Circular Tourism

By Valentina Ndou – Prof.ssa presso Facoltà di Ingegneria dell’Innovazione, Università del Salento 

How can tourism firms contribute to the CE development?

Today, the tourism sector is at a turning point. The Covid -19 pandemic situation is considered a unique event with disastrous effects on the socio-politic and economic situation of countries, organizations, and businesses. Tourism has been among the hardest hit by the pandemic situation with a simultaneous shock in demand and supply.  

Understandably, many tourism researchers worldwide are now debating about strategies, policies, and new business models for sector recovery and restart. What is being echoed by most researchers is to convert the challenges of this crisis into opportunities for rethinking and innovating the competitive strategies of the sector to resist destruction as well as for growth and renewal.  

While the pandemic situation has profoundly affected the tourism value chain worldwide, sustainable tourism development is emerging as a critical issue for future development trajectories. It is being widely argued that sectors’ recovery needs to be based on sustainable tourism development models that boost the efficient use of natural resources while producing less waste and addressing the challenges of climate change and biodiversity (UNWTO, 2020).  

The awareness of the significant impact, in terms of GDP, of tourism on a global scale and the growing diffusion of the digital transformation process that the sector is experiencing, also increases attention to the environmental impacts of the sector. On this aim, a new economic paradigm, known as “circular economy” (CE), has emerged recently to deal with the sustainability issues that are increasingly applied in tourism research and practice. CE is considered “an alternative industrial paradigm to the traditional “take, make, dispose of” economic model”. In recent years, the research on CE for sustainability has become an important field of practice and research for the manufacturing sector. While, research and empirical evidence within the tourism context are yet in their infancy. Also, the measures foreseen by the PNRR also base the strategy of support and relaunching of this sector on the need for a new concept of value. 

The CE approach is being echoed “as the guiding light for achieving a resilient and sustainable tourism ecosystem. This is due also to the fact that despite the tourism sector’ positive socio-economic contributions, in terms of GDP, jobs, and growth, it is also responsible for a  range of negative environmental and social impacts related to pressure on ‘natural capital’ and local resources, its impact to ecological habitat, the utilization and consumption of different resources and materials such as land buildings, furniture, vehicles, fossil fuel, food, textiles, as well as its influence to global greenhouse gas emissions (especially by air, rail and road transport, goods and services consumption, accommodation, etc.).  The consumption and production model of the sector is yet largely based on a linear take-make-dispose model due to its dependence on huge amounts and flows of raw and natural resources.  Undeniably the tourism sector could contribute in a very relevant way to the development of a CE considering its heterogeneity, complexity, inter and multidisciplinary value ecosystem chain as well as its interconnectedness with a variety of indirect value chains, activities, and sectors.  

In addition, it’s worth noting as, the circular economy links to the UN’s Sustainable Development Goal number twelve – sustainable consumption and production. This goal is aimed at reducing resource use and pollution and looks at the use of goods along their whole life cycle. 

The practices of recovery, reuse, redevelopment, valorization, and regeneration are key for circular tourism. Many CE practices and strategies can be deployed to tourism businesses and destinations to create a more sustainable experience for all stakeholders by reducing consumption of natural resources along with the negative implications on social and environmental sustainability. In the current debate on sustainable tourism, the practices related to a CE are being considered critical and relevant due to its promises as an “integrative and instructive framework for encouraging more sustainable tourism practices”  

But what initiatives, activities or approaches can be implemented for a transition to a circular economy for tourism businesses? 

In this article, we describe some initiatives, that can be undertaken by tourism facilities for a radical transition to sustainability. 

Engage in energy efficiency solutions that help reduce greenhouse gas emissions and environmental impact. Achieve this goal by reducing the consumption of fossil fuels and increase the production of energy from alternative sources such as through the installation of photovoltaic panels; the replacement of traditional technology with LED technology; activating automated regulation and control tools, the installation of smart devices to adapt the degree of lighting in real time to natural light, but also to reduce electricity consumption. 

Use products and materials that are durable, natural, recyclable and modular – to efficiently manage their natural resources, such as water.  

Reduce water waste, through the use of technological tools and filters that allow saving consumption; Installation of recovery systems for the reuse of gray water that can be treated and reused for non-drinking purposes, In tourist facilities most of the wastewater is recoverable and reused for fire extinguishing systems, feeding fountains and water tanks, irrigation systems and air conditioning circuits, etc..  

It becomes essential to reduce resource consumption by undertaking initiatives to reuse, recover and treat resources efficiently, also considering recent supply emergencies.  

Manage Waste more efficiently, thanks to a reduction in the use of beverages in plastic packaging and a commitment to reduce the production of undifferentiated waste and wet waste to be sent to landfills. 

Reuse food: initiatives aimed at reusing food waste can be undertaken that help extend its life and use, for example by reusing it in agricultural production for chemical-based fertilizers. 

Make use of ecological products: where possible, using ecological products for cleaning, biodegradable products for catering (placemats, containers, etc.). 

Adopt advanced digital technologies that contribute to the design of a sustainable environment such as online check-in (eliminating the consumption and use of paper); intelligent management of consumption in the rooms: room power lines operating with the key card inserted in the reader, air conditioning controlled by sensors placed on the windows and operating only when doors and windows are closed. 

Finally, collaboration with all stakeholders towards circular economy principles is essential. This can be done by engaging suppliers in sustainable production and consumption processes to promote and implement closed-loop processes and innovative sourcing of materials, products and raw materials. Collaborate with the local community for the procurement of goods and services, favoring km0 products, local products to support the local economy and reduce transport distances and therefore the emission of CO2 into the air. Increasing the awareness of staff, tourists and also the local community through meetings and training to make all operators aware of the impact of their actions on the social, economic and environmental ecosystem, as well as to promote the adoption of the principles of circular economy.  

All these initiatives allow tourism facilities to achieve several benefits in terms of cost reduction, socio-economic and environmental impact, supply chain sustainability, GHG emission reduction, energy efficiency, development of new skills and capabilities, waste reduction, reputation. 

Thus, we can say that tourism businesses can contribute to sustainability and the adoption of circular economy principles. The adoption of a CE business model based on resilient and innovative business models can be crucial to develop differentiation strategies for the post-Covid-19 restart of the tourism sector. However, the full transition to a new socio-technological-economic system, is a multi-level and multi-dimensional process that requires economic, social, cultural and political interventions as well as a new conceptualization of the purpose of the enterprise, the logic that drives its value creation and rethinking its perceptions of value. 

Italiano

In che modo le aziende del settore turistico possono contribuire allo sviluppo dell’Economia Circolare? 

Il settore del turismo si trova oggi ad un punto di svolta. L’ emergenza sanitaria Covid19, senza precedenti, ha avuto ripercussioni uniche sia sociali che economiche. Gli impatti economici hanno riguardato tutte le filiere, interessando sia le imprese che le destinazioni turistiche. Molte imprese appartenenti ai vari comparti del turismo o ad esso riconducibili hanno registrato immediatamente una grande crisi di liquidità dovuta alla contrazione quasi totale della domanda. 

Tra i vari settori, il turismo è uno tra i più colpiti dalla crisi, con una contrazione simultanea nella domanda e nell’offerta. In tutto il mondo i ricercatori impegnati sulle tematiche del turismo stanno discutendo sulle strategie, politiche e nuovi modelli di business per la ripartenza post Covid. L’incertezza che l’industria del turismo sta vivendo nel pianificare la ripartenza, richiede di soffermarsi sui nuovi modelli di gestione del turismo e approcci innovativi e sostenibili per la creazione di valore.  

Se da un lato l’intera catena del valore del turismo è stata profondamente modificata dalla pandemia dall’altro lo sviluppo del turismo sostenibile sta emergendo come uno dei principali driver per lo sviluppo futuro. La consapevolezza del significativo impatto, in termini di PIL, del turismo su scala mondiale e la crescente diffusione del processo di trasformazione digitale che il settore sta vivendo, aumenta anche l’attenzione sugli impatti ambientali del settore  

Anche le misure previste dal PNRR basano la strategia di sostegno e rilancio di questo settore, all‘insegna della sostenibilità e si focalizzano su: rigenerazione del patrimonio culturale e turistico, valorizzazione degli asset e delle competenze distintive nonché digitalizzazione. In linea con questi obiettivi, un nuovo paradigma economico, conosciuto con il termine di “economia circolare” (CE), rappresenta un modello valido per affrontare il tema della sostenibilità ambientale. L’economia circolare riveste grande attualità nel dibattito scientifico, istituzionale e manageriale e viene definita come un “paradigma industriale alternativo al tradizionale modello lineare “creare-usare-gettare”.  

Il tema dell’economia circolare può rappresentare una importante prospettiva per gestire la complessità della situazione attuale, poiché possono essere considerati importanti driver per guidare il tanto auspicato cambio di paradigma nella gestione del turismo, rappresentando nuovi scenari per la creazione di valore sostenibile, sia per aziende turistiche che per le destinazioni. 

Il modello dell’Economia circolare si sta diffondendo anche tra le imprese del settore turistico. Infatti, proprio questi giorni è stato pubblicato un articolo sul portale officina turistica sull’ aviazione sostenibile, realizzato da” British Airways” con il suo primo volo “carbon neutral’, alimentato da carburante per aviazione sostenibile, prodotto con olio da cucina riciclato. Questo ci lascia intravedere l’impegno verso una economia più sostenibile ma anche le prospettive per il futuro.   

I principi dell’economia Circolare possono servire come linee guida per la definizione di un ecosistema turistico resiliente e sostenibile. Questo considerando soprattutto l’impatto che tale settore, nonostante i contributi socio-economici positivi in termini di PIL, posti di lavoro e crescita, ha sull’ambiente e nella società principalmente legato allo sfruttamento delle risorse naturali e all’emissioni globali di gas serra (specialmente per il trasporto aereo, ferroviario e stradale trasporto, consumo di beni e servizi, alloggio, ecc.). Il turismo, infatti, è e identificato come uno dei settori più inquinanti. Il viaggio è generalmente associato ad elevate emissioni di CO2, poiché le destinazioni sono spesso lontane e gli aerei e le auto sono il mezzo di trasporto più utilizzato per raggiungerle.  

L’attuale modello di consumo e produzione del settore è ancora basato su un modello lineare “creare-usare-gettare” a causa della sua dipendenza da enormi quantità e flussi di materie prime e risorse naturali. La piena attuazione del turismo e sostenibile può trarre utile ispirazione dai pilastri e dai principi dell’economia circolare, quale area di studio afferente alla scienza della sostenibilità avente l’obiettivo di ridurre gli impatti ambientali e promuovere modelli di sviluppo sostenibili. L’economia circolare ridisegna i modelli di crescita, concentrandosi su benefici positivi derivanti dall’efficienza produttiva dei sistemi produttivi, distributivi e di consumo oltre che dalla progettazione di percorsi alternativi e di riuso dei rifiuti.  

Le pratiche di recupero, riutilizzo, riqualificazione, valorizzazione e rigenerazione sono attività fondamentali per il “turismo circolare”. Molti approcci di Economia Circolare possono essere adottati nelle imprese turistiche e nelle destinazioni turistiche per creare un’esperienza più sostenibile, riducendo il consumo di risorse naturali e gli impatti sulla sostenibilità sociale e ambientale. 

Ma quali iniziative, attività o approcci si possono attuare per una transizione verso l’economia circolare per le imprese turistiche? 

In questo articolo, descriviamo alcune iniziative, che si possono intraprendere dalle strutture turistiche per una radicale transizione verso la sostenibilità. 

Impegnarsi nell’ adottare soluzioni di efficienza energetica che contribuiscono alla riduzione delle emissioni di gas serra e l’impatto ambientale. Raggiungere questo obiettivo è possibile riducendo il consumo di energia fossile e aumentare la produzione di energia da fonti alternative come ad esempio tramite l’installazione di pannelli fotovoltaici; la sostituzione della tecnologia tradizionale con quella a LED; attivando strumenti di regolazione e controllo automatizzati, l’installazione di dispositivi smart per adattare in tempo reale il grado di illuminazione alla luminosità naturale, ma anche per ridurre il consumo di elettricità. 

Utilizzare prodotti e materiali durevoli, naturali, riciclabili e modulari – per gestire in modo efficiente le proprie risorse naturali, come l’acqua.  

Ridurre gli sprechi idrici, tramite l’uso di strumenti tecnologici e filtri che consentano di risparmiare sui consumi; Installazione di sistemi di recupero per il riutilizzo delle acque grigie che può essere trattata e riutilizzata per scopi non potabili, Nelle strutture turistiche la maggior parte delle acque reflue è recuperabile e ritualizzabili per i sistemi di estinzione degli incendi, l’alimentazione di fontane e serbatoi d’acqua, sistemi di irrigazione e circuiti di impianti di condizionamento, ecc. Diventa fondamentale ridurre i consumi delle risorse, intraprendendo iniziative di riuso, recupero e trattamento efficiente delle risorse, considerando anche le recenti emergenze nell’approvvigionamento.  

Gestire in maniera più efficiente i rifiuti, grazie alla riduzione dell’uso di bevande in imballaggi di plastica e all’impegno a ridurre la produzione di rifiuti indifferenziati e di umido da inviare in discarica. 

Riutilizzare il cibo: iniziative volte all’ riutilizzo dei rifiuti alimentari si possono intraprendere che contribuiscono a prolungare la loro vita e il loro utilizzo, ad esempio riutilizzandoli nella produzione agricola per i fertilizzanti a base chimica. 

Fare uso di prodotti ecologici: dove possibile, utilizzando prodotti ecologici per la pulizia, prodotti biodegradabili per la ristorazione (tovagliette, contenitori ecc). 

Adottare tecnologie digitali avanzate che contribuiscono alla progettazione di un ambiente sostenibile come il check-in online (eliminando il consumo e l’uso della carta); la gestione intelligente dei consumi nelle camere: linea elettrica delle camere funzionante con la carta chiave inserita nel lettore, aria condizionata controllata da sensori posti sulle finestre e funzionante solo a porte e finestre chiuse. 

Infine, la collaborazione con tutte le parti interessate verso i principi dell’economia circolare è indispensabile. A tale scopo si possono coinvolgere i fornitori nei processi di produzione e consumo sostenibili per promuovere e attuare processi a ciclo chiuso e l’approvvigionamento innovativo di materiali, prodotti e materie prime. Collaborare con la comunità locale per l’approvvigionamento di beni e servizi, favorendo i prodotti a km 0, i prodotti locali per sostenere l’economia locale e ridurre le distanze di trasporto e quindi l’emissione di CO2 nell’aria.  

Accrescere la consapevolezza del personale, dei turisti e anche della comunità locale tramite incontri e formazione per sensibilizzare tutti operatori sull’impatto delle loro azioni sull’ecosistema sociale, economico e ambientale, nonché per promuovere l’adozione dei principi dell’economia circolare.  

Tutte queste iniziative permettono alle strutture turistiche di ottenere una serie di benefici in termini di riduzione dei costi, impatto socio-economico e ambientale, sostenibilità della catena di approvvigionamento, riduzione delle emissioni di gas serra, efficienza energetica, sviluppo di nuove competenze e capacità, riduzione dei rifiuti, reputazione. Quindi, possiamo affermare che le imprese turistiche possono contribuire alla sostenibilità e all’adozione dei principi dell’economia circolare.  

L’adozione di un modello di business CE basato su modelli di business resilienti e innovativi può essere fondamentale per sviluppare strategie di differenziazione per la ripartenza post-Covid-19 del settore turistico. Tuttavia, il passaggio completo verso un nuovo sistema socio-tecnologico-economico, è un processo multilivello e multidimensionale che richiede interventi economici, sociali, culturali e politici così come una nuova concettualizzazione dello scopo dell’impresa, la logica che guida la sua creazione di valore e ripensare le sue percezioni del valore. 

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial