The evolution of circular fashion

Last June, in occasion of the Circular Threads report release, we organised a presentation event with experts from the fashion and textile sector, including Giusy Cannone, CEO of Fashion Technology Accelerator. This accelerator was created to support innovative start-ups within the fashion industry. During her speech, Giusy Cannone talked about some possible applications, innovative case studies that seek to make the process and value chain of fashion more sustainable.  

First of all, bith the fashion and the textile industry, she started, uses mainly non-renewable resources usually derived from oil, and synthetic fibres, chemicals and toxic products especially in the dyeing and the finishing phases. Moreover, this sector has a low rate use of the garments, sometimes a maximum of 5-6 times, and has a complicated relationship with recycling activities, which is still not enough widespread. Although at the moment the numbers are not reassuring and there is still a lot to do, there are many stakeholders who, through different steps, can make the fashion industry genuinely more circular.  

Zooming on what innovation entrepreneurs, also called innovators, do they start from the input, since fabric is not the only important step in the fashion value chain, but it has a significant impact. In this respect, one of the solutions that has already been developed is fabric derived from recycled materials. For instance, recycled polyester, a fabric that is derived from recycled plastic and then reconstituted into polyester fibres. This operation can save around 59% energy compared to virgin polyester.  

Moreover, widely used is also the recycled nylon, a product resulting from activities such as fishing. The well-known company Econyl has done an enormous amount of work to bring this solution to market. Even in the luxury segment, recycled nylon is beginning to be introduced, which can significantly save real resources and reduce oil usage.  

Another macro-category of fabrics that can be considered sustainable are the bio-based fabrics, which are already in the market and which use organic starting material often derived from waste that would not be used otherwise. Differently from other sectors, the textile innovation sector can take several years before reaching an important level of technical quality. For instance, Piñatex uses waste from pineapple leaves to produce a plant-based material that resembles leather and to date they are able to produce garments that are already in the marketplace, or also the company Orange Fiber, which produces fibres and fabrics from citrus fruit waste.   

From a recycling point of view, in order to achieve circularity, the choice of a certain type of fabric is also linked to the type of fibres that can be put together. Usually, the mix of fibres is a problem for garment disposal, so having for example a mix of cotton and polyester fibres makes it more difficult for the recycling process. However, there are solutions to that, such as:

The Regenerator, a Swedish company whose technology manages to use a chemical-free solution to be able to separate different fibres;  

Resortecs, a Belgian company that has developed a yarn that dissolves along with thermal disassembly systems, making it easier to recycle textiles on an industrial scale, without requiring the use of chemicals.   

Besides this sector, but still in an experimental phase, there is the Biomimicry one in which textiles are created in the laboratory, using bio-engineering to try to create materials that imitate nature behaviour.  

Another key issue in the fashion and textile industries is the production. When talking about production there are some important variables that need to be considered, such as: the use of chemical and toxic products, which can harm both workers and the surrounding environment; the use of large amounts of water and energy and, finally, the use of very polluting dyes. However, there are potential solutions that suggest the use of natural dyes or even micro-organisms which present a certain natural pigmentation that can create the desired colouring on the fabric and that can save about 90% of water and energy.  

Today, one of the most important issues related to the system of circularity and sustainability in fashion is that there is overproduction. Indeed, according to the World Economic Forum there is a 30% annual gap between what is produced and what is bought by the consumers, highligthing the need for change.   

How can we modify the system? 

At the moment, for instance, there are new ways of production such as the 3D printing that allows to produce on demand when the consumer has decided to make the purchase and the client can even costumise it. However, it is not a scalable and very cheap option yet, but a lot of work is being done in this direction to make it accessible to as many people as possible. Other solutions are those of Rodinia, which has an automated production system that makes the one-to-one production of pieces efficient and effective, using an AI mechanism to aggregate the various products, even when different from one another, and make it economically sustainable.  

Turning to distribution and use, a widespread theme today is rental. This has in fact become one of the new business models within the second hand and circularity sector. Very successful is the long-term rental where the item is kept for a season, instead of just 4 days, and then can be exchanged for another one. An example of this model is MUD Jeans, a company that has developed this system for jeans. In order to use it, people pay an annual subscription, with which they can keep the pair of jeans for a year and then whenever they want they can change them, while paying the subscription or redeeming them.   

The second hand market, on the other side, is growing strongly, indeed between only 2018 and 2019 it grew by 12% and today represents 9% of the entire luxury market.  

Which are the drivers?  

The digital model has had a very important impact because, today, there are numerous platforms that can be used, there are new buyers who no longer want to own, but to use and, there is greater access to iconic products that few years ago could not be found in second-hand shops. Although sustainability has not resulted as the number one driver for owning a second hand item, a report by the Boston Consulting Group claims that 17% of those who resold items felt that this behaviour was truly sustainable.   

The speaker concluded by talking about digital fashion and in particular, about virtual clothing. Usually, storytelling says that since virtual clothing is virtual the garment is sustainable, because there is no production and it can be worn by various people. Nowadays, one in two luxury consumers claim to be aware of this phenomenon and 39% have already made a purchase of virtual garments, of which a very high percentage has then bought the physical item. This makes it a very intriguing marketing tool. However, virtual clothing sustainability still needs to be completely verified. 

For further details watch the speech in Italian here  

Italiano

Lo scorso giugno in occasione dell’uscita del report Circular Threads, abbiamo organizzato un evento di presentazione con esperti che operano nel settore della moda e del tessile, tra cui anche Giusy Cannone, CEO di Fashion Technology Accelerator. Questo acceleratore, nasce per supportare startup innovative all’interno del settore moda. Durante il suo intervento, Giusy Cannone ha parlato di alcune possibili applicazioni, di casi di studio di innovazione che cercano di rendere il processo e della value chain della moda più sostenibile. 

Prima di tutto, l’industria della moda e del tessile, ha iniziato, utilizzano principalmente risorse non rinnovabili solitamente derivanti da petrolio, e fibre sintetiche, prodotti chimici e tossici in particolare per le fasi di tinteggiatura e finissaggio. Inoltre, questo settore ha un basso tasso di utilizzo dei capi, a volte si parla di massimo 5-6 volte, e ha una relazione problematica con il tema del riciclaggio, ad oggi ancora poco diffuso. Nonostante i numeri del momento non siano rassicuranti e c’è ancora molto da fare, ci sono comunque tanti stakeholder che attraverso diversi step, possono rendere l’industria della moda effettivamente più circolare. 

Ciò che fanno gli imprenditori di innovazione, anche detti innovators, è partire dagli input, naturalmente il tessuto non è l’unico step importante nella catena del valore della moda, però è un elemento con notevole impatto. A questo proposito, una delle soluzioni ormai già molto sviluppate sono i tessuti che derivano da materiali riciclati. Ad esempio, il poliestere riciclato, un tessuto che deriva da plastica riciclata e successivamente ricondotta a fibre di poliestere. Questa operazione è in grado di risparmiare circa il 59% di energia rispetto al poliestere vergine. 

Altrettando largamente diffuso è il nylon riciclato, prodotto derivante da attività come la pesca. La nota azienda Econyl ha svolto un enorme lavoro per riuscire ad introdurre sul mercato questa soluzione. Anche nel segmento luxury, comincia ad essere introdotto il nylon riciclato che consente un risparmio di risorse vere e proprie e una riduzione di utilizzo di petrolio significativa. 

L’altra macro categoria di tessuti che si possono considerare sostenibili sono i tessuti bio-based, ormai già presenti sul mercato, che utilizzano materiale organico di partenza spesso derivato da rifiuti che non verrebbero altrimenti utilizzati. Parlare di innovazioni sul tessile, non è però così semplice come parlare di innovazione digitale. In questo settore, ci vogliono diversi anni per raggiungere un livello di qualità tecnica importante. Ad esempio, Piñatex utilizza scarti delle foglie dell’ananas per produrre un materiale che assomiglia alla pelle e ad oggi sono in grado di produrre capi che sono già sul mercato, oppure anche Orange Fiber, che si occupa della produzione di fibre e tessuti a partire dagli scarti degli agrumi.  

Da un punto di vista di riciclaggio, per raggiungere la circolarità, la scelta del tipo di tessuto è legata anche al tipo di fibre che si possono mettere assieme. Solitamente, il mix di fibre rappresenta un problema per lo smaltimento del capo, quindi avere ad esempio un mix di fibre di cotone e poliestere rende più difficile il loro riciclo. Tuttavia, a questo problema ci sono comunque alcune soluzioni, come: 

The Regenerator, un’azienda svedese che ha sviluppato una tecnologia che riesce ad utilizzare una soluzione senza prodotti chimici per poter separare le fibre diverse; 

Resortecs, un’azienda belga che ha sviluppato un filo che si dissolve insieme a dei sistemi di smontaggio termico rendendo più facile il riciclaggio dei tessuti su scala industriale, senza richiedere l’utilizzo di prodotti chimici.  

Un altro settore molto interessante, ma ancora in una fase di sperimentazione, è quello di Biomimicry in cui si vanno a creare dei tessuti in laboratorio, attraverso la bio-ingegneria si provano a creare dei tessuti che imitano il comportamento della natura. 

Un ulteriore tema fondamentale risiede nella parte di produzione. Sugli aspetti produttivi ci sono alcune variabili importanti come l’utilizzo di prodotti chimici e tossici, che può danneggiare sia lavoratori che l’ambiente circostante; l’utilizzo di grandi quantità di acqua e di energia; l’utilizzo di coloranti che possono essere molto inquinanti. Anche in questo caso, però, esistono delle soluzioni che propongono l’utilizzo di coloranti naturali o anche di microrganismi che, dotati di una certa pigmentazione naturale possono creare la colorazione voluta sul tessuto e con un risparmio di acqua e di energia di circa il 90%. 

Oggi, uno dei problemi più importanti nel sistema della circolarità e della sostenibilità nella moda è che vi è una sovrapproduzione. Il World Economic Forum parla di un gap annuale del 30% tra quello che viene prodotto e quello che viene acquistato dal consumatore, sottolineando la necessità di un cambio.  

Come cambiare?  

Al momento, ad esempio, ci sono nuove modalità di produzione come il 3D printing che permette di produrre on demand quando il consumatore ha deciso di effettuare un acquisto, anche personalizzandolo. Non si tratta ancora di un’opzione scalabile e quindi anche costosa, ma si sta lavorando molto in questa direzione per renderlo accessibile a più persone possibili. Altre soluzioni, sono quelle di Rodinia che ha un sistema di produzione automatizzato che rende efficiente ed efficace la produzione one to one dei pezzi, andando ad utilizzare un meccanismo di intelligenza artificiale per rendere l’aggregazione dei vari prodotti, seppur diversi tra loro, economicamente sostenibile. 

Zoomando sulla parte di distribuzione ed utilizzo, un tema ad oggi molto diffuso è quello del noleggio. Questo è infatti diventato uno dei nuovi modelli di business all’interno del settore di second hand and circularity, dove si parla di noleggio di seconda mano. Molto successo lo sta avendo il noleggio a lungo termine, dove il capo si tiene per una stagione invece che solo per 4 giorni e poi lo si può cambiare con un altro. Un esempio di questo modello è MUD Jeans, un’azienda che ha sviluppato questo sistema i jeans. Per poterlo utilizzare, si fa un abbonamento annuale, si può tenere il paio di jeans per un anno e poi quando si vuole si cambia, continuando a pagare l’abbonamento oppure riscattandoli.  

Il mercato del second hand inoltre, è in crescita fortissima, solo tra il 2018 ed il 2019 ha avuto una crescita del 12% e rappresenta il 9% dell’intero mercato del luxury. 

Quali sono i driver? 

Il modello digitale ha avuto sicuramente un impatto molto importante perché, oggi, ci sono numerose piattaforme da poter usare, ci sono nuovi compratori che non vogliono più possedere, ma usare e, l’accesso a prodotti iconici che non si trovavano nei negozi di seconda mano di qualche anno fa è aumentato. Nonostante la sostenibilità non sia al primo posto come driver per possedere un capo di seconda mano, un report del Boston Consulting Group dice che il 17% di coloro che hanno rivenduto dei capi ha ritenuto che questo comportamento sia realmente sostenibile.  

L’intervento si è concluso parlando del digital fashion ed in particolare del clothing virtuale, dove lo storytelling dice solitamente che in quanto virtuale il capo è sostenibile, perché non c’è produzione e può essere indossato da varie persone. Si tratta di un fenomeno già molto importante, tra i consumatori del luxury uno su due dichiara di conoscere questo fenomeno ed il 39% ha già fatto un acquisto di capi virtuali, e di questi una percentuale molto alta ha poi comprato la controparte fisica. Risultando quindi in un possibile strumento di marketing molto interessante. Quanto sia davvero sostenibile però è ancora tutto da verificare. 

Per sapere di più guarda l’intervento qui

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial