CE status in Italy

To present the lights, the shadows and the development prospects of the Circular Economy (CE) in Italy during his speech at Hacking the City last year, Davide Chiaroni, Professor of Strategy and Marketing at the Politecnico di Milano, co-founder and deputy director of the Energy & Strategy Observatory, used the results of their observatory on the Circular Economy.

The observatory started in 2020 and with it they investigated how widespread the CE really is in our country. One of the first myths they would like to dispel, he continued, is the equation between CE and the recycling economy that people have become accustomed to, but that actually detracts from the true scope of the CE itself. In order to understand how much circularity is really being implemented and therefore, how much products and services are being rethought and redesigned, they decided to investigate three Italian marco-sectors: construction, automotive and industrial plants engineering.  

Zooming on the construction sector, for instance, they saw that about 75% of the sample they interviewed had already adopted at least one circular practice and only 6% of the total had not adopted any practices yet and had no intention of adopting them in the future, while there was a 6% who had not yet adopted one but with the intention to in the coming years. Consequently, apart from this percentage of absolute sceptics, the Italian industrial and construction system is very well prepared. However, there is still a long way to go. When, during their analysis, they asked companies to identify their perception of their own distribution with respect to CE, so at what point in the development of circularity they think they have arrived on a scale from 1 to 5, many companies acknowledged that they are halfway along the circular transition. About 58% of the companies have implemented actions regarding recycling and have therefore designed recyclable products.

However, the set of circular practices dramatically drops if we move away from sustainability in the broad sense and if we narrow towards practices that are more CE-specific such as reuse and remanufacturing, which therefore call for easy assembly and breaking down the product into its original components and resources, as well as taking the product back once the customer has finished with it. Often, as it happens in innovation projects, the rest that remains to be implemented is the most complicated part because it is the one that interfaces with the end user and rebuilds an ecosystem.  

What drives towards the Circular Economy?   

First of all, it is essential to take into account the issue of the incentives. This is the reason why, companies that adopted CE practices claim that among the enablers of the evolution towards this economy there is a blockage due to investment costs and the time needed for the implementation that do not allow to implement an effective circular evolution in a short time. If the company wants to take back the product once the customer used it, it will start today with an easy-to-replace product, but it will see the first products return probably in a couple of years. Consequently, CE should be considered as a long-term perspective which can naturally be scary. Undoubtedly, it requires a very strong commitment from the company and it also requires a regulatory framework that is as clear as possible which allows the planning of it. 

Another fundamental theme is the ecosystem, which is the connector within the CE mechanism, and on this ecosystem, especially on the one of the platforms, it is essential to remember that the management of material and product flows require compensation points, thus recognising the importance of creating intermediate actors that connect the supply chains and the different realities of CE.   

In addition to it, there is the issue of regulations. At the moment, when someone wants to implement CE systems, they often have to face specific regulations that define what is and what is not waste, that allow or not to reuse products with certain characteristics and/or conditions as well as to recover the product from the final customers and so on. For instance, when a person returns a used coffee capsule in a sealed envelope, it is not considered waste and becomes a possibility of interconnection between the customer and the producer. However, if it is returned in a bag-shaped container, then it would be considered waste and would not allow the creation of interconnections.   

Why should the Circular Economy be pursued?  

In order to answer this question, the observatory looked at the construction sector, which in 2019 in Italy was worth €129 billion in production value turnover of which 123 were costs. However, if the CE is applied it would result with a potential saving of 27.33%in terms of resources needed to meet the demand associated with this economy. Translating this value into money it would mean savings in the order of 37 billion euros. However, this is a theoretical esteem if full adoption of CE within the construction sector across the country would be in place.   

When looking at more reliable estimates from now until 2030, considering a certain development of the adoption of CE within companies, the numbers would drop, but would still remain in the range of 9-10 billion Euros. focusing on them as a whole within the three major sectors they analysed, it would mean cost production savings of around 14 billion Euros over the same timeframe. This amount of money is the economic counter-value of the environmental counter-value of reducing resource consumption associated with construction requirements.   

Despite this, Italy is not yet at that level because not everyone is racing to get to the CE and the two main reasons are: investments, and therefore the need to frontload money to invest in new processes, products and ecosystems before getting the benefits, and in this case the incentive system needs to activate an investment that has a spin-off, and the net benefit for the system, which is still not equally distributed among all the actors involved in the chain.   

Finally, it is also important to remember that in the transition from a linear to a Circular Economy, the system as a whole gains, but some of the actors that are part of the linear chain may find themselves displaced. Therefore, the Circular Economy is not necessarily a win-win situation for everybody, as it has an overall benefit for the economic system and the environment of the planet, but the involved actors still have to reconfigure themselves within a circular system.  

For further details watch the speech in Italian here  

Italiano

Lo stato dell’Economia Circolare in Italia

Per raccontare luci, ombre e prospettive di sviluppo dell’Economia Circolare (EC) in Italia Davide Chiaroni, professore di Strategia e Marketing del Politecnico di Milano, co-fondatore e vice direttore dell’Osservatorio Energy & Strategy, durante il suo speech ad Hacking the City organizzato lo scorso anno ha utilizzato i risultati del loro osservatorio sull’Economia Circolare.

L’osservatorio è stato aperto nel 2020 e con questo hanno investigato quanto fosse davvero diffusa l’EC all’interno del nostro Paese. Uno dei primi miti che vorrebbero sfatare, ha continuato, riguarda l’equazione tra EC ed economia del riciclo a cui le persone si sono assuefatte, ma che in realtà sminuisce la vera portata dell’Economia Circolare stessa. Per poter capire quanto davvero si faccia EC e quindi quanto si riprogettino e ridisegnino i prodotti ed i servizi, hanno deciso di investigare tre marco- settori dell’Italia: quello delle costruzioni, dell’automotive e dell’impiantistica industriale. 

Guardando il settore delle costruzioni, ad esempio, hanno visto che circa il 75% del campione che hanno intervistato ha adottato almeno una pratica circolare e soltanto il 6% del totale non ha adottato pratiche e non ha intenzione di adottarle in futuro, e c’è invece un 6% che non l’ha ancora adottata, ma ipotizza di volerlo fare nei prossimi anni. Di conseguenza, tolto quel 6% di assoluti scettici, c’è un’ottima predisposizione da parte del sistema industriale e delle costruzioni italiano. La strada è però ancora lunga, quando, durante la loro analisi, hanno chiesto alle imprese di identificare la loro percezione di distribuzione rispetto all’EC e quindi a che punto di sviluppo della circolarità pensano di essere arrivati in una scala da 1 a 5, molte aziende hanno riconosciuto di essere a metà strada nel percorso di transizione circolare. Circa il 58% delle imprese ha messo in atto azioni che riguardano il riciclo e ha progettato quindi prodotti riciclabili.

Se si passa però dall’ambiente sostenibilità inteso in senso lato e si va verso pratiche che sono più proprie dell’EC come il riuso e il remanufacturing, che quindi chiedono di assemblare facilmente, di scomporre il prodotto nelle sue componenti e risorse originali ed anche di riportare a casa il prodotto, di ritornarne in possesso una volta che ha minato il suo ciclo di vita nelle mani del cliente, ecco che l’insieme di pratiche scende drammaticamente. Spesso, come accade nei progetti di innovazione, la metà che resta ancora da mettere in atto è quella più complicata perché è quella che interfaccia l’utente finale e ricostruisce un ecosistema. 

Qual è quindi la spinta verso l’Economia Circolare?  

Innanzitutto, è essenziale tenere conto del tema delle incentivazioni, infatti le imprese che hanno adottato pratiche di EC dicono che tra gli abilitatori all’evoluzione verso questa economia c’è un blocco dovuto ai costi di investimento e alle tempistiche di realizzazione che non permettono di mettere in atto un’evoluzione circolare efficace in tempi brevi. Qualora l’azienda volesse rientrare in possesso del prodotto una volta che l’ha utilizzato il cliente, comincerà oggi anche con un prodotto a facile riassortimento, ma vedrà i primi prodotti rientrare probabilmente fra un paio d’anni. Di conseguenza, bisogna considerare l’EC come una prospettiva di lungo termine e questo può naturalmente spaventare. Indubbiamente, richiede un impegno da parte dell’organizzazione molto forte e richiede anche un quadro regolatorio che sia il più possibile chiaro e che possa quindi permettere all’azienda di pianificare questo intervento. 

Un altro tema fondamentale è l’ecosistema, che è il connettore all’interno del meccanismo dell’EC e su questo ecosistema, soprattutto su quello delle piattaforme, è importante ricordare che la gestione dei flussi di materiali e di prodotti, che stanno attorno al concetto di EC, necessitano di punti di compensazione, riconoscendo così l’importanza del creare degli attori intermedi che connettono fra di loro le filiere e le diverse realtà dell’EC.  

A questo si affianca anche la questione delle normative, in quanto oggi, quando si vogliono mettere in atto sistemi di EC, spesso ci si scontra con specifiche normative che definiscono che cosa sia e che cosa non sia un rifiuto, permettono o meno di riutilizzare prodotti a determinate caratteristiche e/o condizioni, di recuperare il prodotto dai clienti finali e così via. Ad esempio, quando si restituisce una capsula di caffè usata all’interno di una busta chiusa, questa non è considerata un rifiuto e diventa una possibilità di interconnessione tra il cliente e il produttore. Se invece la si riconsegna in un sacchetto a forma di borsa, allora si configurerebbe come un rifiuto non permettendo l’interconnessione.  

Perché l’Economia Circolare dovrebbe essere un’economia da perseguire? 

Per poter rispondere a questa domanda, l’osservatorio ha guardato al settore delle costruzioni che nel 2019 in Italia valeva 129 Miliardi di euro di fatturato di valore della produzione e dove di questi, 123 sono di costi. Se però si applica l’EC e si va a guardare i report, si capisce quanto potrebbe essere il risparmio in termini di risorse necessarie per soddisfare la domanda connessa a questa economia e ci si troverebbe di fronte a potenziali risparmi nell’ordine del 27,33%. Traducendo questo valore in denaro, vorrebbe dire introdurre risparmi nell’ordine dei 37 miliardi di euro. Si tratta di un potenziale teorico qualora ci fosse la completa adozione dell’EC all’interno del settore delle costruzioni nell’intera nazione. 

Se invece, ci si discostasse da questo valore teorico e si volesse provare a dare una stima più attendibile da qui al 2030, considerando un certo sviluppo di adozione dell’EC all’interno delle imprese, i numeri scenderebbero, rimanendo però sempre nell’ordine dei 9-10 miliardi di euro. Se li si guarda complessivamente all’interno dei tre grandi settori che hanno analizzato, significherebbe, sempre nello stesso arco temporale, portare a risparmi nei costi di produzione nell’ordine dei 14 miliardi di euro. Questi 14 miliardi di euro sono il controvalore economico del controvalore ambientale del ridurre il consumo di risorse associato al fabbisogno di costruzione.  

Nonostante ciò, non si è ancora a quel livello in quanto non tutti stanno facendo le corse per arrivare all’EC e i due motivi principali sono: gli investimenti e quindi la necessità di anticipare i soldi per investire in nuovi processi, prodotti ed ecosistemi prima di ottenere i benefici, ed in questo caso il sistema di incentivazione deve attivare un investimento che abbia una ricaduta, ed il beneficio netto per il sistema, che però non si distribuisce in maniera equa tra tutti i soggetti che appartengono a questa filiera.  

È inoltre importante ricordare che nel passaggio da economia lineare a circolare, il sistema complessivamente ci guadagna, ma alcuni degli attori che fanno parte della catena lineare possono trovarsi spiazzati. Quindi l’Economia Circolare non è necessariamente una situazione di win-win, in quanto ha un vantaggio complessivo per il sistema economico e per l’ambiente del pianeta, ma gli attori si devono ancora riconfigurare all’interno di un sistema circolare. 

Per saperne di più guardate lo speech qui

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial