Sustainable fashion: Yamamay

Is a sustainable fashion industry possible? In the talk presented by Barbara Cimmino during the Re-think Naples event that took place last June, we could see how a company through constant efforts and collaborations with external partners can change its economic model from linear to circular.

Barbara Cimmino, CSR Director of Yamamay, began her speech by starting precisely from the city of Naples, saying that it is a place that has proven time and again on different fronts and for all industries that it has been able to generate culture over the centuries, and, she says, it is precisely from a culture that we must start again. The change to a more sustainable reality must be carried forward together, by institutions and industry.

The Yamamay project started in 2021, and a key theme for the company is biodiversity protection. The study begun last year on biodiversity had anticipated, at the time, the increasing attention to the issue: we do not have another Planet, and at this rate of growth it is not possible to preserve and protect the balance of biodiversity. Cimmino went on to emphasize how necessary it is for companies to change their approach and move from the linear economy system to the circular economy. The transition is possible through measurement and measuring means knowing the state of the problem. Yamamay’s goal is to unite the environmental and digital transition, and this is possible through knowledge.

The company began its transition by starting with a focus on the sea, a natural element that covers 70 percent of the earth’s surface, which is also fundamental to the earth’s breathing cycle, can produce 50 percent of the globe’s oxygen and absorb 30 percent of the carbon dioxide produced. The speech continued by introducing the company with some figures: Yamamay ended the year 2021 with 117 million in sales, has a presence in 44 countries around the world, operates through more than 600 stores in these 44 countries, and now has more than 800 employees. Although Yamamay is a relatively young company, it has always adopted sustainability as a core principle. For example, it was the first Italian company to fully offset an advertising campaign in 2010, and in 2019 it formalized this sustainability commitment with a voluntary public report.

The company’s focuses are Goals 12 and 14 of the SDGs, which are responsible consumption and production and life below water. It chose to follow these indicators to contribute to an issue on which the fashion industry has a strong impact: water. Suffice it to say that 20 percent of global water pollution is generated by the Fashion industry, or that the Fashion industry is fourth in the world in water consumption among all industries, and still uses more than 1,000 chemicals and substances harmful to humans and the environment that end up in rivers and seas.

Cimmino went on to explain that Yamamay has anticipated not only the theme of a circular economy but also Eco-design, to be able to accompany the product more quickly to the “end-of-life.” The goal is to close the circle, by taking back products at the end of their life, the company takes care of the management for both upcycling and downcycling.

The importance of digitization, which allows the traceability of each product, is thus emphasized. Yamamay’s goal is to produce 60 percent of products from recycled fibers and fabrics and innovative products by 2024. Usually, expensive third-party certifications are used to demonstrate these “sustainable advances,” but in the future, a blockchain project will be developed that will make these certifications much more accessible and affordable.

Another important issue is touched upon during the talk, which is the issue of reducing unsold inventory. The goal, of course, is not to reduce production, but to optimize it according to sales capacity. To do this, Yamamay uses optimization systems based on genetic algorithms; it is trying to broaden the size coverage of its products and, in other words, with fewer sizes sell to a larger audience of buyers.

Another topic in which Yamamay is engaged is impact measurement. Progress has been made especially in measuring the Carbon Footprint. But to solve problems more effectively and achieve its goals, collaborative activities with the entire supply chain must necessarily be carried out so that these measurements are more useful and detailed.

Cimmino in conclusion brought as an example one of Yamamay’s latest products: an innovative swimwear line designed to be circular and for which the rules of ECO-design have been applied 100 percent. Thus, it is a single-material product, without toxic additives and entirely recyclable.

To arrive at this product, collaborations were made with all stakeholders in the supply chain, going far beyond just the retail phase that the company deals with.

Another notable feature of this new line is transparency; without providing detailed and truthful information to consumers Cimmino said, sustainable projects cannot be pursued. To ensure this, the company has collaborated with a spin-off from the University of Pisa, and has created and is using Ergo, a tool for measuring circularity that allows it to understand at what stages of the process improvements can and should still be made. One last project that will be activated in 2023 concerns, another fundamental phase which is the end of the cycle, ending with take-back. Barbara Cimmino concluded by stating that to have the final transition, it is necessary to collaborate with the whole community, and to do this we need to communicate the needs of our planet Earth without confusion and in transparency. 

Here is the link to download the full report.

Italiano

Un’industria della moda sostenibile è possibile? Nell’intervento tenuto da Barbara Cimmino durante l’evento Re-think Napoli che ha avuto luogo lo scorso giugno, abbiamo potuto constatare come un’impresa attraverso un impegno costante e collaborazioni con partners esterni possa modificare il proprio modello economico da lineare a circolare.

Barbara Cimmino, CSR Director di Yamamay, ha iniziato il suo intervento partendo proprio dalla città di Napoli, affermando che è un luogo che ha dimostrato più volte su diversi fronti e per tutte le industrie di essere stato in grado di generare cultura nel corso dei secoli e, afferma, è proprio dalla cultura che dobbiamo ripartire. Il cambiamento verso una realtà più sostenibile dev’essere portato avanti unitamente, dalle Istituzioni e dall’industria.

Nel 2021 è partito il progetto Yamamay, ed un tema fondamentale per l’azienda: la protezione della biodiversità. Lo studio iniziato lo scorso anno sulla biodiversità aveva anticipato, a suo tempo, l’attenzione sempre più forte sulla problematica: non abbiamo un altro Pianeta, con questo ritmo di crescita non è possibile conservare e proteggere l’equilibrio della biodiversità. Cimmino ha proseguito sottolineando quanto sia necessario per le aziende cambiare il proprio approccio e passare dal sistema dell’economia lineare all’economia circolare. La transizione è possibile grazie alla misurazione e misurare significa conoscere lo stato del problema. L’obiettivo che si è posto Yamamay è di unire la transizione ambientale e quella digitale, e ciò è possibile grazie alla conoscenza.

L’azienda ha iniziato la sua transizione partendo da una particolare attenzione per il mare, elemento naturale che ricopre il 70% della superficie terrestre, che è inoltre fondamentale per il ciclo di respirazione della terra, è in grado di produrre il 50% dell’ossigeno del globo e di assorbire il 30% dell’anidride carbonica prodotta. L’intervento è proseguito introducendo l’azienda con qualche dato: Yamamay ha chiuso l’anno 2021 con 117 milioni di fatturato, è presente in 44 paesi del mondo, opera attraverso oltre 600 punti vendita in questi 44 paesi e oggi ha più di 800 dipendenti. Nonostante Yamamay sia un’azienda relativamente giovane ha adottato da sempre la sostenibilità come principio fondamentale. Per esempio, è stata la prima azienda italiana a compensare completamente una campagna pubblicitaria nel 2010 e nel 2019 ha formalizzato questo suo impegno di sostenibilità con un bilancio volontario pubblico.

I focus a cui la compagnia fa riferimento sono gli obiettivi 12 e 14 degli SDGs, cioè consumo e produzione responsabile e vita sott’acqua. Si è scelto di seguire questi indicatori per contribuire su una tematica per cui l’industria del Fashion ha un forte impatto: l’acqua. Basti pensare che il 20% dell’inquinamento globale delle acque è generato dall’industria del Fashion, oppure che l’industria del Fashion è la quarta al mondo per quanto riguarda i consumi di acqua tra tutte quante le industrie, e che ancora sfrutta oltre 1000 sostanze chimiche e sostanze nocive per l’uomo e per l’ambiente, che finiscono nei fiumi e nei mari.

Cimmino ha continuato spiegando che Yamamay ha anticipato non solo il tema dell’economia circolare, ma anche dell’Eco-design, in modo da riuscire con più facilità ad accompagnare il prodotto verso il “fine-vita”. L’obiettivo è di chiudere il cerchio, ritirando i prodotti a fine vita l’azienda si occupa della gestione sia per l’upcycling che il downcycling.

Viene dunque rimarcata l’importanza della digitalizzazione, che permette la tracciabilità di ogni prodotto. L’obiettivo di Yamamay è di avere, entro il 2024, il 60% di prodotti realizzati con fibre e tessuti riciclati e prodotti innovativi. Solitamente, per dimostrare questi “progressi sostenibili” vengono usate costose certificazioni di terze parti, in futuro invece verrà sviluppato un progetto di blockchain che renderà queste certificazioni molto più accessibili ed economiche.

Durante l’intervento viene toccato un altro problema importante, che è il tema della riduzione dell’invenduto. L’obiettivo, ovviamente, non è ridurre la produzione, ma ottimizzarla in base alle capacità di vendita. Per fare ciò, Yamamay utilizza dei sistemi di ottimizzazione basati su algoritmi genetici; sta cercando di allargare la copertura delle taglie dei propri prodotti e, in altre parole, con meno taglie vendere a una platea maggiore di acquirenti.

Altro argomento sul quale Yamamay è impegnata, è la misurazione degli impatti. Sono stati fatti passi avanti soprattutto sulla misurazione della Carbon Footprint. Ma per risolvere più efficacemente i problemi e raggiungere i propri obiettivi, bisogna necessariamente svolgere delle attività collaborative con tutta la filiera affinché queste misurazioni siano più utili e dettagliate.

Cimmino in conclusione, ha portato come esempio uno degli ultimi prodotti di Yamamay: una linea di costumi da bagno innovativa progettata per essere circolare e per cui sono state applicate al 100% le regole dell’ECO-design. Si tratta, dunque, di un prodotto monomateriale, senza additivi tossici e interamente riciclabile. Per arrivare a questo prodotto, si sono strette collaborazioni con tutti gli stakeholders della filiera, andando ben oltre la sola fase retail di cui l’azienda si occupa.

Un’altra caratteristica notabile di questa nuova linea è la trasparenza, senza fornire informazioni dettagliate e veritiere ai consumatori non è possibile portare avanti progetti sostenibili. Per assicurare ciò, l’azienda ha collaborato con uno spin-off dell’università di Pisa, ed ha realizzato ed sta utilizzando Ergo, un tool per la misurazione della circolarità che permette di capire in quali fasi del processo si può e si deve ancora migliorare. Un ultimo progetto che sarà attivato nel 2023 riguarda, un’altra fase fondamentale quale è la fine del ciclo, che terminerà con il take-back. Barbara Cimmino ha concluso affermando che per avere la transizione definitiva è necessario che si collabori con tutta la comunità, e per fare ciò bisogna comunicare le esigenze del nostro pianeta Terra senza creare confusione ed in trasparenza.   

Qui il link per scaricare l’intero report.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial