Circular Furniture Design

During the Re-think Circular Economy Forum Milan 2022 event, Valentina Cerolini, co-founder of Deesup, started her speech by presenting their reality. Deesup is a startup with its own interpretation of the value of Circular Economy (CE). They started the company some years ago while following their intuition, they found a gap in the market and they decided to fill it out.

Cerolini stressed the fact that when they talk about market, they are talking about the luxury second-hand furniture market, which at that time was already huge in terms of size. At the moment, the estimates say that by 2025, the value of this market will reach about $16 billion, however, they already knew that the combination of CE model and the resale system they were adopting was becoming somehow mainstream. This is what happened as in many successful use cases, especially in the fashion industry such as for the famous acquisition of Depop from the American base Etsy.

Zooming on furniture, Deesup characteristic, it is important to understand that this is the right moment for that and to offer the value through authenticity.

Their team of expert curators select all the iconic second-hand items that arrive in the platform that helped also in creating a community of design lovers. With their work and innovation, they were able to build a community of about 30,000 users consisting of design lovers, architects, interior designers, gallerists that are interested in the platform products because they see the value of the circularity in this app as well as a secure payment. Deesup plays the role of the mediator between buyers and sellers ensuring them a very smooth process for selling and buying furniture items.

From 2020, Cerolini continued, the startup experienced interesting booming years because people went through the pandemic and the houses became the main place to be. Moreover, the pandemic pushed them to a major commitment to the planet and to the society as well. Looking at data, 10 million tons of furniture are thrown away every year in Europe due to the linear economy system.

Deesup is the marketplace that is innovating the consumption model of design furniture towards the implementation of CE principles, enabling the online resale of furniture throughout Europe. Like any revolution system, Deesup has also drawn up its sustainability manifesto, the springboard to make its business even more sustainable. In order to do that, they decided to become a benefit company as a starting point for an inclusive and innovative business to renew the consumption model of design furniture that has an intrinsic value made of precious materials that can last over time.

The goal is to make sure that those resources do not go to waste. To date, thousands of design pieces have been given a second life thanks to the work of the platform, avoiding excess production and the environmental costs of eventual disposal. However, it is not enough, there are still some environmental impacts that must be minimized, such as: carbon neutral deliveries and website; the possibility to locally pick up products directly from the seller and finally, eco-friendly packaging which are their primary objectives for supporting the green revolution and growing the community of design lovers by 10 times more than today by raising awareness towards a sustainable world. To differ from the competitors, they decided to manage all the process of acquisition of products, promotion and selling by focusing on each step of the process, especially with a major attention on the curation phase.

This lets them build up a unique marketplace where users can buy and sell in confidence all the selected icons. The reason why such focus of circular principles application is on the furniture sector is the durability of the items, which is the answer. The quality of those manufacturing makes things possible to last for longer time. In addition to durability, there is information as main reason to the question why furniture, because people are now aware about how to use certain items, how to repair them, how to treat them and to use them more responsibly. Moreover, there is also a solid demand of second-hand products with which people are getting more comfortable with.

According to them, the speaker concluded, the real power of the platform is its community with who they create daily guidelines and tips in order to educate people in behaving in a more responsible way and make them aware of their choices.

For further details you can watch the recording in English here or consult the final report of Re-think Milan 2022.

Futuro del Design Circolare dei Mobili

Durante l’evento Re-think Circular Economy Forum Milan 2022, Valentina Cerolini, cofondatrice di Deesup, ha iniziato il suo intervento presentando la loro realtà. Deesup è una startup con una propria interpretazione del valore dell’Economia Circolare (CE). Hanno avviato l’azienda alcuni anni fa seguendo la loro intuizione quando hanno trovato un vuoto nel mercato e hanno deciso di colmarlo.

Cerolini ha sottolineato che quando lei parla di mercato, parla del mercato dei mobili usati di lusso, che all’epoca era già considerevole in termini di dimensioni. Attualmente le stime dicono che entro il 2025, il valore di questo mercato raggiungerà circa 16 miliardi di dollari, tuttavia sapevano già che la combinazione del modello di economia circolare e del sistema di rivendita che stavano adottando stava diventando in qualche modo mainstream. Questo è quanto è accaduto in molti casi d’uso di successo, soprattutto nel settore della moda, come nel caso della famosa acquisizione di Depop dalla base Americana Etsy.

Zoomando sui mobili, caratteristica di Deesup, è importante capire che questo è il momento giusto per farlo ed offrire valore attraverso l’autenticità.

Il loro team di curatori esperti seleziona tutti gli oggetti iconici di seconda mano che arrivano sulla piattaforma la quale ha contribuito anche a creare una comunità di amanti del design. Con il loro lavoro e la loro innovazione, sono riusciti a costruire una comunità di circa 30.000 utenti composta da amanti del design, architetti, interior designer e galleristi che sono interessati ai prodotti della piattaforma perché vedono il valore della circolarità in questa app ed anche un pagamento sicuro. Deesup svolge il ruolo di mediatore tra acquirenti e venditori garantendo loro un processo molto fluido per la vendita e l’acquisto di articoli di arredamento.

A partire dal 2020, ha proseguito la relatrice, la startup ha vissuto anni di boom perché la pandemia le case sono diventate il luogo principale in cui stare. Inoltre, la pandemia li ha spinti a un impegno maggiore nei confronti del pianeta e della società. Guardando i dati, ogni anno in Europa vengono buttati via 10 milioni di tonnellate di mobili a causa di un sistema economico lineare.

Deesup può essere quindi considerato il marketplace che sta innovando il modello di consumo dei mobili di design verso l’implementazione dei principi circolari, consentendo la rivendita online di mobili in tutta Europa. Come ogni sistema rivoluzionario, anche Deesup ha redatto il suo manifesto di sostenibilità, il trampolino di lancio per rendere il suo business ancora più sostenibile. Per farlo, ha deciso di diventare un’azienda benefit come punto di partenza di un business inclusivo e innovativo per rinnovare il modello di consumo dei mobili di design che sono fatti di materiali pregiati che possono durare nel tempo.

L’obiettivo è fare in modo che queste risorse non vadano sprecate. Ad oggi, migliaia di pezzi di design hanno avuto una seconda vita grazie al lavoro della piattaforma, evitando l’eccesso di produzione e i costi ambientali dell’eventuale smaltimento. Tuttavia, non basta, ci sono ancora degli impatti ambientali che devono essere ridotti al minimo, come ad esempio: consegne e sito web a zero emissioni di anidride carbonica; la possibilità di ritirare localmente i prodotti direttamente dal venditore e, infine, imballaggi ecocompatibili, che sono i loro obiettivi primari per sostenere la rivoluzione verde e far crescere la comunità degli amanti del design di 10 volte rispetto a oggi, sensibilizzando verso un mondo sostenibile. Per differenziarsi dai concorrenti, hanno deciso di gestire tutto il processo di acquisizione dei prodotti, di promozione e di vendita, concentrandosi su ogni fase del processo, con un’attenzione particolare alla fase di cura.

Tutto ciò permette di costruire un mercato unico nel suo genere, dove gli utenti possono acquistare e vendere in tutta tranquillità tutte le icone selezionate. Il motivo per cui l’applicazione dei principi circolari si concentra sul settore dell’arredamento è la durata degli articoli, che è la risposta. La qualità della produzione rende gli oggetti in grado di durare più a lungo.

Alla durata si affianca  l’informazione, perché le persone sono ormai consapevoli di come usare certi oggetti, come ripararli, come trattarli e come usarli in modo più responsabile. Inoltre, c’è anche una solida domanda di prodotti di seconda mano con cui le persone si sentono più a loro agio.

Secondo loro, ha concluso il relatore, La vera forza della piattaforma è la sua comunità, con la quale crea linee guida e consigli quotidiani per educare le persone a comportarsi in modo più responsabile e renderle consapevoli delle loro scelte.

Per maggiori informazioni potete guardare lo speech in inglese qui o consultare il report finale di Re-think Milano 2022

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial