The New TRICK

During the Circular Threads report presentation held last June, among the many speakers who spoke was Alessandro Canepa of Fratelli Piacenza, who told about the company and the TRICK project they are pursuing.

Fratelli Piacenza was founded about 250 years ago and has naturally evolved a lot over the years. From 2017 to 2019, the company has had a 38 percent increase in turnover and has reached an average price of about 60 euros per meter, and it is continuously growing. This growth is also due to the fact that they work in both the men’s and women’s markets with a major effort to expand production capacity, but above all, service, because more than 35% of production is customized and therefore made specifically on customers’ requests. Customers of Fratelli Piacenza belong to the luxury world, so the company’s market is basically luxury, which has been growing strongly in recent years especially in the Middle East.

Who are their customers? Those who are called “Henrys”, that is, those who have high purchasing and earning power, and they are also those customers who have a growing focus from a cultural point of view on sustainability issues and green issues in general. So, in essence, it is a trend with a strong impact on those who want to serve this type of market.

The UNECE considered that for the production of green products, traceability is one of the essential factors, particularly in the value chain such as textiles, which is usually very long.

As is already well known, the textile and fashion industries have a significant impact on the climate, when, however, Canepa pointed out, they do not adopt the correct policies to respect the environment. For example, there is a strong difference between consumption and use of water, in fact, he explained, companies in Biella and Europe in general use water, but often return it to rivers, instead when it comes to consumption, we talk about polluting it and reintroducing it consumed. There is also, a strong impact on the earning capacity of workers, for example, often outside Europe it is low earning labor force. Finally, there is the problem of falling prices and fast-fashion, which have led to very limited use of products (on average 3 times of use). In contrast, in the luxury sector there is a tendency to value the product more and thus have a lower environmental impact due precisely to the value of the product.

In recent years there has been a tendency, at least statistically, for greater attention and sensitivity to sustainability in production, which, however, has not been much sustained partly because of inadequate information, so much so that the consumer still has great difficulty in knowing what production cycle the product has been subjected to. This has also been compounded by the spread and effect of greenwashing in numerous corporations around the world.

In contrast to what is happening globally, however, Italian companies and European companies in general, Canepa said, have long since had to adopt directives that focus on respecting the environment and people.

What does it mean to implement these directives?

To explain, Canepa talked about the TRICK project, which stands for “product data TRaceability Information management by bloCKchains interoperability and open circular service marketplace,” whose logo, he recounted, is a double logo created almost by mistake. Looking at it and reading about the project, it is clear that the colored logo (in the foreground) refers to the textile industry and the colors of textiles, whereas, the black logo in the background is meant to refer to those policies in place and implemented that are not green.

The name, he continued, means “trick” in English and was chosen because it is well known that there are many policies that on the surface incite and support toward green sustainability, but in reality do real greenwashing, thus failing to protect the consumer and their knowledge.

The story of this project is a bit strange, Canepa told, because it came about a bit as a reaction in that, despite years of collaboration with many entities at the European level, there was little real discussion about proposing traceability activities in the textile sector, and so, at some point, the company decided to write about it in a proposal.

The project has 28 partners with 12 countries represented and will last 42 months because the objectives are many and quite complicated to accomplish. There is a strong component of end-users, mostly Italian industries, representing two supply chains: one for traditional textiles and the other for technical textiles.

There is a strong IT component, with two blockchain providers, one private and one public. The choice of two blockchains is related to the fact that if you create ones that you don’t pay for, it will always be very difficult for a standard to be adopted. Therefore, he continued, if upstream suppliers in the supply chain were to find themselves with fashion groups with their own blockchain these would offload upstream the problem of collecting data in a satisfactory way and in line with everyone else, thus resulting in great inefficiency. Therefore, portability of data from one blockchain to another is of real importance for widespread adoption. As for the environmental impact related to blockchain adoption, this depends on the energy sources that are used, and there are already tactics in place by which they will increasingly succeed in the future in demonstrating that their sources of support are green and renewable, thus improving their final impact.

From a policy contribution point of view, efforts have been made to involve as many entities as possible that could help in this activity, indeed the European Commission expects significant contributions given the objectives of the project. There is also a strong lobbying component, and a consortium dealing with citrus is also involved in the project to show that this can also be applied to the agribusiness sector.

Finally, the National Customs and Monopolies Agency was also involved, as this deals with counterfeiting of products and is the body that basically issues the regulations that must be complied with by companies in terms of traceability. It was decided to involve it because there is a big issue about what the reference standard for traceability might be, as there are many standards that already exist. In the specific case of the project, they decided to refer to administrations that export abroad and therefore have to issue the certification of preferential origin of goods that allows the calculation of duties and is subject to verification by the same Agency mentioned above. The latter, therefore, has a strong interest in simplifying the process of collecting the information, which must always be available in the companies, and which is already codified according to customs standards following also the whole part of semantics of product definition and production cycles.

To conclude, the goals of the project are long-term and consist of:

– a major contribution to the roadmapping of traceability and transparency that will be made by the public entities participating in the project;

– the creation of the services for data collection, so software that is able to take the necessary data from the companies and can leave the information with customs and other entities interested in them;

– the interoperability part of blockchain, which however to date has not yet been implemented and is a very important research topic;

– the topic of the marketplace that is useful for releasing these services to companies, especially small ones that are more difficult to afford, as the prices and costs of the technologies are too high;

– creating an app through which the consumer is informed of both the environmental impact of the product they are buying and where it was manufactured, and all the useful information to really learn about a product and make a more informed choice.

To learn more you can watch the speech in Italian here Alessandro Canepa (Piacenza Brothers) – Circular Threads – June 21, 2021

Il Nuovo TRICK

Durante la presentazione del report Circular Threads che si è tenuta lo scorso giugno, tra i numerosi speaker che sono intervenuti c’è stato anche Alessandro Canepa di Fratelli Piacenza che ha raccontato dell’azienda e del progetto TRICK che stanno portando avanti.

Fratelli Piacenza è stata fondata circa 250 anni fa e negli anni naturalmente si è molto evoluta. Dal 2017 al 2019 l’azienda ha avuto un aumento del 38% del fatturato e ha raggiunto il prezzo medio di circa 60 euro al metro, ed è in continua crescita. Questa crescita è dovuta anche al fatto che lavorano sia nel mercato maschile che in quello femminile con uno sforzo importante per l’espansione della capacità produttiva, ma soprattutto del servizio, perché oltre il 35% della produzione è customizzata e quindi realizzata specificatamente sulle richieste dei clienti. Clienti che appartengono al mondo del lusso, quindi il mercato dell’azienda è in pratica del lusso, che è in forte crescita negli ultimi anni soprattutto in Medio-Oriente.

Chi sono i loro clienti? Coloro che in inglese sono chiamati “Henrys”, cioè coloro che hanno un alto potere d’acquisto e guadagno, e sono anche quei clienti che hanno un’attenzione sempre crescente da un punto di vista culturale sui temi della sostenibilità e dei temi green in generale. Quindi, in sostanza, è una tendenza con un forte impatto su chi vuole servire questo tipo di mercato.

L’UNECE ha considerato che per la produzione di prodotti green, la tracciabilità è uno dei fattori essenziali, in particolare nella catena di valore come quella tessile che è solitamente molto lunga.

Come già è noto, il settore del tessile e della moda hanno un notevole impatto sul clima, quando, però, ha sottolineato Canepa, non adottano le politiche corrette per il rispetto dell’ambiente. Ad esempio, c’è una forte differenza tra consumo ed uso di acqua, infatti, ha spiegato, le aziende Biellesi ed europee in generale usano l’acqua, ma spesso la restituiscono ai fiumi, invece quando si tratta di consumo, si parla di inquinarla e reimmetterla consumata. C’è inoltre, un forte impatto sulla capacità di guadagno dei lavoratori, ad esempio, spesso fuori dall’Europa si tratta di forza-lavoro con basso guadagno. Infine, vi sono il problema della diminuzione dei prezzi ed il fast-fashion che hanno portato ad un utilizzo molto limitato dei prodotti (in media 3 volte di utilizzo). Diversamente, nel settore del lusso si tende a valorizzare di più il prodotto e quindi ad avere un impatto ambientale più contenuto dovuto proprio al valore del prodotto.

Negli ultimi anni c’è stata la tendenza, almeno statisticamente, ad un’attenzione e sensibilità maggiori sulla sostenibilità in ambito di produzione che però non sono state molto sostenute anche a causa di un’informazione inadeguata, tanto è vero che il consumatore ha ancora grande difficoltà a conoscere a quale ciclo produttivo il prodotto sia stato soggetto. A questo si è poi unita anche la diffusione e l’effetto di greenwashing in numerose corporate in tutto il mondo.

Diversamente però da quanto accade a livello mondiale, le aziende italiane e quelle europee in generale, ha affermato Canepa, hanno dovuto già da tempo adottare delle direttive che puntano ad un rispetto dell’ambiente e delle persone.

Cosa significa implementare queste direttive?

Per spiegarlo, Canepa ha parlato del progetto TRICK che sta per “product data TRaceability Information management by bloCKchains interoperability and open circular service marketplace”, il cui logo, ha raccontato, è un logo doppio creato quasi per errore. Guardandolo e leggendo il progetto, si capisce che il logo colorato (in primo piano) rimanda al settore del tessile e ai colori dei tessuti, invece, il logo nero in secondo piano, vuole rimandare a quelle politiche vigenti ed implementate che non sono green.

Il nome, ha continuato, in inglese significa “trucco” ed è stato scelto perché è noto che esistono molte politiche che in apparenza incitano e supportano verso una sostenibilità verde, ma che in realtà fanno vero e proprio greenwashing, non tutelando in questo modo il consumatore e la sua conoscenza.

La storia di questo progetto è un po’ strana, ha raccontato Canepa, perché è nato un po’ per reazione in quanto, nonostante gli anni di collaborazione con molti enti a livello europeo, c’è stato poco reale confronto sul proporre attività di tracciabilità nel settore tessile e quindi, ad un certo punto, l’azienda ha deciso di scriverci su una proposta.

Il progetto conta 28 partner con 12 Paesi rappresentati e durerà 42 mesi perché gli obiettivi sono molti e piuttosto complicati da realizzare. C’è una forte componente di end-user, per lo più industrie italiane, che rappresentano due filiere: una per il tessile tradizionale e l’altra per il tessile tecnico.

C’è una forte componente di IT, con due fornitori di blockchain, una privata ed una pubblica. La scelta di due blockchain è legata al fatto che se si creano quelle che non si pagano, sarà sempre molto difficile che uno standard venga adottato. Quindi, ha continuato, se i fornitori a monte della filiera si dovessero trovare con gruppi della moda con una propria blockchain questi ultimi scaricherebbero a monte il problema di raccogliere i dati in modo soddisfacente ed in linea con tutti gli altri, risultando così in grande inefficienza. Per cui, la portabilità dei dati da una blockchain all’altra è di reale importanza per un’adozione estesa. Per quanto riguarda l’impatto ambientale legato all’adozione della blockchain, questo dipende dalle sorgenti energetiche che vengono utilizzate, e ci sono già delle tattiche in atto con le quali riusciranno sempre di più in futuro a dimostrare che le loro fonti di appoggio sono green e rinnovabili, migliorandone quindi l’impatto finale.

Da un punto di vista di contributo alle policy, si è cercato di coinvolgere il più possibile enti che potessero aiutare in questa attività, anzi la Commissione Europea si aspetta dei contributi significativi considerati gli obiettivi del progetto. Vi è inoltre una forte componente di lobby e al progetto partecipa anche un consorzio che si occupa di agrumi per dimostrare che tutto ciò si può applicare anche al settore agro-alimentare.

Infine, è stata coinvolta anche l’Agenzia Nazionale delle Dogane e dei Monopoli, in quanto questa si occupa di contraffazione dei prodotti ed è l’ente che sostanzialmente emana le normative che devono essere rispettate dalle aziende in termini di tracciabilità. Si è deciso di coinvolgerla perché vi è un grosso problema su quale possa essere lo standard di riferimento per la tracciabilità, in quanto sono molti quelli già esistenti. Nel caso specifico del progetto, hanno deciso di fare riferimento alle amministrazioni che esportano all’estero e che quindi devono rilasciare la certificazione di origine preferenziale delle merci che permette il calcolo dei dazi ed è oggetto di verifica da parte della stessa Agenzia sopra menzionata. Quest’ultima, ha perciò un forte interesse a semplificare il processo di raccolta delle informazioni, che devono essere sempre disponibili nelle aziende, e che sono già codificate secondo gli standard doganali seguendo anche tutta la parte di semantica di definizione del prodotto e dei cicli produttivi.

Per concludere, gli obiettivi del progetto sono sul lungo termine e consistono in:

– un contributo importante al roadmapping della tracciabilità e trasparenza che verrà dato dagli enti pubblici partecipanti al progetto;

– la creazione dei servizi per la raccolta dei dati, quindi un software che sia in grado di prendere dalle aziende i dati necessari e possa lasciare le informazioni alle Dogane e agli altri enti interessati a queste;

– la parte di interoperabilità delle blockchain che comunque ad oggi non è stata ancora implementata e che è un tema di ricerca molto importante;

– il tema del marketplace utile per rilasciare questi servizi alle aziende, soprattutto quelle piccole che più difficilmente possono permetterselo, dato che i prezzi ed i costi delle tecnologie sono troppo elevati;

– creare un’app tramite cui il consumatore viene informato sia dell’impatto ambientale del prodotto che sta comprando sia di dove è stato fabbricato e tutte le informazioni utili per conoscere davvero un prodotto e fare una scelta più consapevole.

Per saperne di più potete riguardare l’intervento in italiano qui Alessandro Canepa (Fratelli Piacenza) – Circular Threads – 21 giugno 2021

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial