Mixcycling: a CE real-life example

The startup from Vicenza recovers organic residues to nobilitate them and give them new life.

Mixcycling blends are materials that carry an important message of sustainability, calling for a more virtuous use of resources.

What is Mixcycling?

Mixcycling Srl is an innovative startup that creates sustainable biocomposites by recovering organic scrap fibers and combining them with polymer bases (carriers) which can be biobased, recycled, virgin, biodegradable, or biodegradable and compostable. Born at the start of 2020, it is a young, dynamic company but with a long history behind it: it originates from a 50 year-old closures producer with a strong background in cork processing and injection moulding. It was from the necessity of recovering a valuable scrap like cork that the Mixcycling® concept was born. Proprio dalla necessità di recuperare uno scarto di valore come il sughero è sorto il concept. Since the startup was established in 2020, new fibers have joined the cork-based blends, like rice husk, miscanthus, marc and numerous other, which the company constantly researches and tests.

The Triangular Economy

Mixcycling blends are materials that carry an important message of sustainability, calling for a more virtuous use of resources. The blends’ production process itself, which involves nobilitating scraps, is an example of this message, articulated in the concept of Triangular Economy. Introduced by Mixcycling in early 2020, it is meant to complete and add to the popular concept of Circular Economy. Born in contrast to the more ‘traditional’ idea of a linear economy, where a product is made, used, and thrown away, the circular economy model advocates for a better use of resources, so after being consumed the product is recovered or parts of it are recycled and are put back into the production process. Mixcycling has made this concept even more virtuous and has produced the first materials of the triangular economy: using a client’s production scraps, the startup was able to create a new blend which could be used to make packaging for the same product which had generated the scrap.

Partner in sustainability

Mixcycling aims to be not a mere producer of materials, but rather a sustainability project partner. The creation of an ecosystem based on partnerships and open innovation is a fundamental aspect of Mixcycling’s business proposition. The startup accompanies its partner through every step of the project’s realisation: not only does it produce and design “tailor-made” blends, customised for the partner’s desired application, but it also offers support in identifying sustainable solutions. With its biocomposites, Mixcycling offers the market an alternative to conventional fossil-based plastic. The blends are suitable for processing through existing technologies, such as injection moulding, extrusion, and 3D printing and can be destined to a variety of applications (including the automotive sector, e-devices, packaging and others). For this reason Mixcycling materials allow for fast, large-scale adoption by industry actors wishing to undertake a transition towards sustainability, but unable or unwilling to face radical changes to their production processes.

Materials of the future

Sustainable, recyclable materials, perhaps from renewable sources and with a low environmental impact are naturally at the centre of this vision, which has been adopted by the European Union for years now. Here Mixcycling blends can give an important contribution: the startup measures its products’ impacts through a Life Cycle Assessment, in order to be able to provide a concrete demonstration of their sustainability. Even the aesthetic aspect is functional to the message: the fibers are clearly visible within the blends, thus emphasising the central role of nature within the Mixcycling project. R&D is crucial: the blends are developed specifically for the desired final application so as to guarantee the best possible solution both from a sustainability and a technical standpoint.

Italiano

Mixcycling: un esempio concreto di circolarità

La startup vicentina recupera residui organici per nobilitarli e dare loro nuova vita.

I blend Mixcycling sono materiali che veicolano un messaggio di sostenibilità importante, richiamando a un uso più virtuoso delle risorse.

Cos’è Mixcycling?

Mixcycling Srl è una startup innovativa che crea biocompositi sostenibili recuperando fibre organiche di scarto e miscelandole a basi polimeriche (carrier) che possono essere biobased, riciclate, vergini, biodegradabili, o biodegradabili e compostabili. Costituita a inizio 2020, è una realtà giovane e dinamica, ma con una lunga storia alle spalle: nasce infatti da una realtà industriale che esiste da 50 anni, con un forte background nella lavorazione del sughero e nello stampaggio plastico. Proprio dalla necessità di recuperare uno scarto di valore come il sughero è sorto il concept Mixcycling®. Dalla costituzione nel 2020, ai blend a base di sughero si sono aggiunte nuove fibre di recupero, come la lolla di riso, il miscanto, la vinaccia e innumerevoli altre che la startup ricerca e testa continuamente.

La Triangular Economy

I blend Mixcycling sono materiali che veicolano un messaggio di sostenibilità importante, richiamando a un uso più virtuoso delle risorse. Lo stesso processo produttivo del materiale, che prevede la nobilitazione degli scarti, è un esempio di questo messaggio, che si articola nel concetto di Triangular Economy. Applicato da Mixcycling all’inizio del 2020, va ad integrare, completando, il più ampio concetto di Circular Economy. In risposta a un approccio noto come economia lineare per cui un prodotto viene fabbricato, utilizzato e gettato, l’economia circolare si riferisce ad un utilizzo virtuoso delle risorse per cui il prodotto dopo essere stato consumato viene recuperato interamente o nelle sue componenti e torna ad essere un input di produzione. Mixcycling ha reso ancora più virtuoso questo concetto, creando i primi materiali della Triangular Economy utilizzando scarti di produzione del partner cliente con i quali si è dato vita ad un nuovo blend adatto alla produzione di un packaging utilizzabile per il confezionamento dello stesso prodotto che ha generato lo scarto. Così le inefficienze di filiera si riducono.

Partner di sostenibilità

Mixcycling non vuole essere un mero produttore di materiali, bensì un partner per progetti di sostenibilità. La creazione di un ecosistema basato sulle partnership e sull’open innovation è un aspetto fondamentale della business proposition unica di Mixcycling. La startup accompagna i propri partner in ogni step della realizzazione del progetto: non solo progetta e produce blend “tailor-made”, studiati su misura per l’applicazione desiderata dal partner, ma offre anche supporto nell’identificazione di soluzioni sostenibili. Con i propri biocompositi, Mixcycling propone una soluzione alternativa sul mercato rispetto alla plastica convenzionale da fonti fossili; i materiali sono idonei per essere impiegati in diverse tecnologie industriali già in uso come “injection moulding” (stampa a iniezione), estrusione e stampa 3D a granulo, per vaste applicazioni (per esempio nel settore automotive, e-device, packaging, etc.). Per questo motivo i materiali Mixcycling consentono un’adozione rapida e su larga scala da parte di attori desiderosi di intraprendere una transizione verso la sostenibilità ma incapaci o indisposti ad affrontare cambiamenti radicali al proprio modello produttivo.

Materiali del futuro

I materiali sostenibili, da risorse rinnovabili, riciclabili, con un impatto ambientale minimo sono naturalmente protagonisti di questa visione, adottata ormai da anni anche dall’Unione Europea. Qui i blend Mixcycling possono dare un apporto importante: la startup misura gli impatti dei propri prodotti tramite Life Cycle Assessment in modo da poter fornire dimostrazione concreta della loro sostenibilità. Anche l’aspetto estetico è funzionale alla trasmissione del messaggio: le fibre sono chiaramente visibili all’interno dei blend, enfatizzando così la centralità della natura nel progetto Mixcycling. La dimensione R&D è fondamentale: i blend vengono sviluppati ad hoc sull’applicazione finale in modo da garantire la miglior soluzione possibile sia dal punto di vista tecnico che di sostenibilità.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial