Excess Materials Exchange

Excess Materials Exchange – A dating site for materials 

Who said only people can date? At our event Re-think Circular Economy Forum 2020 in Milan, Maayke Aimee Damen, presented Excess Materials Exchange, which she founded with the aim of creating a digital platform and marketplace where companies can exchange their excess materials or as she called it, a dating site for materials.  

Maayke started her presentation by posing two questions: what percentage of products we buy ends up as waste within six months? What percentage of material value is lost after a single use?

The answers are respectively 99% and 95%, much more than what most of the people would expect. In addition, the resource path trend is on the rise and it is projected to increase even further. At the same time, products on the market are becoming increasingly more complex. Moreover, estimations based on a forecast of materials for technology extracted, shows that there are not many resources left. While demand for resources and the complexity of the product are increasing, most of the European countries import raw materials. Focusing on the city of Amsterdam, the native land of Maayke, a great amount of materials is coming from countries outside Europe, as China and Russia. Due to the current situation, the economic and political tension is rising, so being independent on import is a risky choice. On the other hand, the recycling rates of these materials are very low. 

Even though we have overexploited our resources and we are very dependent on other countries, concrete actions on this topic have not been made, and instead worldwide waste-rate is expected to grow with 75% in 2050. The ultimate goal would be reaching a 100% global circular economy, in which resources are infinitely cycled across different sectors without having a negative environmental impact, but at the moment the world is only 8.6% circular and there’s a lack of relevant tools to bridge this gap. The question is about what we need to reach the target of 100%. To exchange materials on a large scale, information about the quality, the quantity and the locations of the materials is needed, but, by now, there is not a structural manner to collect this information. 

With the Excess Material Exchange, Maayke and her team provide a platform where companies can sell and buy any type of excess material. The digital marketplace functions as a dating site. It matches supply and demand and at the same type they match the materials with their highest valuable option, selected according to its financial and environmental impact. To start this process, it is necessary to give to all the products and materials around an identity similar to the ingredient list on food products.  

Products’ “identity” is displayed in the shape of a “resource passport” on the digital platform. The information contained in the passport are, for instance: how the product looks like; where it is; who is the seller; who are the potential buyers; what is the functionality of it; who is the actual owner; financial value etc. The identity is attached to the actual physical product in the form of a QR code or an ID chip. Next, data on products’ materials are collected and elaborated with AI to find the most suitable match. The AI also supports the integration process, because often the highest value match is found between different sectors and not in the same one. 

As a proof of this, a match was discovered between the plastic bottle industry and the carpet industry. Indeed, it is possible to recycle Polyethylene from plastic bottles’ PET and use it as a component for the carpet industry. The AI is essential in the matching process, due to the great amount of data taken into account. Another example of integration is that orange peels could be an ingredient for soap because they contain limonin. At the same time, the white part inside the peels could be used for animal feed or biogas. However, the optimal combination is the one that could exploit both the extraction of limonin and fibres, resulting in 50% reduction in cost and 99% reduction in carbon emission. As a last example, consider railway tracks that are around all Europe. They are usually sent back to China to be melted, while they could still be used in Europe as tracks in other functionality.  Indeed, in the Netherlands they are used as supporting buildings or quay walls. In this case, the most optimal match would be to use them as a support beam. The financial value at the end of the life of this product increases four times and the carbon emissions are reduced by almost 83%. 

In the pilot program, Excess Materials Exchange’s team collaborates with ten companies, like Philips, Schiphol, Sodexo, Dsm etc. In collaboration with them, they studied 17 materials’ streams and investigated if there was a higher value destination for them, instead of the one where they were currently going. Final results were much better than what initially expected. Indeed, they’ve created matches with a potential of 64million euros in financial value.  

At the same time, these solutions would: save enough energy for lights up the streets of Paris for 5 years; save enough carbon emission to compensate if all the citizens of Amsterdam would drive to Milan; save enough water to fill 86 Olympics swimming pools. These incredible results really give hope on the effects of a “circular revolution”. 

If you want to know more about it and about the speakers at the event check our final Report or watch the video below.  

Italiano

Excess Materials Exchange – Un sito di incontri per materiali 

Chi ha detto che solo le persone possono andare ad appuntamenti? Al nostro evento Re-think Circular Economy Forum 2020 a MilanoMaayke Aimee Damen, ha presentato Excess Materials Exchange, che ha fondato con l’obiettivo di creare una piattaforma digitale e un mercato dove le aziende possono scambiare i loro materiali in eccesso o, come l’ha chiamato lei, un sito di incontri per materiali.  

Maayke ha iniziato la sua presentazione ponendo due domande: Quale percentuale dei prodotti che compriamo finisce come rifiuto entro sei mesi? Quale percentuale del valore dei materiali si perde dopo un solo utilizzo?  

Le risposte sono rispettivamente il 99% e il 95%, molto più di quanto la maggior parte delle persone si aspetterebbe. Inoltre, la tendenza del percorso delle risorse è in aumento e si prevede un inremento ancora maggiore. Allo stesso tempo, i prodotti sul mercato stanno diventando sempre più complessi. Inoltre, le stime basate su una previsione di materiali per la tecnologia estratta, mostrano che non sono rimaste molte risorse. Mentre la domanda di risorse e la complessità del prodotto stanno aumentando, la maggior parte dei paesi europei importa materie prime. Se zoomiamo sulla città di Amsterdam, la terra natale di Maayke, una grande quantità di materiali proviene in realtà da paesi extraeuropei, come Cina e Russia. A causa della situazione attuale, la tensione economica e politica sta aumentando, quindi pensare di essere indipendenti dalle importazioni è una scelta rischiosa. D’altra parte, i tassi di riciclaggio di questi materiali sono ancora molto bassi. 

Anche se abbiamo sovrasfruttato le nostre risorse e siamo molto dipendenti da altri paesi, non sono state fatte azioni concrete su questo fronte, e invece si prevede che il tasso di rifiuti a livello mondiale crescerà del 75% nel 2050. L’ideale sarebbe quello di raggiungere un’economia circolare globale al 100%, in cui le risorse sono ciclabili all’infinito attraverso diversi settori senza avere un impatto ambientale negativo, ma al momento il mondo è circolare solo per l’8,6% e mancano strumenti rilevanti per colmare questo gap.  

La questione è di cosa abbiamo davvero bisogno per raggiungere l’obiettivo del 100%. Per scambiare materiali su larga scala, sono necessarie informazioni sulla qualità, la quantità e l’ubicazione dei materiali, ma, per ora, non c’è un modo strutturale per raccogliere queste informazioni. 

Con Excess Material Exchange, Maayke e il suo team forniscono una piattaforma dove le aziende possono vendere e comprare qualsiasi tipo di materiale in eccesso. Il mercato digitale funziona come un sito di incontri. Abbina la domanda e l’offerta e allo stesso tipo abbinano i materiali con la loro opzione di maggior valore, selezionata in base al suo impatto finanziario e ambientale. Per iniziare questo processo, è necessario dare a tutti i prodotti e materiali intorno un’identità simile alla lista degli ingredienti presente sui prodotti alimentari.  

L'”identità” dei prodotti viene visualizzata sotto forma di un “passaporto delle risorse” sulla piattaforma digitale. Le informazioni contenute nel passaporto sono, per esempio: come appare il prodotto; dove si trova; chi è il venditore; chi sono i potenziali acquirenti; qual è la sua funzionalità; chi è l’attuale proprietario; il valore finanziario ecc. L’identità è attaccata al prodotto fisico reale sotto forma di un codice QR o di un chip ID. Successivamente, i dati sui materiali dei prodotti vengono raccolti ed elaborati con l’AI per trovare la corrispondenza più adatta. L’AI supporta anche il processo di integrazione, perché spesso la corrispondenza di maggior valore si trova tra settori diversi e non nello stesso. 

Ad esempio, è stata scoperta una corrispondenza tra l’industria delle bottiglie di plastica e l’industria dei tappeti. Infatti, è possibile riciclare il polietilene dal PET delle bottiglie di plastica e usarlo come componente per l’industria dei tappeti. L’AI è essenziale nel processo di abbinamento, a causa della grande quantità di dati presi in considerazione. Un altro esempio di integrazione è che le bucce d’arancia potrebbero essere un ingrediente per il sapone perché contengono limonina. Allo stesso tempo, la parte bianca all’interno delle bucce potrebbe essere utilizzata per l’alimentazione animale o il biogas. Tuttavia, la combinazione ottimale è quella che potrebbe sfruttare sia l’estrazione della limonina che delle fibre, con una riduzione del 50% dei costi e del 99% delle emissioni di carbonio. Come ultimo esempio, consideriamo i binari ferroviari che sono in giro per tutta l’Europa. Di solito vengono rispediti in Cina per essere fusi, mentre potrebbero ancora essere utilizzati in Europa come binari in altre funzionalità.  Infatti, nei Paesi Bassi sono usati come supporto per edifici o muri di banchina. In questo caso, l’abbinamento più ottimale sarebbe quello di utilizzarli come travi di sostegno. Il valore finanziario alla fine della vita di questo prodotto aumenta di quattro volte e le emissioni di carbonio sono ridotte di quasi l’83%. 

Nel programma pilota, il team di Excess Materials Exchange collabora con dieci aziende, come Philips, Schiphol, Sodexo, Dsm ecc. In collaborazione con loro, hanno studiato 17 flussi di materiali e indagato se c’era una destinazione di maggior valore per loro, invece di quella dove andavano attualmente. I risultati finali sono stati molto migliori di quanto previsto inizialmente. Infatti, hanno creato partite con un potenziale di 64 milioni di euro di valore finanziario.  

Allo stesso tempo, queste soluzioni avrebbero: risparmiato abbastanza energia per illuminare le strade di Parigi per 5 anni; risparmiato abbastanza emissioni di carbonio per compensare se tutti i cittadini di Amsterdam andassero in auto a Milano; risparmiato abbastanza acqua per riempire 86 piscine olimpiche. Questi incredibili risultati fanno davvero sperare sugli effetti di una “rivoluzione circolare”. 

Se volete saperne di più su questo e sui relatori dell’evento, controllate il nostro Report finale o guardate il video qui.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial