Circular Milan

English Version

Lucia Scopelliti, Head of Unit Economic Development at Municipality of Milan, was our guest during our Re-think Circular Economy Forum last October: She explained the actions undertaken by the city of Milan, with the aim to transform the production and consumption flows from linear to circular.

Experiences on the circular economy at the city level show that cities have an active role as promoters, facilitators, and enablers of the transition. Cities can act as promoters on circular economy strategies, but they are also facilitators connecting stakeholders operating along the value chains, that are not necessarily used to collaborate with each other. Finally, cities are also key enablers since they provide the conditions for the circular economy to happen, setting up incentives, infrastructures, and mobilizing funds. As cities play a big role in public investment and procurement, subnational governments account for 60% of public investments in OECD countries.

Cities can consider green infrastructures, nature-based solutions, and zero energy options. Cities are also laboratories for innovation that generate social and environmental benefits. Most importantly, they play a key role in the circular economy, given the responsibilities for local public services: transports, solid waste, water, and energy. In this sense, cities can really contribute to the circular approach, by developing a forward-looking vision and promoting synergies across all these sectors.

Milan has taken a proactive approach on the circularity front, by joining several international organizations, like the Circular Economy 100 led by the Ellen MacArthur Foundation, which also includes the cities of Toronto and London, leading Silicon Valley companies (Apple, Google), and high-profile European businesses (Ikea, Tetra Pak).

Milan was welcomed to this program because of three still ongoing efforts. Firstly, the results achieved against food waste and the city’s commitment to creating shorter food chains according to the city Food Policy. Secondly, the city’s initiatives to increase awareness on sustainability in the fields of fashion and design, which are both key trends of Milan’s economy. Thirdly, the City of Milan adopted a new Resilience Strategy in the context of the 100 Resilient Cities network.

One of the city’s goals is the reduction of greenhouse gas emissions by 45% by 2030. The City of Milan also wants to improve the separate waste collection performance: currently, it performs at about 66% of waste recycling, but it aims to reach 75% by 2030. Moreover, the “Advancing towards zero waste declaration” aims to reduce the generation of solid waste per capita by at least 15% and the amount of waste disposal incineration by at least 50%, by 2030. Milan has also set targets related to the use of shared mobility services and the reduction of soil/oil consumption.

The city of Milan is framing its most important projects related to the circular economy, considering them from two perspectives. The first is to be read in terms of public instruments that can vary in terms of intensity of raising policy awareness, tax and fiscal incentives, grants, space concessions, and European funds. The second reading can be done in terms of food, waste, and energy. These metrics have been implemented in order to understand which were the most critical areas where the City of Milan could improve its performance.

The city focuses on aspects that are peculiar to its economy, such as fashion, design, and creativity. After the EXPO 2015, food became a new economic driver and it entered the public agenda. EXPO 2015 appointed Milan as an International Food Capital and has attracted and aggregated public and private initiatives in the agri-food sector.

Among these initiatives, the Milan Food Policy represents a crucial step, setting guidelines based on the principles of sustainability and social justice. Under this umbrella policy, different types of initiatives are framed and supported with special attention towards the reduction of food waste. The city has recently opened its 2nd hub against food waste, which will help collect 60 tons of food per year, the equivalent of 200.000 meals per day, and it will allow fighting social inequalities by redistributing food among those in need.

Furthermore, the city of Milan is also implementing two European-funded programs dedicated to the circular economy: OpenAgri and REFLOW.

“OpenAgri: New skills for new Jobs in Peri-urban Agriculture” is a project belonging to the Urban Innovative Action (UIA). On one hand, the project aims at experimenting with innovative ways to reconnect the urban and rural areas of the city; on the other hand, it will work on developing new skills and competencies to bring innovation in peri-urban agriculture. OpenAgri has two main objectives: the refurbish of a former farmstead (Cascina Nosedo) and the regeneration of 30 hectares of public agricultural land for experiments involving NGOs, companies, and citizens. The idea is to develop a project that covers a larger area than a farmstead alone, setting up laboratories for Agri-ecology and water recycling. According to this vision, Cascina Nosedo could become a circularity lab fostering the incubation of circular businesses and the R&D of new techniques for water recycling.

“REFLOW: Milan Pilot City” is a project funded under the HORIZON 2020 program in partnership with the Politecnico of Milan and three FabLabs (Polifactory, WeMake, and OpenDot). The goal is to realize a circular agri-food project connecting peri-urban agricultural activities to municipal covered markets, by developing different circular and tech solutions for sustainable food logistics and smart food transformation, distribution, and conservation processes.

The example of Milan – as explained by Lucia Scopelliti – proves that the Circular Economy represents a great opportunity for cities. There are different sectors where, for the public administration, it is urgent to take action. In these sectors, the circular economy allows multidimensional outcomes. For example, for a city, reducing food waste means developing its environmental, economic, and social resilience. Moreover, building circular production and consumption models can have a significant impact on the territory in terms of urban regeneration. Finally, these projects can be a driver for the development of new skills, jobs, and technology. This is true not also for the agri-food sector, but it applies also to other sectors, which might undergo a revolution in the next years.

You can read more about this topic in our report on Re-think Milan 2020.


Versione Italiana

Milano Circolare

Lucia Scopelliti, Responsabile dell’Unità Sviluppo Economico del Comune di Milano, è stata nostra ospite durante il nostro Re-think Circular Economy Forum lo scorso ottobre. In questa occasione, Lucia Scopelliti ha illustrato le azioni intraprese dalla città di Milano con l’obiettivo di trasformare i flussi di produzione e consumo da lineari a circolari.

Le esperienze sull’economia circolare a livello cittadino mostrano che le città hanno un ruolo attivo come promotori, facilitatori e abilitatori della transizione. Le città possono agire come promotori di strategie di economia circolare, ma sono anche facilitatori che collegano gli attori che operano lungo tutta la catena del valore, che non sono necessariamente abituati a collaborare tra loro. Infine, le città sono anche abilitatori chiave in quanto forniscono le condizioni perché l’economia circolare accada, istituendo incentivi, infrastrutture e mobilitando i fondi. Inoltre, poiché le città giocano un ruolo importante negli investimenti pubblici e negli acquisti, i governi subnazionali rappresentano il 60% degli investimenti pubblici nei paesi dell’OCSE.

Le città possono prendere in considerazione infrastrutture verdi, soluzioni basate sulla natura e opzioni a energia zero. Le città sono anche laboratori di innovazione che generano benefici sociali e ambientali. Soprattutto, i centri urbani giocano un ruolo chiave nell’economia circolare, in quanto responsabili dei servizi pubblici locali: trasporti, rifiuti solidi, acqua ed energia. In questo senso, le città possono davvero contribuire all’approccio circolare, sviluppando una visione lungimirante che promuova sinergie tra tutti questi settori.

Milano ha adottato un approccio proattivo sul fronte della circolarità, aderendo a diverse organizzazioni internazionali, come il Circular Economy 100 guidato dalla Ellen MacArthur Foundation, che comprende anche le città di Toronto e Londra, aziende leader della Silicon Valley (Apple, Google) e imprese europee di alto profilo (Ikea, Tetra Pak).

Milano è stata accolta in questo programma a causa di tre sforzi ancora in corso. In primo luogo, i risultati ottenuti contro lo spreco di cibo e l’impegno della città a creare catene alimentari più corte secondo la Food Policy cittadina. In secondo luogo, le iniziative della città per aumentare la consapevolezza sulla sostenibilità nei campi della moda e del design, che sono entrambi trend chiave dell’economia milanese. In terzo luogo, la strategia di resilienza adottata dal Comune di Milano e perseguita nel contesto della rete 100 Resilient Cities.

Uno degli obiettivi della città è la riduzione delle emissioni di gas serra del 45% entro il 2030. Il Comune di Milano vuole anche migliorare le prestazioni della raccolta differenziata: attualmente la città ricicla il 66% dei rifiuti che produce, ma punta a raggiungere il 75% entro il 2030. Inoltre, la “Dichiarazione di avanzamento verso rifiuti zero” mira a ridurre la produzione di rifiuti solidi pro capite di almeno il 15% e la quantità di incenerimento dei rifiuti di almeno il 50%, entro il 2030. Milano ha anche fissato degli obiettivi relativi all’uso di servizi di condivisione della mobilità e alla riduzione del consumo di suolo/olio.

La città di Milano sta inquadrando i suoi progetti più importanti legati all’economia circolare, considerandoli da due prospettive. La prima è da leggere in termini di strumenti pubblici che possono variare in termini di intensità di sensibilizzazione delle politiche, incentivi fiscali e tributari, sovvenzioni, concessioni di spazi, fondi europei. La seconda lettura può essere fatta in termini di cibo, rifiuti ed energia. Queste metriche sono state implementate per capire quali fossero le aree più critiche in cui il Comune di Milano poteva migliorare le proprie performance.

La città si concentra su aspetti peculiari della sua economia, come la moda, il design e la creatività. Dopo l’EXPO 2015, il cibo è diventato un nuovo driver economico ed è entrato nell’agenda pubblica. EXPO 2015 ha reso Milano la Capitale Internazionale del Cibo e ha attratto e aggregato iniziative pubbliche e private nel settore agroalimentare.

Tra queste iniziative, la Milano Food Policy rappresenta un passo cruciale, stabilendo linee guida basate sui principi di sostenibilità e giustizia sociale. Sotto questa politica ombrello, diverse iniziative sono inquadrate e sostenute, con una particolare attenzione verso la riduzione degli sprechi alimentari. La città ha recentemente aperto il suo 2° hub contro lo spreco alimentare, che aiuterà a raccogliere 60 tonnellate di cibo all’anno, l’equivalente di 200.000 pasti al giorno, e permetterà di combattere le disuguaglianze sociali ridistribuendo il cibo tra chi ne ha bisogno.

Inoltre, la città di Milano sta anche implementando due programmi finanziati dall’Unione Europea dedicati all’economia circolare: OpenAgri e REFLOW.

“OpenAgri: Nuove competenze per nuovi lavori nell’agricoltura periurbana” è un progetto appartenente all’Azione Innovativa Urbana (UIA). Da un lato, il progetto mira a sperimentare modi innovativi per riconnettere le aree urbane e rurali della città; dall’altro, faciliterà lo sviluppo di nuove abilità e competenze per portare innovazione nell’agricoltura periurbana. OpenAgri ha due obiettivi principali: la ristrutturazione di una ex cascina (Cascina Nosedo) e la rigenerazione di 30 ettari di terreno agricolo pubblico per esperimenti che coinvolgono ONG, aziende e cittadini. L’idea è quella di sviluppare un progetto che copra un’area più ampia della sola cascina, creando laboratori di agro-ecologia e riciclo dell’acqua. Secondo questa visione, Cascina Nosedo potrebbe diventare un laboratorio di circolarità che favorisca l’incubazione di imprese circolari e la R&S di nuove tecniche per il riciclo dell’acqua.

“REFLOW: Milano città pilota” è un progetto finanziato nell’ambito del programma HORIZON 2020 in collaborazione con il Politecnico di Milano e tre FabLab (Polifactory, WeMake e OpenDot). L’obiettivo è quello di realizzare un progetto agroalimentare circolare che colleghi le attività agricole periurbane ai mercati comunali coperti, sviluppando diverse soluzioni circolari e tecnologiche per una logistica alimentare sostenibile e processi intelligenti di trasformazione, distribuzione e conservazione del cibo.

L’esempio di Milano – come spiegato da Lucia Scopelliti – dimostra che l’Economia Circolare rappresenta una grande opportunità per le città. Ci sono diversi settori in cui, per la pubblica amministrazione, è urgente intervenire. In questi settori, l’economia circolare permette risultati multidimensionali. Per esempio, per una città, ridurre i rifiuti alimentari significa sviluppare la sua resilienza ambientale, economica e sociale. Inoltre, costruire modelli di produzione e consumo circolari può avere un impatto significativo sul territorio in termini di rigenerazione urbana. Infine, questi progetti possono essere un motore per lo sviluppo di nuove competenze, posti di lavoro e tecnologie. Questo è vero non solo per il settore agroalimentare, ma vale anche per altri settori, che potrebbero subire una rivoluzione nei prossimi anni.

Potete leggere di più su questo argomento nel nostro rapporto Re-think Milan 2020.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial