Ideology for the energy transition

The Re-think Circular Economy Forum organised in Taranto on the 28th and the 29th of September saw the participation of numerous speakers, including Vito Albino, professor of engineering-economic management at the Politecnico di Bari, who discussed the energy transition between technology and ideology.    

The choice of addressing the issue of energy transition by looking not only at technological aspects but also at ideological ones, the professor began, is based on the observation that industrial transitions are complex phenomena and require in-depth understanding.    

The idea is that energy transition cannot be reduced exclusively to a question of technological change. It also requires ideological change. Hence, technology is a component of the transition, but the role of ideologies must also be considered.    

The European Green Deal offers an interesting example in this direction. It is an important political action that is strongly supported by the development and adoption of new technologies. However, it is useful to reflect on what happened a few years ago when, for the G20 meeting in Pittsburgh in 2009, the United Nations Environment Programme (UNEP) tried to convince the major G20 countries that the best way to respond to the economic crisis was to respond to the already looming environmental crisis. Very interesting studies were carried out and brought to the attention of the G20, including a proposal for a ‘Global Green New Deal‘. This initiative had negligible effects because the proposed change offered potential technological options that governments should have made their own. These choices respond to logics that go beyond the strictly technological ones.   

At the moment, the European Union, proposing the European Green Deal programme, will reasonably have to consider aspects not only related to technological change, but also to the emergence of new ideologies that can enable the necessary industrial transitions. Industrial transitions are complex, systemic, tend to occur over a long time horizon, and may require profound changes on several fronts. The more complex transitions are, the more they must be analysed by broadening the horizon from technology to economics, society and even ideology.    

For energy transitions, there is a tendency to focus on technology (e.g. replacing fossil fuels with renewables), seeing technology as the main driver of change. It is pointed out that this approach can be very limiting and can increase the level of uncertainty associated with the transition, at least with regard to two aspects that could benefit from a broader perspective of analysis: the speed of change and the “end of game“. There is in fact a high level of uncertainty on both aspects.    

Based on the history of energy transitions, setting the horizon at 2050 is reasonable because it is known that these transitions may take a long time, also due to the necessary resolution of social issues, such as, for instance, the numerous new jobs that will be created by the green economy and those that will be lost as polluting technologies are phased out. Moreover, when we talk about energy transition, we must not only consider changes in supply, but also variations in demand. Moreover, it is necessary to look very carefully at incentives, for instance, at the realignment of incentives between fossil fuels and renewables, which in some countries is struggling to materialise (such as in, in Poland, whose economy depends on coal).    

For these reasons, it is difficult to believe that structural changes alone are the only thing to consider. Meanwhile, it is necessary to ensure that ideological changes are triggered as well. A useful reference to this perspective can be found in the words of Lester Thurow, former Dean of the Sloan School of Management at the Massachusetts Institute of Technology, in his book The Future of Capitalism, in which he states that a change in an economic structure is driven by the interaction of technologies and ideologies.   

In summary and in an illustrative form, there are at least two elements that enter into the process of constructing ideologies around the energy transition: the first is climate change and the second is the depletion of natural resources. These are the two major references to be followed in accompanying the transition from an ideological point of view. However, a pragmatic approach is also needed when dealing with ideologies. A working definition of ideology describes it as a set of interacting concepts. The latter, like their interactions, need to be identified in order to contribute to build a narrative.    

Everybody knows, for instance, Greta Thunberg, who in recent years has built a narrative and a planetary ideological movement by evoking a series of concepts, including, in particular, the risks associated with climate change and the fear of great losses (including economic losses). Such an ideological movement can help support the energy transition. Indeed, the Prospect Theory, proposed by the Nobel Prize winner Kahneman, points out that individuals become more inclined to change when faced with potential large losses.    

With reference to the issue of depletion of natural resources, we speak today, for instance, of reduced availability of raw materials with a corresponding increase in prices. About it, the famous book The Limits to Growth was published in 1972, which, following the crisis caused by the Yom Kippur War, generated a major global movement of ideas. Today, governments are active on the issue because a narrative has been constructed and it will be able to support technological changes oriented towards the circular economy and energy saving initiatives. 

To find out more read the final report or watch the recording of the speech here

Italiano

Durante il Re-think Circular Economy Forum organizzato a Taranto lo scorso 28 e 29 settembre ci sono stati numerosi ospiti tra cui anche il Vito Albino, professore ordinario di ingegneria-economico gestionale presso il Politecnico di Bari, che si è soffermato sul tema della transizione energetica tra tecnologia ed ideologia.  

La scelta di trattare il tema della transizione energetica guardando non solo agli aspetti tecnologici, ma anche a quelli ideologici, ha iniziato il professore, si fonda sull’osservazione che le transizioni industriali sono fenomeni complessi e richiedono una comprensione profonda. L’idea è che la transizione energetica non possa essere ricondotta esclusivamente ad una questione di cambiamento tecnologico. Essa richiede anche cambiamenti ideologici. Quindi la tecnologia è una componente della transizione, ma occorre considerare anche il ruolo delle ideologie.  

Il Green Deal Europeo offre un interessante esempio in tale direzione. Si tratta di un’importante azione politica che è fortemente sostenuta dallo sviluppo e adozione di nuove tecnologie. È utile però riflettere su quanto è avvenuto alcuni anni fa quando per la riunione del G20 svoltasi a Pittsburgh nel 2009, l’United Nations Environment Programme (UNEP) cercò di convincere i grandi Paesi del G20 che il modo migliore per rispondere alla crisi economica fosse quello di rispondere all’ormai già incombente crisi ambientale. Studi molto interessanti furono realizzati e posti all’attenzione del G20, tra cui la proposta di un “Global Green New Deal”. Questa iniziativa ha avuto effetti trascurabili in quanto il cambiamento proposto offriva scelte tecnologiche che i Governi avrebbero, però, dovuto fare proprie. Tali scelte rispondono a logiche che vanno oltre quelle strettamente tecnologiche. 

Ora l’Unione Europea, proponendo il programma European Green Deal, ragionevolmente dovrà considerare aspetti non solo connessi al cambiamento tecnologico, ma anche all’emersione di nuove ideologie che possano abilitare le necessarie transizioni industriali. Le transizioni industriali sono complesse, sistemiche, tendono a manifestarsi su un orizzonte temporale lungo, e possono richiedere profondi cambiamenti su più fronti. Le transizioni, più sono complesse, più devono essere analizzate allargando l’orizzonte dalla tecnologia all’economia, alla società e anche all’ideologia.  

Per la transizione energetica si tende a focalizzare l’attenzione sulla tecnologia (per esempio, sulla sostituzione delle fonti fossili con quelle rinnovabili), vedendo la tecnologia come principale motore del cambiamento. E’ stato evidenziato però, che questo approccio può risultare molto limitativo e accrescere il livello di incertezza associato alla transizione, per lo meno con riferimento a due aspetti che potrebbero beneficiare dell’ampliamento della prospettiva di analisi: la velocità del cambiamento e l’“end of game”. Vi è infatti un elevato livello di incertezza su entrambi gli aspetti.  

Basandosi sulla storia delle transizioni energetiche, porre l’orizzonte al 2050 è ragionevole perché si sa che queste transizioni richiedono molto tempo, anche per la necessaria risoluzione di problemi di natura sociale; si pensi, per esempio, al tema dei nuovi posti di lavoro che nasceranno con la green economy e di quelli che si perderanno con l’abbandono progressivo di tecnologie inquinanti. Inoltre, quando si parla di transizione energetica, si deve parlare non solo di cambiamenti dell’offerta, ma anche di cambiamenti della domanda. É necessario guardare anche con molta attenzione gli incentivi; per esempio, al riallineamento degli incentivi tra fonti fossili e rinnovabili, che in alcuni Stati ha difficoltà a concretizzarsi (per esempio, in Polonia, la cui economia dipende dal carbone).  

Per tali ragioni risulta difficile pensare che i soli cambiamenti strutturali siano l’unico punto su cui ragionare. Occorre invece fare in modo che si inneschino anche cambiamenti ideologici. Un utile riferimento a tale prospettiva si trova nelle parole di Lester Thurow, già Dean della Sloan School of Management del Massachusetts Institute of Technology, riportate nel libro The Future of Capitalism in cui si afferma che un cambiamento di una struttura economica è guidato dall’interazione di tecnologie e ideologie. 

In estrema sintesi e in forma esemplificativa, vi sono almeno due elementi che entrano nel processo di costruzione delle ideologie attorno alla transizione energetica: il primo elemento è il cambiamento climatico e il secondo è quello dell’esaurimento delle risorse naturali. Questi sono i due grandi riferimenti da seguire nell’accompagnare la transizione da un punto di vista ideologico.  

Naturalmente, occorre anche un approccio pragmatico nell’affrontare il tema delle ideologie. Una definizione operativa di ideologia la descrive come un insieme di concetti in interazione tra di loro; questi, come le loro interazioni, vanno identificati affinché possano contribuire alla costruzione di una narrazione.  

Tutti conoscono, ad esempio, Greta Thunberg, un personaggio che negli ultimi anni ha costruito una narrazione e un movimento ideologico planetario evocando una serie di concetti, tra cui, in particolare, i rischi connessi al cambiamento climatico e il timore di grandi perdite (anche economiche). Tale movimento ideologico può contribuire a sostenere la transizione energetica. Infatti, nella Prospect Theory, proposta dal premio Nobel Kahneman, si evidenzia che gli individui diventano più propensi al cambiamento quando hanno di fronte potenziali grandi perdite.  

Con riferimento al tema dell’esaurimento delle risorse naturali, si parla per esempio oggi di ridotta disponibilità di materie prime con corrispondente incremento dei prezzi. Su tale tema era stato pubblicato nel ’72 il famoso libro The limits to growth, che aveva, successivamente alla crisi causata dalla guerra del Kippur, generato un importante movimento planetario di idee. Oggi i governi sono attivi sul tema proprio perché è stata costruita una narrazione che potrà sostenere cambiamenti tecnologici orientati all’economia circolare e al risparmio energetico. 

Per saperne di più consulta il report finale dell’evento o guarda il video dello speech qui

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial