The hidden resources

In occasion of our event Re-think Circular Economy Forum in Milano last October we had the pleasure to have as guest Karin Beukel, Co-Founder at Circular Food Technology, who explained us how 10% of estimated 2027 global food shortage can be covered by ONE waste stream.  

Karin began by acknowledging the consequences of a linear food ecosystem, which is the result of a food system focused on the economy of scale and scope. Worldwide consequences like food loss, hunger, malnutrition and over consumption. Food Loss: 1/3 of all food produced is never consumed.  

Hunger: 820 million people suffer from hunger; 2 billion people are food insecure and 785 million people lack access to safe and clean water.  

Malnutrition: 13% of the adult population is obese. In 2017 obesity was the underlying cause for 8% of deaths.  

Over consumption: we are currently consuming at a rate where we would need more than 1,7 of the planet every year, and 22% of global CO2 emissions comes from the food sector.  

As a way to tackle these challenges, Circular Food Technology is following the path of up-cycled food. Ingredients that otherwise would have not gone to human consumption are procured and produced using verifiable supply chains, and have a positive impact on the environment.  

They believe this is the new market trend because recent market data shows:  

-A growth of 20% in sustainable fast-moving consumer good sales (Nielsen, 2019)  

Up-cycled food market is 47 billion USD in the US market (Future Market Insights) 57% of customers aim to buy up-cycled food in the coming years (Mattson, 2019)  

-Consumers are ready to pay more for up-cycled products than conventional products (Drexel Uni).  

Circular Food Technology focuses on Brewer’s spent grains (BSG) which are leftovers in the beer production. BSG are demolded and mashed grains used to brew. Every year more than 40 million tons of spent grains are discarded as waste and just 1 ton of BSG can be transformed into 200 kg of highly nutritional flour and 4 to 500 l of enriched liquid.  

Circular Food Technology’s mission is to up-cycle lost food resources from the industry in order to create more food from existing resources and to provide nutritious and healthy food without compromising the culinary experience.  

Their vision is to establish circular food economy:  

-to limit hunger, malnutrition and lack of resources and clean water;  

-to improve the climate impact of the wood and beverage industry.  

Their business model is built on three basic ground pillars:  

Technology: their patent pending processing and technology is a combination of deep industrial technology and hyper modern AI tools.  

-Innovation: open innovation and collaboration is the DNA of Agrain. They build their business through partnerships with both academia and commercial partners.  

Scalability: they want to have a global outreach, across countries in different development stages.  

They built a modular business model, from tech to the go-to market, that can be scaled down to fit into local contexts.  Karin Beukel also showed how the value added comes through the different steps of up-cycling 1 ton of BSG. Discharging BSG as biomass has a value of 20€, when used as feed it has a value of 40€, after it has been processed into flour, the value increases to 800€ and when it is put into Ready To Eat (RTE) products it is 4.000 €. It is 100 times the value (from feed to RTE) and from just 1 ton of BSG it is possible to rescue 0,5 million kcal (40 kg of proteins and 110 Kg of dietary fiber).  

So, it has a huge potential both economically and nutritionally.  The main Agrain products in the Danish market are Agrain Super flour, Ready To Eat products and they are also launching Ready To Drink products. Their ambition is to set up 5 productions in 5 markets in 5 years.   

Circular Food Technology pushes this agenda in both developed countries, by marketing healthy and sustainable alternatives to on-market products, and also in developing countries by establishing local productions with local partners, to ensure better resource management and real local and global impact. They will build this business together with partners and they constantly scout the right ones to build this with.  The current business model is built on direct sales of already existing products (RTE products and super grain flour) with a core customer value of sustainability, tasty and healthy food products.  

They offer to future partners a model for up-cycling BSG to a safe and versatile market, Ready To Eat ingredients through an innovative combination of complex technology processing and product market fit. This product offering also comes with service and support in terms of R&D, IP and brand name.  

Through this model and partnerships across the world, they work for a sustainable future linking directly to the UN Developments Goals 2 (Zero Hunger), 6 (Clean Water and Sanitation), 12 (Responsible Consumption and Production), 13 (Climate Change) and 17 (Partnerships for the Goals).  She underlined the need to build a circular food system in the future with all stakeholders throughout the value chain. They need researchers for knowledge creation on up-cycled food. They need the support from food manufactures to commercialize up-cycled food and to support these new innovators in implementing up-cycled food ingredients into current products. Consumers should demand that up-cycled food will be put on the shelves and to spread the knowledge of up-cycled food and circular food in the future. Also, Chefs and Kitchens can help with this by testing, learning and creating new innovative food products based on these ingredients. Then, policymakers need to build and implement a legislative framework that supports the up-cycled food industry. Investors must support and develop innovative start-ups worldwide.  

She concluded by saying that BSG is only one waste stream and by up-cycling it we can alone cover 10% of estimated global calorie deficit in 2027.  

Read more about this topic and the others in our report Re-think Milan 2020 or watch the video below. 

Italiano 

Le risorse nascoste. 

In occasione del nostro evento Re-think Circular Economy Forum a Milano lo scorso ottobre abbiamo avuto il piacere di avere come ospite Karin Beukel, co-fondatrice di Circular Food Technology, che ci ha spiegato come il 10% della carenza globale di cibo stimata per il 2027 possa essere coperta da UN solo flusso di rifiuti.  

Karin ha iniziato riconoscendo le conseguenze di un ecosistema alimentare lineare, che è il risultato di un sistema alimentare focalizzato sull’economia di scala e di scopo. Conseguenze mondiali come la perdita di cibo, la fame, la malnutrizione e il consumo eccessivo. 

Perdita di cibo: 1/3 di tutto il cibo prodotto non viene mai consumato.  

Fame: 820 milioni di persone soffrono la fame; 2 miliardi di persone sono in condizioni di insicurezza alimentare e 785 milioni di persone non hanno accesso ad acqua sicura e pulita.  

Malnutrizione: Il 13% della popolazione adulta è obesa. Nel 2017 l’obesità è stata la causa alla base dell’8% dei decessi.  

Consumo eccessivo: attualmente stiamo consumando a un ritmo in cui avremmo bisogno di più di 1,7 del pianeta ogni anno, e il 22% delle emissioni globali di CO2 proviene dal settore alimentare.  

Come un modo per affrontare queste sfide, la Circular Food Technology sta seguendo la strada del cibo up-cycled. Gli ingredienti che altrimenti non sarebbero andati al consumo umano sono procurati e prodotti utilizzando catene di approvvigionamento verificabili, e hanno un impatto positivo sull’ambiente.  

Credono che questa sia la nuova tendenza del mercato perché i recenti dati di mercato mostrano:  

Una crescita del 20% nelle vendite di beni di consumo veloci sostenibili (Nielsen, 2019)  

Il mercato del cibo up-cycled è di 47 miliardi di dollari nel mercato statunitense (Future Market Insights) Il 57% dei clienti punta ad acquistare cibo up-cycled nei prossimi anni (Mattson, 2019)  

– I consumatori sono pronti a pagare di più per i prodotti up-cycled rispetto ai prodotti convenzionali (Drexel Uni).  

La Circular Food Technology si concentra sui Brewer’s spent grains (BSG) che sono gli avanzi della produzione della birra. I BSG sono grani sformati e schiacciati usati per la produzione della birra. Ogni anno più di 40 milioni di tonnellate di grani esausti vengono scartati come rifiuti e solo 1 tonnellata di BSG può essere trasformata in 200 kg di farina altamente nutritiva e da 4 a 500 l di liquido arricchito.  

La missione di Circular Food Technology è quella di riciclare le risorse alimentari perse dall’industria per creare più cibo dalle risorse esistenti e fornire cibo nutriente e sano senza compromettere l’esperienza culinaria. La loro visione è di stabilire un’economia alimentare circolare:  

– limitare la fame, la malnutrizione e la mancanza di risorse e di acqua pulita;  

– migliorare l’impatto climatico dell’industria del legno e delle bevande.  

Il loro modello di business è costruito su tre pilastri fondamentali:  

– Tecnologia: la loro lavorazione e tecnologia in attesa di brevetto è una combinazione di profonda tecnologia industriale e strumenti di AI iper moderni.  

– Innovazione: l’innovazione aperta e la collaborazione sono il DNA di Agrain. Costruiscono il loro business attraverso partnership sia con il mondo accademico che con partner commerciali.  

– Scalabilità: vogliono avere una portata globale, attraverso paesi in diverse fasi di sviluppo.  

Hanno costruito un modello di business modulare, dalla tecnologia al go-to market, che può essere scalato per adattarsi ai contesti locali. Karin Beukel ha anche mostrato come il valore aggiunto arriva attraverso le diverse fasi di up-cycling di 1 tonnellata di BSG. Scaricando il BSG come biomassa ha un valore di 20€, quando viene usato come mangime ha un valore di 40€, dopo che è stato trasformato in farina, il valore aumenta a 800€ e quando viene messo in prodotti Ready To Eat (RTE) è di 4.000€. È 100 volte il valore (da mangime a RTE) e da una sola tonnellata di BSG è possibile recuperare 0,5 milioni di kcal (40 kg di proteine e 110 kg di fibra alimentare).  Quindi, ha un enorme potenziale sia economico che nutrizionale.  

I principali prodotti Agrain sul mercato danese sono la Super farina Agrain, i prodotti Ready To Eat e stanno anche lanciando prodotti Ready To Drink. La loro ambizione è di creare 5 produzioni in 5 mercati in 5 anni.   

Circular Food Technology spinge questa agenda sia nei paesi sviluppati, commercializzando alternative sane e sostenibili ai prodotti in commercio, sia nei paesi in via di sviluppo, stabilendo produzioni locali con partner locali, per garantire una migliore gestione delle risorse e un reale impatto locale e globale. Costruiranno questo business insieme ai partner e sono costantemente alla ricerca di quelli giusti con cui costruirlo.  

L’attuale modello di business è costruito sulla vendita diretta di prodotti già esistenti (prodotti RTE e farina di super cereali) con un valore di base per il cliente di sostenibilità, prodotti alimentari gustosi e sani. Offrono ai futuri partner un modello per l’up-cycling di BSG verso un mercato sicuro e versatile, ingredienti Ready To Eat attraverso una combinazione innovativa di elaborazione di tecnologie complesse e adattamento al mercato dei prodotti. Questa offerta di prodotti viene anche con il servizio e il supporto in termini di R&S, IP e marchio.  

Attraverso questo modello e le partnership in tutto il mondo, lavorano per un futuro sostenibile che si collega direttamente agli obiettivi di sviluppo delle Nazioni Unite 2 (Fame zero), 6 (Acqua pulita e servizi igienici), 12 (Consumo e produzione responsabili), 13 (Cambiamento climatico) e 17 (Partnership per gli obiettivi).  

Ha sottolineato la necessità di costruire un sistema alimentare circolare in futuro con tutte le parti interessate in tutta la catena del valore. Hanno bisogno di ricercatori per la creazione di conoscenze sul cibo riciclato. Hanno bisogno del sostegno dei produttori alimentari per commercializzare gli alimenti riciclati e per sostenere questi nuovi innovatori nell’implementazione degli ingredienti alimentari riciclati nei prodotti attuali. I consumatori dovrebbero esigere che il cibo riciclato sia messo sugli scaffali e diffondere la conoscenza del cibo riciclato e del cibo circolare in futuro. Inoltre, gli chef e le cucine possono aiutare in questo test, imparando e creando nuovi prodotti alimentari innovativi basati su questi ingredienti. Poi, i politici devono costruire e implementare un quadro legislativo che supporti l’industria del cibo up-cycled. Gli investitori devono sostenere e sviluppare start-up innovative in tutto il mondo.  

Ha concluso dicendo che il BSG è solo un flusso di rifiuti e con l’up-cycling possiamo coprire da soli il 10% del deficit calorico globale stimato nel 2027.  

Leggi di più su questo argomento e gli altri nel nostro rapporto Re-think Milan 2020 o guarda il video qui. 

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial