Asian circularity: is it possible?

By Francesco Chesi

English version

Asia hosts 60% of the world’s population (4.65bn out of 7.8bn) and this number is set to increase by 12% before 2040.

In 2010, the Asian Development Bank, the organ in charge of addressing poverty and inducing sustainable development in Asia and the Pacific, stated that seven economies (China, India, Indonesia, Japan, Malaysia, South Korea, and Thailand) had a combined total population of 3.1 billion (78 per cent of Asia) and a GDP of $14.2 trillion (87 per cent of Asia)

The report ‘Asia 2050: Realizing the Asian Century’ states that these seven economies alone will account for 45 per cent of global GDP and adds: ‘Long before 2050, Asia will surpass North America and Europe as the largest energy-consuming block therefore Asian countries’ economic growth will heavily depend on improving the efficiency of natural resource use and winning the global race to a low carbon future.”

Now that we have defined the numbers and the sense of urgency for the adoption of the circular economy, Ms Adrienna Zsakay (CEO at Circular Economy Asia) asks THE question: ‘’Is the circular economy achievable in Asia?’’

Planet earth’s fulcrum

Her article for The Economist Sustainability Summit that took place on the 15th of November 2018 in Kuala Lumpur, questions the implications that the circular economy could have on society, employment, international trade, and SMEs.

The foundation of the circular economy is based on the concept that having products last longer will be good for us as it not only saves us money, but it also may create jobs in the future. Yet, the statistics in Asia do not bear this out. In a comparison between the UK and India for the Household Appliance Repair industry, the UK sees a growth whilst India sees a decline. This may suggest that the rising middle class of India (and Asia) prefers a new product instead of a repaired, refurbished or remanufactured one. However, a legal framework for consumer protection that includes a warranty could go a long way in establishing trust. 

Secondly, numerous reports and research acknowledge that old linear economy jobs will decline alongside the growth of new circular jobs. However, a society that would have not taken the time to equip or train its workers with these new skills required will take longer to unlock the rewards and benefits the circular economy can unleash. In fact, Ms Zsakay states “I have not read any research or report that has attempted to measure the actual skills required for a circular economy. With this short-sightedness, any positive societal impact will be harder to realise.’’

The third point regards the transition of micro, small and medium size businesses to circular models, which will be tougher to realise because in most Asian economies SMEs make up between 95% to 98% of all economic activity. The transition to a circular economy will then disturb and disrupt 98% of all economic activity across the Asian region. The question that Ms. Zsakay asks is: “Will the 98% come willingly or will they need to be dragged screaming and kicking into systemic change?”                                                                              

Many SME’s in Asia are not linked to international trade and are thus immune to circular procurement policies’ pressure. Most are very local in nature and here is where government policy can have the most impact together with consumer choice and demand.

Without consumer ‘demand and pull’ this crucial 98% of the economy will have a little incentive to change, regardless of how importnat this shift is for our economic system. In essence, there will be a need to have several solutions working in tandem that reframe the question from “is a Circular Economy is achievable in Asia” to “when will it be achievable”. This means we need to focus on setting goals rather than getting stuck in challenges.

Circular cities in Asia

Another issue that was raised at the same event was the following: “Millions of rural workers have been brought out of poverty as they left farms for factories. But urbanisation’s cost has been overburdened roads, unbreathable air, and defecting sanitation. Major infrastructure projects offer investors poor short-term returns. 

Luckily, there is an abundance of high-quality material available coming from global institutions such as the World Bank, the Asian Development Bank, the World Economic Forum. Even international NGOs such as the World Wildlife Fund weighed in on some very important topics. All these institutions offer a range of innovations, solutions, and numerous opinions on ‘what needs to be done’. 

Ms Zsakay’s article highlighted three way in which how we are going to build circular cities for future generations. 

  • Waste-as-a-Resource: The world is already moving towards recyclable resources recovery for the development of an industry of secondary raw materials . One example is given by the several plastics and packaging agreements setting ambitious targets to push this momentum along.  
  • Recyclable and Reusable Buildings: With building temperature control offered as a service and plumbing and electrical components leased under maintenance contracts, the buildings of the future will look very different. See Kaer (air-conditioning-as-a-service).
  • Food, Water and Energy: Renewable energy is already widely employed in many countries around the world. While we recognise it will be some time before the use of fossil fuels will be replaced, renewable energy has created thousands of new jobs and investment opportunities, contributing to this continued evolution. Food from urban farming has been on the drawing board for several years now and is gaining impetus thanks to chefs, academics, engineers, and social entrepreneurs, as the push for sustainability is becoming all too obvious to be ignored. Water is still problematic and may remain so for years to come, even as consumer awareness on our water footprint increases. 

Resources for this article: 

Circular Asia 2050 – LinkedIn

Is the Circular Economy Achievable in Asia?

Asia: Urbanisation, Mass Migration & The Circular Economy

Sustainability Summit 2018 | The Economist Events

Thank you to Ms. Adrienna Zsakay for the daily work she does and to make this article possible.

Versione Italiana

Circolarità asiatica: è possibile?

L’Asia ospita il 60% della popolazione mondiale (4,65 miliardi su 7,8 miliardi) e questo numero è destinato ad aumentare del 12% prima del 2040.

Nel 2010, l’Asian Development Bank, l’organo incaricato di combattere la povertà e di incentivare lo sviluppo sostenibile in Asia e nel Pacifico, ha dichiarato che sette economie (Cina, India, Indonesia, Giappone, Malesia, Corea del Sud e Thailandia) avevano una popolazione totale combinata di 3,1 miliardi (78% dell’Asia) e un PIL di 14,2 trilioni di dollari (87% dell’Asia).

Il rapporto “Asia 2050: Realizing the Asian Century” afferma che queste sette economie da sole rappresenteranno il 45 per cento del PIL globale e aggiunge: “Molto prima del 2050, l’Asia supererà il Nord America e l’Europa come il più grande blocco consumatore di energia, perciò la crescita economica dei paesi asiatici dipenderà fortemente dal miglioramento dell’efficienza dell’uso delle risorse naturali e dal vincere la corsa globale verso un futuro a basse emissioni di carbonio”.

Una volta definiti i numeri e il senso di urgenza che preme per l’adozione dell’economia circolare nella regione, è Adrienna Zsakay (CEO di Circular Economy Asia) a porre LA domanda: “L’economia circolare è realizzabile in Asia?

Il fulcro del pianeta Terra

Nel suo articolo per l’Economist Sustainability Summit, che ha avuto luogo il 15 novembre 2018 a Kuala Lumpur, Zsakay si interroga sulle implicazioni che l’economia circolare potrebbe avere sulla società, sull’occupazione, sul commercio internazionale e sulle PMI.

Il fondamento dell’economia circolare si basa sul concetto che avere prodotti che durano più a lungo sarà un bene per noi, non solo in quanto ci farà risparmiare, ma anche perché potrebbe creare nuovi posti di lavoro in futuro. Tuttavia, le statistiche in Asia non sembrano confermare ciò. In un confronto tra le industrie per la riparazione degli elettrodomestici di Regno Unito e India, il primo vede una crescita mentre la seconda vede un declino. Questo fenomeno può suggerire che la crescente classe media dell’India (e dell’Asia) preferisce un prodotto nuovo a uno riparato, rinnovato o rigenerato. Tuttavia, un quadro legale per la protezione del consumatore che includa una garanzia potrebbe essere molto efficace nel favorire la fiducia dei consumatori.

In secondo luogo, numerosi rapporti e ricerche riconoscono che i vecchi lavori dell’economia lineare diminuiranno contemporaneamente alla crescita dei nuovi lavori circolari, ma una società che non si è presa il tempo di equipaggiare e formare i suoi lavoratori con le nuove competenze richieste impiegherà più tempo per sbloccare le ricompense e i benefici che l’economia circolare può generare. Infatti, Zsakay afferma di “non aver letto alcuna ricerca o relazione che ha tentato di misurare le competenze effettive richieste per un’economia circolare. Con questa mancanza di lungimiranza, qualsiasi impatto sociale positivo sarà più difficile da realizzare”.

Il terzo punto, la transizione delle micro, piccole e medie imprese a modelli circolari, è più complesso da realizzare in quanto, si stima che nella maggior parte delle economie asiatiche, le PMI costituiscano tra il 95% e il 98% di tutte le attività economiche. L’adozione dell’economia circolare quindi disturberà e sconvolgerà il 98% di tutte le attività economiche nell’intera regione asiatica. La domanda che si pone Zsakay è quindi: “il 98% verrà di sua spontanea volontà o dovrà essere trascinato urlando e scalciando nel cambiamento sistemico?”                                                                                      

Molte PMI in Asia non sono legate al commercio internazionale e sono quindi immuni alla pressione delle politiche che favoriscono l’approvvigionamento circolare. La maggior parte di queste è di natura molto locale ed è qui che la politica può avere il maggior impatto insieme alla scelta e alla domanda dei consumatori.

Senza il peso dei consumatori, questo cruciale 98% dell’economia sarà poco incentivato a cambiare, indipendentemente da quanto sia profondo il cambiamento del nostro sistema economico. In sostanza, vi sarà la necessità di implementare diverse soluzioni che possano lavorare in contemporanea e che riescano a riformulare la domanda da “un’economia circolare è realizzabile in Asia?” a “quando sarà realizzabile?”. Questo significa che dobbiamo concentrarci sulla definizione di obiettivi piuttosto che rimanere bloccati nelle sfide.

Città circolari in Asia

Un’altra questione che è stata sollevata allo stesso evento è stata la seguente: “Milioni di lavoratori rurali sono usciti dalla povertà quando hanno lasciato le fattorie per le fabbriche. Ma il costo dell’urbanizzazione è stato il sovraccarico delle strade, l’aria irrespirabile e i servizi igienici difettosi. I grandi progetti infrastrutturali offrono agli investitori scarsi ritorni economici sul breve termine.

Fortunatamente, c’è un’abbondanza di materiale di alta qualità disponibile proveniente dalle istituzioni globali come la Banca Mondiale, l’Asian Development Bank, il World Economic Forum e persino ONG internazionali come il World Wildlife Fund hanno fatto sentire il loro peso su alcuni temi molto importanti. Tutti offrendo una gamma di innovazioni, soluzioni e numerose opinioni su “ciò che deve essere fatto”.

Nel contesto dell’economia circolare, la Zsakay ha stilato una lista di obiettivi da realizzare per la fondazione di città circolari per le generazioni future:

  • I rifiuti come risorsa: Il mondo si sta già muovendo verso il recupero di risorse riciclabili per lo sviluppo di un’industria di materie prime secondarie. Un esempio sono i diversi accordi sulla plastica e gli imballaggi che stabiliscono obiettivi ambiziosi per sostenere questo slancio. 
  • Edifici riciclabili e riutilizzabili: grazie al controllo della temperatura dell’edificio offerto come un servizio, i componenti idraulici ed elettrici sono generalmente noleggiati attraverso contratti di manutenzione che permettono di restituire le forniture al produttore alla fine del loro ciclo di utilizzo, facendo sì che gli edifici del futuro assumano una dimensione completamente nuova. Vedi Kaer (un’azienda che offre l’aria condizionata come servizio).
  • Cibo, acqua ed energia: L’energia rinnovabile è già ben avviata in molti paesi del mondo. Per quanto ci vorrà del tempo prima che l’uso dei combustibili fossili venga del tutto sostituito, l’energia rinnovabile ha creato diverse migliaia di nuovi posti di lavoro e opportunità di investimento che contribuiscono al suo continuo progresso. Il cibo da agricoltura urbana è sul tavolo da disegno da diversi anni e sta guadagnando slancio grazie a chef, accademici, ingegneri e imprenditori sociali, via via che la spinta verso la sostenibilità, la riduzione dei gas serra e il mitigamento del cambiamento climatico diventa impossibile da ignorare. L’acqua è ancora problematica e potrebbe rimanere tale per gli anni a venire, anche se la consapevolezza dei consumatori sulla nostra impronta idrica continua ad aumentare.

Fonti:

Circular Asia 2050 – LinkedIn

Is the Circular Economy Achievable in Asia?

Asia: Urbanisation, Mass Migration & The Circular Economy

Sustainability Summit 2018 | The Economist Events

Grazie ad Adrienna Zsakay per il lavoro quotidiano che svolge e per aver reso possibile questo articolo.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial