CE in the Mediterranean Sea

During the Hacking the City event organised last April, we had the pleasure to host several speakers including Professor Francesca Pirlone and Researcher Ilenia Spadaro from the University of Genoa. Their speech focused on the role of the Circular Economy in the Mediterranean Sea and in particular on the Port-5R project for the creation of circular port-cities.   

Numerous projects related to sustainable waste management have taken place for about 10 years, such as the Active project, the Med 3 R up to the Port 5-R project which ended in 2021. The projects revealed an upheaval in the concept of waste, which is now considered as a resource to be exploited, and the transition to a circular economy that aims to close the cycle, through recycling and the logic of the R, and with the objective of strengthening, growing and promoting sustainability while also generating new forms of employment. Waste therefore becomes a resource for sustainable growth, for the promotion of an economy and smart redevelopment of the city, also improving its quality of life.    

How did it go from a circular economy to a circular city?

Starting from the 2015 Paris COP and largely with the United Nations 2030 Agenda, where 17 common goals were identified to ensure sustainable development. In particular, in the eleventh, it is the city itself that is placed as the main character of the circular transition, as they are also becoming increasingly populated. In 1900, only 2 out of 10 people lived in cities, but by 2050 it is expected that 7 out of 10 people will live there. Cities are great centres of consumption, from food to materials to climate-changing gases. Unfortunately, they are also great centres of inefficiency, for example, private vehicles idle for 90% of their time and offices are switched off for 50 to 75% of their life. However, cities are also centres of innovation, where most economic, social and therefore also production relations are developed, and are essential to be involved in the transition to the circular economy.   

As urban planners, they said, it is important to update and integrate the theme of circular cities within existing plans rather than looking for new tools moreover it is essential to have the participation of public and private actors who can contribute to the definition and implementation of the strategy to achieve a circular city.   

One of the most important issues related to a circular city is waste. People produce 1.3 billion tonnes of municipal waste worldwide, 12% of which is plastic waste. The figures say that 8 million tonnes of waste end up in the sea every year, about one truck every minute, 365 days a year. The presence of plastics in the seas has a major impact on activities such as tourism and fishing. In this regard, as part of the Circular Economy, the EU in 2019 approved the European Plastic Strategy, whereby in addition to defining a series of initiatives related to the use of materials for new production, it bans from 2021 the sale of certain items that account for 70% of all marine waste. Some plastic items have been abolished in Italy as well. In particular, in 2018 the Ministry started the path to become Plastic free, thus urging all public administrations to ban single-use plastics.   

The second part of the contribution described their experience with Port-5R, a maritime INTERREG 5 that considered territories with ports in the Mediterranean Sea, such as Liguria, Tuscany, Sardinia and Corsica. Port-5R focused on sustainable waste management in port areas, a key issue for many Italian cities.

In the initial phase, the context was studied to understand how to define the strategy of waste management in port areas and therefore what was already implemented or was being implemented. In terms of legislation, the EU has always been sensitive to the issue, with Marpol in 1978, an international convention on ship pollution, and a more targeted approach to waste in port areas with the Directive 59 of 2000, which introduced and obliged Member States to draw up plans for the collection of ship-generated waste and cargo residues. The EU subsequently issued the Waste Directive 98 of 2008, which also revised the concept of waste itself, from waste to resource. Italy and France as Member States have mainly transposed Directive 59 of 2000 and therefore have ship and cargo residues reception plans, Italy since 2003 and France since 2005.  

While implementing the projects they tried to understand what could be a governance strategy for a common Italian-French plan, as they are very similar and waste is a natural cross-border issue. They worked on a joint cross-border plan based on the 5Rs: reduction, reuse, recycling, recollection and recovery.  

The first step was Directive 59 of 2000, which provided for the compulsory introduction in the Member States of a plan for the collection and management of ship-generated waste. After that Directive 98 of 2008 was introduced, which better defines the concept of waste, the waste hierarchy, and it obliges all the Member States to draw up a waste management programme or plan at the various levels of competence of each individual Member State.  

In numerous Member States, the levels of competence are mostly national, therefore there are national, regional, provincial or departmental waste plans. What is missing, however, is the urban level where waste management is a major issue. Based on the obtained results, they decided to focus on the definition of a waste management plan on the urban level in order to combine the two directives in port-cities. Moreover, it is important taking into consideration the participation problem, which is able to show the issues related to sustainability and circularity and that is the reason why a participatory plan was created. They started by analysing the problem of waste in the Italian-French cooperation area, for which a SWOT analysis was done, and then the planning phase was defined, looking at what were and what are the objectives at the cooperation level of this joint Italian-French management plan and what are the possible actions.  

The project funds let the implementation of some of the proposed actions, e.g. at cross-border level a protocol of commitment on sea protection was created and signed by several partners, regions, port authorities and schools. It was also decided to produce a cross-border manual for yachtspeople. Finally, specific actions were implemented, such as a preparatory study for the creation of an ecological island in the yachting sector in Savona, because a common problem was that when people docked their boat they had to walk few kilometres to deliver the waste, so structural works were also important.    

However, according to the speakers sustainability is not only for future generations, but it has to be lived today, starting by guaranteeing ourselves today’s resources and taking into account how things are changing.   

To find out more watch the speech in italian below.  

Italiano

Durante l’evento Hacking the City organizzato lo scorso aprile abbiamo avuto il piacere di ospitare numerosi relatori tra cui la Professoressa Francesca Pirlone e la Ricercatrice Ilenia Spadaro dell’Università di Genova. Il loro intervento si è focalizzato sul ruolo dell’Economia Circolare nel Mar Mediterraneo ed in particolare sul progetto Port-5R per la creazione di città-porto circolare. 

Numerosi sono stati i progetti relativi alla gestione sostenibile dei rifiuti che da circa 10 anni si susseguono, come il progetto Active, il Med 3 R fino al progetto Port 5-R che si è concluso nel 2021. Dai progetti emerge uno sconvolgimento del concetto dei rifiuti, che vengono ormai intesi come risorse da valorizzare e del passaggio ad una economia circolare che vuole chiudere il ciclo, attraverso il riciclo e la logica delle R, e con l’obiettivo di rafforzare, crescere e promuovere la sostenibilità generando anche nuove forme di lavoro. I rifiuti quindi, diventano una risorsa per la crescita sostenibile, per la promozione di un’economia e di una riqualificazione intelligente della città migliorandone anche la qualità della vita.  

Come si è passati dall’economia circolare alla città circolare?

A partire dalla COP di Parigi del 2015 e in gran parte con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, dove sono stati individuati 17 obiettivi comuni per garantire uno sviluppo sostenibile. In particolare, nell’undicesimo, è proprio la città che viene posta come protagonista della transizione circolare, in quanto sta diventando anche sempre più popolata. Nel 1900 erano solo 2 persone su 10 ad abitare in città, oggi si prevede che nel 2050 saranno 7 persone su 10 ad abitarci. Le città sono grandi centri di consumo, dal cibo ai materiali, ai gas climalteranti. Sono purtroppo anche grandi centri di inefficienza, ad esempio, i veicoli privati restano fermi per il 90% del loro tempo e gli uffici restano spenti dal 50 al 75% della loro vita. Tuttavia le città sono anche centri di innovazione, dove si sviluppano la maggior parte delle relazioni economiche, sociali e quindi anche di produzione, e risultano essenziali da coinvolgere per la transizione verso l’economia circolare. 

In quanto pianificatori urbanistici, hanno continuato le relatrici, è importante aggiornare e integrare il tema delle città circolari all’interno di quelli che sono i piani esistenti invece che cercare nuovi strumenti, ed anche la partecipazione di attori pubblici e privati, che possono contribuire alla definizione e alla realizzazione della strategia per realizzare una città circolare è essenziale.  

Una delle tematiche più importanti relativamente alla città circolare sono i rifiuti. Produciamo infatti 1,3 miliardi di tonnellate di rifiuti urbani a livello mondiale, di cui il 12% sono rifiuti di plastica. I dati dicono che 8 milioni di tonnellate di rifiuti finiscono in mare ogni anno, circa un camion ogni minuto per 365 giorni all’anno. La presenza della plastica nei mari ha un impatto importante su attività come turismo e pesca. A questo riguardo, nell’ambito dell’Economia Circolare, l’UE nel 2019 ha approvato la strategia europea per la plastica, con cui oltre a definire una serie di iniziative legate all’utilizzo di materiali per la nuova produzione, vieta dal 2021 la vendita di determinati articoli che rappresentano il 70% di tutti i rifiuti marini. Anche in Italia sono stati aboliti alcuni oggetti di plastica. In particolare nel 2018 il Ministero ha avviato il percorso per diventare Plastic free, sollecitando quindi tutte le amministrazioni pubbliche a bandire le plastiche monouso.  

Nella seconda parte del contributo è stata descritta la loro esperienza con Port-5R, un INTERREG 5 marittimo che ha considerato i territori che si affacciano sul Mediterraneo, quali per l’Italia, la Liguria, Toscana, Sardegna e per la Francia, la Corsica. Port-5R ha avuto come oggetto una gestione sostenibile dei rifiuti in area portuale, tema fondamentale per numerose città italiane.  

Nella fase iniziale è stato studiato il contesto per capire come definire la strategia della gestione dei rifiuti nelle aree portuali e quindi ciò che già si era attuato o si stava attuando. A livello di normativa, l’UE è sempre stata sensibile al tema, con la Marpol già del 1978, una Convenzione internazionale relativa all’inquinamento delle navi fino ad arrivare a un discorso più mirato sui rifiuti nelle aree portuali con la Direttiva 59 del 2000 che ha introdotto ed obbligato gli Stati membri a redigere dei piani di raccolta dei rifiuti da nave e residui del carico. L’UE ha in seguito emanato la direttiva sui rifiuti, la 98 del 2008, in cui è stato rivisto anche il concetto di rifiuto stesso, da scarto a risorsa. L’Italia e la Francia come Stati membri hanno recepito soprattutto la direttiva 59 del 2000 e quindi hanno dei piani di raccolta di rifiuti da nave e dei residui del carico, l’Italia dal 2003 e la Francia dal 2005. 

Si è cercato di capire quale potesse essere una strategia di governance per un piano Italo-Francese comune, in quanto realtà molto simili e in quanto i rifiuti sono un problema naturalmente transfrontaliero. Si è lavorato ad un piano congiunto transfrontaliero basato sulle 5R: riduzione, riuso, riciclo, raccolta e recupero. 

Per definire il piano congiunto si è partiti dalla normativa: primo tassello è stata la direttiva 59 del 2000 che prevedeva l’introduzione obbligatoria negli Stati membri di un piano di raccolta e di gestione dei rifiuti prodotti dalle navi; poi, la direttiva 98 del 2008 in cui si definisce meglio il concetto di rifiuto, si parla di gerarchia dei rifiuti, ma soprattutto obbliga gli Stati membri a redigere un programma o piano di gestione dei rifiuti ai diversi livelli di competenza di ogni singolo Stato membro e nel 2012, la Comunità Europea ha poi introdotto delle linee guida in grado di omogeneizzare i diversi piani in tutti gli Stati membri. In numerosi Stati membri è stato visto che i livelli di competenza sono per lo più nazionali, quindi esistono dei piani di rifiuti nazionali, regionali, provinciali o dipartimentali. Manca però il livello urbano dove la gestione dei rifiuti è invece una delle problematiche principali. Sulla base di questo risultato hanno deciso di focalizzarsi su questo livello, anche se non previsto dalla normativa, per un piano di gestione dei rifiuti cercando di coniugare nelle città-porto le due direttive. È stato inoltre essenziale osservare il tema della partecipazione che può insegnare i temi di sostenibilità e circolarità, motivo per cui è stato creato un piano partecipato. 

Si è partiti analizzando la problematica dei rifiuti nel contesto dell’area di cooperazione Italo-Francese, studiato grazie alla SWOT analisi, per poi definire la fase di pianificazione, cioè quali erano e quali sono gli obiettivi a livello di cooperazione di questo piano di gestione congiunto Italo-Francese e quali le azioni. Dopodiché, grazie ai fondi del progetto, alcune delle azioni proposte sono state attuate, ad esempio a livello transfrontaliero è stato realizzato un protocollo di impegno della salute del mare che è stato sottoscritto da numerosi partner, regioni, autorità portuali e scuole. Si è anche deciso di realizzare un manuale del diportista a livello transfrontaliero e sono state implementate delle azioni specifiche quali per esempio, a Savona è stato fatto uno studio propedeutico alla realizzazione di un’isola ecologica nell’ambito del diporto, perché il problema molte volte era che quando si attraccava con la propria barca, bisognava fare poi qualche chilometro per conferire i rifiuti, perciò anche le opere strutturali sono state importanti.  

Come si è detto nel rapporto Brundtland la sostenibilità è garantire alle generazioni future le risorse di oggi, secondo le relatrici però, la sostenibilità va vissuta oggi, iniziando a garantire a noi stessi, oggi, quelle che sono le risorse attuali tenendo conto del panorama che sta cambiando.  

Per saperne di più guarda il video qui sotto. 

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial