di circolarità sia usato principalmente in riferimento alle cose materiali e che ci sia un pensiero limitato sulla necessità di “riciclare” anche le persone. Di conseguenza, senza reinvestire continuamente nelle persone, è più probabile che esse siano trattate come rifiuti sociali” (Papa Francesco). Avere una gran parte della popolazione che si sente uno spreco non garantisce la dimensione sociale e istituzionale della sostenibilità.

L’attuale crisi di Covid-19 chiarisce che se le persone si sentono escluse dai processi sociali ed economici, le istituzioni sono a rischio di instabilità, in quanto le persone saranno clienti di un cambiamento radicale dello status quo, cioè di una rivoluzione. Le “Primavere Arabe” ne sono un esempio: iniziato come un problema ambientale, poi trasformato in una crisi economica e sociale, si è concluso con un’instabilità istituzionale e una rivoluzione. Anche la migrazione è un indicatore di come le persone che vengono trattate come “rifiuti sociali” cercano di riciclare se stesse spostandosi altrove.

Egli ricorda che l’economia, la società, l’ambiente e le istituzioni devono essere pienamente integrati in una visione di sviluppo sostenibile secondo l’Agenda 2030 e i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Nel 2019, la Commissione globale dell’OIL sul futuro del lavoro ha pubblicato un rapporto in cui si discute di come, nella contabilità aziendale, i lavoratori e la loro formazione siano contabilizzati come un costo, come i materiali intermedi o le materie prime, che riducono il profitto dell’azienda. Secondo lui, questa prospettiva non sostiene un modello di economia circolare aumentato alle persone.

Nel suo intervento, Enrico Giovannini, si concentra anche su come la Commissione Europea ha interpretato l’Agenda 2030, stabilendola come l’elemento centrale di tutte le politiche europee. Secondo questa scelta, nell’ultimo anno la Commissione Europea ha presentato diverse proposte che toccano diversi ambiti dell’Agenda 2030 e l’economia circolare è uno dei paradigmi adottati in tutte le politiche settoriali. Per perseguire la transizione verso la sostenibilità, è fondamentale investire in tecnologie che aiutino a riciclare i materiali, minimizzando l’impatto sul consumo di risorse naturali. Tuttavia, in Europa, ci sono diversi esempi emblematici che dimostrano come investire nell’economia circolare permette di ridurre il costo complessivo della produzione nonostante la necessità di assumere più persone, con risultati positivi sui tassi di occupazione, sui profitti delle aziende e sull’ambiente. Per le aziende che vanno in questa direzione, la divisione responsabile della sostenibilità e dell’innovazione è sempre più vicina al CEO, avendo assunto una funzione strategica per l’intera azienda.

Inoltre, con il ripensamento delle catene di valore globale dovuto al Covid-19 e la possibile riorganizzazione di alcune attività, si sottolinea la necessità di un cambiamento politico nella prospettiva di una globalizzazione regionale. La decisione europea di utilizzare lo sviluppo sostenibile come quadro generale di tutte le sue politiche potrebbe portare allo sviluppo di una nuova fase del capitalismo. Invece di limitarsi ad affrontare ciò che la tradizione anglosassone ha sviluppato nel corso dei decenni, ora l’Europa ha la possibilità di sviluppare il proprio modello e, infine, di esportarlo in altre parti del mondo. Quindi, questo è principalmente un problema di “cambiamento di paradigma” ed è per questo che abbiamo bisogno di più esempi iconici di scelte per la sostenibilità a livello nazionale, europeo e mondiale. Infine, conclude dando tre messaggi importanti sul ruolo che le città, le università e i governi possono avere in questa transizione.

Le città sono la componente più dinamica delle nostre società e svolgono sia un ruolo culturale che economico-politico cruciale per spingere le comunità ad adottare la prospettiva dell’economia circolare. ASviS, in un rapporto pubblicato in ottobre e in uno dei suoi position paper in occasione del Festival dello Sviluppo Sostenibile, si concentra sul ruolo delle città e sulle strategie alimentari per minimizzare lo spreco alimentare, ma anche per trasmettere il messaggio culturale a tutta la popolazione che il riciclo non è solo conveniente ma possibile se organizzato dalla mano pubblica. In secondo luogo, in Italia ASviS ha promosso la costituzione della Rete Universitaria Italiana per lo Sviluppo Sostenibile(RUS), favorendo la collaborazione delle università con gli enti pubblici e con le imprese pubbliche e private, al fine di unire le forze e raggiungere gli obiettivi della RUS in merito alla Terza Missione dell’Università. Sono inoltre impegnati a sviluppare un approccio multidisciplinare nei programmi di istruzione terziaria.

L’Europa ha bisogno di una forte leadership. Nonostante la pressione esercitata dalla Commissione, le decisioni finali sono prese dai governi, ma alcuni paesi europei non sono ancora a livello di preparazione e di volontà per fare il salto verso questo nuovo paradigma. I governi devono essere in grado di coordinare efficacemente le azioni intraprese nell’ambito dei fondi europei e nazionali.

Infine, ASviS ha lanciato il suo secondo corso e-learning dedicato alle aziende, soprattutto alle piccole imprese, sull’economia circolare, lo sviluppo sostenibile e la finanza sostenibile. È fondamentale estendere la rendicontazione non finanziaria anche alle piccole imprese, obbligandole a misurare l’impatto economico, sociale e ambientale delle loro azioni. Inoltre, le grandi città e le istituzioni dovrebbero adottare lo stesso approccio per monitorare i progressi verso l’economia circolare, al fine di garantire che le loro azioni vadano nella giusta direzione.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial