What do a pencil and fashion have in common?

English

What do a pencil and fashion have in common? Susanna Martucci, Founder Alisea – Perpetua and Alice Fortuna, Sustainability Communications Manager at WRAD Focus Design, explained to us – during our Re-think Circular Economy Forum 2020 in Milan – what it is and how it is possible.

Susanna Martucci is an entrepreneur whose job is to extend the life of materials. She has always worked in sales and communication and after 12 years of experience in a large Italian company, in 1994 she founded her own: Alisea. She was in the business of creating promotional “gadgets” made in Italy. However, a little over a year, products made in China arrived on the market and competing became impossible because they had unbeatable prices and looked exactly as the products she was making. She was risking of going out of business and leaving 20 people unemployed. 

One day of that same period she found herself in a bar where an acquaintance gave her a small notebook as a gift. When she opened it she read “no trees has been cut down for the production of this notebook”. This suddenly took her back to 1982 when she was on a train and by her side two university professors were having a conversation: “we are all sitting on a huge landfill, it’s a ticking bomb, a huge problem for future generations but also a great business opportunity for those who will be able to seize it”. However, in 1982, in Italy, nobody had a clue what household waste recycling actually meant.  

Then, she asked herself: “Why don’t we give a new life to waste?“. Therefore, she started speaking to her clients’ marketing departments and asked to see the waste their companies were producing. Thanks to the production managers she could walk through their production processes and she could learn about the technical data sheets of the materials. This is the moment when at Alisea they realized how, through creativity, all waste could become the protagonist of a fascinating story to tell. In fact, it was 1996 and from that intuition Alisea found a unique collocation on the market, becoming the only operator in Italy that has made of the recycling and reusing of materials a form of corporate identity. In the last 25 years Alisea has really worked with all sorts of materials: dismissed car tires, car reflectors from the automobile industry, disposable tableware and post-consumer plastic bottles. They have recovered tons of printed paper, crazy amounts of PVC used for advertising billboards and wasted textile materials from the processing of awnings. All these materials have been repurposed to create hundreds of objects for home, office and personal use, not only limited to B2B world but also to B2C. Through their creative processes they have been able to generate numerous advantages for all the players involved: for people at Alisea, for their clients, for the entire supply chain of their suppliers and above all for the environment and for people by keeping materials out of landfills and into the value chain through a circular approach to design.  

Fast forward to 2012. Susanna received a phone call from Cristina of Tecno E.D.M., a Turin-based company that manufactures graphite electrodes and produces 15 tons of graphite powder waste per year whose inevitable fate was the landfills. This is when Susanna asked herself, what can we do with this material and how can we extend its life? Back then, the only thing she knew about graphite was that it is usually used to make pencils. Therefore, she started studying and learning with Vittorio, CEO at Tecno E.D.M., everything about this fantastical material. For instance, in addition to being a pigment and having writing properties, it is also an excellent electrical, thermal and acoustic conductor; it is an abrasive but at the same time a lubricant and it acts as protective shield against electromagnetic waves. 

Susanna decided to look for a pencil manufacturer who could help her create a pencil based on Tecno E.D.M.’s wasted graphite powder. This is when she decided on becoming the only pencil manufacturer in Italy: an incredible opportunity for Alisea and for their clients, as long as the pencil becomes a manifesto that speaks of innovation, change, sustainability, design and future. After nine months, Perpetua (on the cover) the pencil was born, not a simple pencil but a disruption in an industry that has created pencils in the same exact way for hundreds’ of years. Perpetua is a beautiful black monolith, no tree has been cut down to produce it, it does not use glues or varnish, it does not get your hands dirty when you use it, if it falls it does not break and is made of 80% recycled graphite, saved from the landfills. Alisea patented both the material with which it is made – Zantech – and the production process and they deposited the design of the architect Marta Giardini, as she created Perpetua with a flat side so that it wouldn’t roll away when placed on an inclined surface. Perpetua has been a starting point that encouraged Susanna to rethink the way she worked. It encouraged her to do research and to explore the extraordinary characteristics of graphite.  

In 2015 Susanna meets Matteo Ward, 27 years old, with an incredible career in an important and iconic multinational fashion brand who just quit his job to pursue a dream. His dream is to change the fashion industry starting from education. She recognised herself in him and decided to help him in his project and to open the doors of her company and experience to him and his team. That chance today became a focus design company and innovative start-up whose name is WRAD.  

WRAD was then presented by Alice Fortuna (Sustainability Communications Manager at WRAD Focus Design). WRAD is a focused design company dedicated to catalysing positive change through education, innovation, design and communication. Indeed, when Susanna and Matteo (CEO and Co-founder of WRAD) met the only question she asked him was: I have tonnes and tonnes of wasted graphite powder that I am trying to get out of Italian landfills by producing pencils, but with 15 grams per pencil I will never make it, so, is there a way for you to use this incredible material in the textile industry?  

This is the moment when WRAD took the leap and started doing some in depth research about the possible applications of graphite powder to the textile industry. Surprisingly, they found out that Romans used to dye textiles with a dark and precious mineral which was graphite. Their research also revealed that, in a small town in Southern Italy named Monterosso Calabro, there used to be a graphite mine and that the local old women had the tradition of dyeing textiles with graphite powder. Therefore they went to Monterosso Calabro and met these women who have kept teaching this method through family generations for years. For this reason, the WRAD team decided to spend some days with them and to learn about the traditional dying technique. They took the knowledge and reinvented it in a new circular economy dynamics using the same graphite that Susanna recovered for Perpetua.  

After two years of research and development, Perpetua together with WRAD patented a new material called G_Pwdr technology, a dye that uses wasted graphite powder otherwise destined to landfill as substitute for chemical pigments.  

GRAPHI-TEE

The first product that has used this technology is the GRAPHI-TEE which is the first t-shirt dyed with recycled graphite powder. GRAPHI-TEE has quickly become a symbol of how trough symbiotic approaches, through partnerships and through a common objective there is the great opportunity to activate very interesting synergies that can give life to objects which have never existed before.  

Therefore, what has the project given life to so far? GRAPHI-TEE has been the first object born from what is now called the “Endorsed by Perpetua” program. Through this program Susanna’s company opens the door to whoever (architects, painters, entrepreneurs etc.) has interest in further studying, exploring and developing the opportunities that can come from this material. Moreover, she provides her 25 years of expertise, knowledge and contacts to make sure that new objects can actually be developed and produced starting from the recycled graphite powder. For instance, a company is using the recycled graphite as an ink for printing, another one is developing glasses made with the same material as the pencil so, in this way, the person who is wearing the glasses don’t get marks of graphite on his/her face and hands and at the same time if she/he is in a bar and needs to write something down could easily use the glasses as a pencil. 

This case shows how, with a different mindset and a different approach to design, to creativity, to materials we are able to create completely new objects and also to generate a lower environmental impact. Alice concluded her intervention with a Renzo Piano’s quote that goes “It is the young people who will save the planet. Young people are the messages we send to a world we will never see. They do not climb on our shoulders, we climb on theirs, to get a glimpse of the things that we will not be able to see or live”.   

 You can read more about this topic in our report on Re-think Milan 2020 or you can watch the video below.

Italiano

Cosa hanno in comune una matita e la moda?

Cos’hanno in comune una matita e la moda? Susanna Martucci, Founder di AliseaPerpetua e Alice Fortuna, Sustainability Communications Manager di WRAD Focus Design, ci hanno spiegato – durante il nostro Re-think Circular Economy Forum 2020 a Milano – cosa c’è in comune e come è possibile.

Susanna Martucci è un’imprenditrice che si occupa di estendere la vita dei materiali. Ha sempre lavorato nelle vendite e nella comunicazione e dopo 12 anni di esperienza in una grande azienda italiana, nel 1994 ha fondato la sua: Alisea. Si occupava di creare “gadget” promozionali made in Italy. Nel giro di poco più di un anno, però, arrivarono sul mercato prodotti fatti in Cina e competere divenne impossibile perché avevano prezzi imbattibili e sembravano esattamente come i prodotti che faceva lei. Rischiava di fallire e di lasciare 20 persone senza lavoro.

Un giorno di quello stesso periodo si trovò in un bar dove un conoscente le regalò un piccolo quaderno. Quando lo aprì lesse “nessun albero è stato abbattuto per la produzione di questo quaderno”. Questo la riportò improvvisamente al 1982, quando era su un treno e al suo fianco due professori universitari dicevano: “siamo tutti seduti su un’enorme discarica, è una bomba ad orologeria, un enorme problema per le generazioni future ma anche una grande opportunità di business per chi saprà coglierla”. Tuttavia, nel 1982, in Italia, nessuno aveva ancora idea di cosa significasse effettivamente il riciclo dei rifiuti domestici.  

Allora si chiese: “Perché non diamo nuova vita ai rifiuti?”. Così ha iniziato a parlare con gli uffici marketing dei suoi clienti e ha chiesto di vedere i rifiuti che le loro aziende producevano. Grazie ai responsabili della produzione ha potuto percorrere i loro processi produttivi e conoscere le schede tecniche dei materiali. Questo è il momento in cui in Alisea hanno capito come, attraverso la creatività, tutti i rifiuti potevano diventare protagonisti di una storia affascinante da raccontare. Era infatti il 1996 e da quell’intuizione Alisea trovò una collocazione unica sul mercato, diventando l’unico operatore in Italia che ha fatto del riciclo e del riuso dei materiali una forma di identità aziendale. In questi 25 anni Alisea ha lavorato davvero con ogni tipo di materiale: pneumatici dismessi, catarifrangenti dell’industria automobilistica, stoviglie usa e getta e bottiglie di plastica post-consumo. Hanno recuperato tonnellate di carta stampata, quantità pazzesche di PVC usato per i cartelloni pubblicitari e materiali tessili sprecati dalla lavorazione delle tende da sole. Tutti questi materiali sono stati riutilizzati per creare centinaia di oggetti per la casa, l’ufficio e l’uso personale, non solo limitati al mondo B2B ma anche al B2C. Attraverso i loro processi creativi sono stati in grado di generare numerosi vantaggi per tutti gli attori coinvolti: per le persone di Alisea, per i loro clienti, per l’intera catena di approvvigionamento dei loro fornitori e soprattutto per l’ambiente e per le persone, mantenendo i materiali fuori dalle discariche e nella catena del valore attraverso un approccio di design circolare

Nel 2012, Susanna riceve una telefonata da Cristina di Tecno E.D.M., un’azienda torinese che produce elettrodi di grafite e che produce 15 tonnellate di rifiuti di polvere di grafite all’anno il cui destino inevitabile era la discarica. Fu allora che Susanna si chiese: cosa possiamo fare con questo materiale e come possiamo estendere la sua vita? All’epoca, l’unica cosa che sapeva della grafite era che di solito si usa per fare le matite. Quindi, ha iniziato a studiare e imparare con Vittorio, CEO di Tecno E.D.M., tutto su questo fantastico materiale. Ad esempio, oltre ad essere un pigmento e ad avere proprietà di scrittura, è anche un ottimo conduttore elettrico, termico e acustico; è un abrasivo ma allo stesso tempo un lubrificante e fa da scudo protettivo contro le onde elettromagnetiche.

Susanna decise di cercare un produttore di matite che potesse aiutarla a creare una matita basata sulla polvere di grafite sprecata di Tecno E.D.M. Fu allora che decise di diventare l’unico produttore di matite in Italia: un’opportunità incredibile per Alisea e per i suoi clienti, a patto che la matita diventasse un manifesto che parla di innovazione, cambiamento, sostenibilità, design e futuro. Dopo nove mesi è nata la matita Perpetua (in copertina), non una semplice matita ma uno sconvolgimento in un’industria che ha creato matite nello stesso identico modo per centinaia di anni. Perpetua è un bellissimo monolite nero, nessun albero è stato abbattuto per produrla, non usa colle o vernici, non si sporca le mani quando la si usa, se cade non si rompe ed è fatta all’80% di grafite riciclata, salvata dalle discariche. Alisea ha brevettato sia il materiale con cui è fatto – Zantech – che il processo di produzione e ha depositato il disegno dell’architetto Marta Giardini, perché ha creato Perpetua con un lato piatto in modo che non rotolasse via quando era posizionata su una superficie inclinata. Perpetua è stato un punto di partenza che ha incoraggiato Susanna a ripensare il suo modo di lavorare. L’ha incoraggiata a fare ricerca e ad esplorare le straordinarie caratteristiche della grafite. 

Nel 2015 Susanna incontra Matteo Ward, 27 anni, con un’incredibile carriera in un importante e iconico marchio di moda multinazionale che ha appena lasciato il suo lavoro per inseguire un sogno. Il suo sogno è quello di cambiare l’industria della moda partendo dalla formazione. Lei si è riconosciuta in lui e ha deciso di aiutarlo nel suo progetto e di aprire le porte della sua azienda e della sua esperienza a lui e al suo team. Quella possibilità oggi è diventata un’azienda di focus design e una start-up innovativa il cui nome è WRAD che è stata poi presentata da Alice Fortuna (Sustainability Communications Manager di WRAD Focus Design). WRAD è un’azienda di focus design dedicata a catalizzare un cambiamento positivo attraverso l’educazione, l’innovazione, il design e la comunicazione. Infatti, quando Susanna e Matteo (CEO e co-fondatore di WRAD) si sono incontrati, l’unica domanda che gli ha fatto è stata: Ho tonnellate e tonnellate di polvere di grafite sprecata che sto cercando di togliere dalle discariche italiane producendo matite, ma con 15 grammi a matita non ce la farò mai, quindi, c’è un modo per te di utilizzare questo incredibile materiale nell’industria tessile? 

Questo è il momento in cui WRAD ha preso la palla al balzo e ha iniziato a fare delle ricerche approfondite sulle possibili applicazioni della polvere di grafite all’industria tessile. Sorprendentemente, hanno scoperto che i Romani tingevano i tessuti con un minerale scuro e prezioso che era la grafite. La loro ricerca ha anche rivelato che, in una piccola città del Sud Italia chiamata Monterosso Calabro, c’era una miniera di grafite e che le vecchie donne del posto avevano la tradizione di tingere i tessuti con la polvere di grafite. Così sono andati a Monterosso Calabro dove hanno incontrato queste donne che hanno continuato a insegnare questo metodo attraverso le generazioni familiari per anni. Per questo motivo, il team del WRAD ha deciso di trascorrere alcuni giorni con loro e di imparare la tecnica tradizionale di tintura. Hanno preso la conoscenza e l’hanno reinventata in una nuova dinamica di economia circolare usando la stessa grafite che Susanna ha recuperato per Perpetua.

Dopo due anni di ricerca e sviluppo, Perpetua insieme a WRAD ha brevettato un nuovo materiale chiamato tecnologia G_Pwdr, un colorante che utilizza la polvere di grafite sprecata altrimenti destinata alla discarica come sostituto dei pigmenti chimici. Il primo prodotto che ha utilizzato questa tecnologia è la GRAPHI-TEE che è la prima t-shirt tinta con polvere di grafite riciclata. GRAPHI-TEE è diventato rapidamente un simbolo di come attraverso approcci simbiotici, attraverso partnership e attraverso un obiettivo comune ci sia la grande opportunità di attivare sinergie molto interessanti che possono dare vita a oggetti mai esistiti prima.  

GRAPHI-TEE

Quindi, a cosa ha dato vita il progetto finora? GRAPHI-TEE è stato il primo oggetto nato da quello che ora si chiama il programma “Endorsed by Perpetua”. Attraverso questo programma l’azienda di Susanna apre le porte a chiunque (architetti, pittori, imprenditori ecc.) abbia interesse ad approfondire, esplorare e sviluppare le opportunità che possono venire da questo materiale. Inoltre, mette a disposizione i suoi 25 anni di esperienza, conoscenza e contatti per fare in modo che nuovi oggetti possano effettivamente essere sviluppati e prodotti a partire dalla polvere di grafite riciclata. Per esempio, un’azienda sta usando la grafite riciclata come inchiostro per la stampa, un’altra sta sviluppando occhiali fatti con lo stesso materiale della matita in modo che la persona che indossa gli occhiali non abbia segni di grafite sul viso e sulle mani e allo stesso tempo se si trova in un bar e ha bisogno di scrivere qualcosa può facilmente usare gli occhiali come una matita. 

Questo caso dimostra come, con una diversa mentalità e un diverso approccio al design, alla creatività, ai materiali siamo in grado di creare oggetti completamente nuovi e anche di generare un minore impatto ambientale. Alice ha concluso il suo intervento con una citazione di Renzo Piano che recita “Sono i giovani che salveranno il pianeta. I giovani sono i messaggi che mandiamo a un mondo che non vedremo mai. Loro non salgono sulle nostre spalle, noi saliamo sulle loro, per dare uno sguardo alle cose che noi non potremo vedere o vivere”.  

Potete leggere di più su questo argomento nel nostro rapporto su Re-think Milan 2020 o potete guardare il video qui.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial