Marine waste supply chain

During the Re-think event held in Naples in July, Marcella De Martino, CNR’s first researcher, spoke about an exciting project they are pursuing in the marine waste management supply chain.

Marcella De Martino began her speech by introducing the FIRM project, which originated from a multi-measure call from the Campania Region under the EMFF, from the old 2014-2020 programming. It is a very ambitious project that seeks to solve one of the great problems of our seas: the presence of marine litter. To better understand the project, De Martino began by presenting the background of the marine litter problem.

The data she refers to can be found in the report “Mare Nostrum Mare Plasticum“, which mentions that there are currently 50 million tons of visible waste in our seas. Looking in detail at the Mediterranean Sea, it is estimated that there are about 1.2 million tons of plastic waste, another really worrying piece of information is that still today about 700 tonnes of plastic are spilled into the sea daily.

European and national strategies have been particularly active on this issue for several years; it is an ongoing process that will bring results from medium- and long-term perspectives. At the moment, the recycling rate of all industrial waste is around 12 percent and Italy is among the most virtuous countries. Among the European strategies working on this front are the Green Deal, the Circular Economy Action Plan, and the Strategy for Plastics in the Circular Economy, which aim to foster the ecological transition and create sustainable and circular economic models. Italy has transposed the European regulations, adapting them to the national context. At the Italian level, the National Strategy for the Circular Economy, the National Recovery and Resilience Plan, and the National Waste Management Program have been published, with measures aimed at fostering the ecological and circular transition. In addition, the Save the Sea Law focused on the fishing sector, and recalling the guiding principles of European and national strategies was recently approved.

The FIRM project, Marine Waste Chain, which De Martino is in charge of, started in November 2021, responding to a call for proposals published in August 2020. Thus, the project is part of the Fishing For Litter strategy and aims to lay the groundwork for being able to create an innovative marine waste supply chain in the Campania region. The project is inspired by circular economy models and seeks to identify a series of innovative solutions so that marine waste can become a resource for the activation of new supply chains, favoring the generation of economic, social, and environmental value for the local territory.

The research world is participating in this project with three National Research Council (CNR) Institutes, IRISS, ISA and IPCB; the fishing world with six Regional Fishermen’s Organizations including UNCI, Federpesca, ConfcooperativeFedAgriPesca Campania, AGCI Campania, LEGA-COOP Agroalimentare and Coldiretti; and, finally, three associations AICS Naples, Assoutenti Campania and Hippocampus.

The project was sponsored by Marevivo Onlus, an association that strongly supported the passage of the Salvamare law. To date, work has been done to build a collaborative network in the area. The result has been done by inviting 50 municipalities with a maritime vocation, of which more than 30 have responded positively-demonstrating interest in the issue of the sea resource. Efforts were made to develop technical tables with the various stakeholders in the project, and work was done with the municipalities to identify areas that were close to the fishermen’s moorings to be able to collect and sort waste. Without a space where fishermen can deliver their fished waste, it is not possible to quantify the problem, since we cannot estimate the marine waste that currently gravitates to the region, and therefore it is not possible to activate the virtuous circle of waste recovery.

The Campania Region, De Martino continued, has shown itself to be a participant by flanking the Salvamare Law with Measure 1.43, which provides funding of up to 100,000 euros to municipalities participating in the FIRM project to adapt and prepare for marine waste management. Currently, the project is in the marine waste collection phase. If fishermen, while carrying out their professional activities, find waste, it is then monitored within the project and delivered to ecological areas prepared by the municipalities.

Finally, CNR researchers analyze the waste from a chemical-physical point of view to identify innovative solutions to transform the waste into a resource. The researcher continued, explaining that a number of innovative solutions have been identified: 1. Recycling plastic, which can become a box to hold fish products, thus replacing existing and highly polluting polystyrene ones; 2. The construction of multi-material panels creates a huge induced activity and generates value for the territory; 3. Creation of shopping and beach bags that can be used for commercial activities and branded by the participating municipal administrations; 4. Reuse of waste material as urban furniture. The project is ambitious, De Martino concluded, describing the main outputs. A new administrative and technical-organizational procedure is being developed to make the management of marine waste possible in a circular economy logic.

It also aims to create awareness and responsibility through awareness-raising campaigns directed at local communities and aimed at changing consumption patterns. The project pushes innovative solutions that generate economic, social, and environmental value for both the fishing sector and the local area can be identified and implemented. Finally, the last but also the most relevant goal is to develop a bottom-up collaborative network to effectively implement innovative sustainable strategies and practices that can safeguard and regenerate the sea resource.

Here is the link to download the entire report from Re-think Napoli 2022.

If you want to watch all the interventions of Mercella De Martino, here is the entire video.

Italiano

Una filiera innovativa dei rifiuti marini

Durante l’evento Re-think tenutosi a Napoli nel mese di luglio, Marcella De Martino, prima ricercatrice del CNR, ha raccontato un progetto molto interessante che stanno portando avanti nell’ambito della filiera per la gestione dei rifiuti marini.

Marcella De Martino, ricercatrice del CNR, ha iniziato il suo intervento presentando il progetto FIRM che nasce da un bando multi-misura della Regione Campania nell’ambito del FEAMP, della vecchia programmazione del 2014-2020. È un progetto molto ambizioso che cerca di risolvere uno dei grandi problemi dei nostri mari: la presenza dei rifiuti marine.

Per comprendere meglio il progetto, De Martino ha iniziato presentando il contesto di riferimento del problema dei rifiuti marini. I dati a cui fa riferimento sono consultabili nel rapporto “Mare Nostrum Mare Plasticum”, nel quale si menziona che al momento sono presenti 50 milioni di tonnellate di rifiuti visibili nei nostri mari. Osservando nel dettaglio il Mar Mediterraneo, si stima che ci siano circa 1.2 milioni di tonnellate di rifiuti plastici, un’altra informazione veramente preoccupante è che tutt’oggi siano sversate in mare circa 700 tonnellate di plastica quotidianamente.

Le strategie europee e nazionali sono particolarmente attive su questo tema da diversi anni; si tratta di un processo in atto che porterà risultati in prospettive di medio e lungo termine. Al momento, il tasso di riciclo di tutti i rifiuti industriali è intorno al 12% e l’Italia tra i Paesi più virtuosi. Tra le strategie europee che lavorano su questo fronte vi sono il Green Deal, il Piano di Azione per l’Economia Circolare e la Strategia per la plastica nell’Economia Circolare, che mirano a favorire la transizione ecologica e a creare modelli economici sostenibili e circolari. L’Italia ha recepito le regolamentazioni europee adattandole al contesto Nazionale.

A livello italiano sono state pubblicatela Strategia Nazionale per l’Economia Circolare, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ed il Programma Nazionale per la Gestione dei Rifiuti, misure tese a favorire la transizione ecologica e circolare. Inoltre, è stata da poco approvata la Legge Salvamare focalizzata sul settore della pesca e che richiama i principi ispiratori delle strategie europee e nazionali.

Il progetto FIRM, Filiera Rifiuti Marini, di cui De Martino si occupa, è partito a novembre 2021, rispondendo ad un bando pubblicato ad agosto 2020. Il progetto fa parte, quindi, della strategia “Fishing For Litter” e ha l’obiettivo di porre le basi per poter creare una filiera innovativa del rifiuto marino nella regione Campania. Il progetto si ispira ai modelli di economia circolare e cerca di identificare una serie di soluzioni innovative affinché il rifiuto marino possa diventare una risorsa per l’attivazione di nuove filiere favorendo la generazione di valore economico, sociale ed ambientale per il territorio locale.

A questo progetto partecipa il mondo della ricerca con tre Istituti del Consiglio Nazionale della Ricerche (CNR), l’IRISS, l’ISA e l’IPCB; il mondo della pesca con sei Organizzazioni Regionali dei Pescatori tra cui l’UNCI, Federpesca, ConfcooperativeFedAgriPesca Campania, AGCI Campania, LEGA-COOP Agroalimentare e Coldiretti; ed, infine, tre associazioni AICS Napoli, Assoutenti Campania ed Hippocampus.

Il progetto è stato patrocinato da Marevivo Onlus, associazione che ha fortemente sostenuto l’approvazione della legge Salvamare. Ad oggi, si è lavorato per costruire una rete collaborativa sul territorio. Il lavoro è stato fatto invitando 50 amministrazioni comunali a vocazione marittima, di cui oltre 30 hanno risposto positivamente dimostrando interesse per la tematica della risorsa mare.

Si è cercato di sviluppare dei tavoli tecnici con i vari stakeholders del progetto e si è lavorato con i comuni per identificare delle aree che fossero vicine agli ormeggi dei pescatori per poter raccogliere e differenziare i rifiuti. Senza uno spazio in cui i pescatori possono conferire i rifiuti pescati, non è possibile dare una quantificazione del problema, non potendo stimare i rifiuti marini che attualmente gravitano sul territorio regionale, e quindi non è possibile attivare il circolo virtuoso di recupero del rifiuto.

La Regione Campania, ha continuato De Martino, si è dimostrata partecipe affiancando, alla Legge Salvamare, la Misura 1.43, con cui si finanziano fino a 100.000 euro i comuni che partecipano al progetto FIRM per adeguarsi e prepararsi alla gestione dei rifiuti marini. Al momento il progetto è nella fase di raccolta dei rifiuti marini. Se i pescatori, svolgendo la loro attività professionale, trovano dei rifiuti, questi vengono poi monitorati all’interno del progetto e conferiti nelle aree ecologiche predisposte dalle amministrazioni comunali.

Infine, i ricercatori CNR analizzano il rifiuto da un punto di vista chimico-fisico per identificare le soluzioni innovative per trasformare il rifiuto in risorsa. La ricercatrice ha continuato, spiegando che al momento sono state identificate alcune soluzioni innovative: 1. Riciclo della plastica, che può diventare una cassetta per contenere il prodotto ittico, sostituendo così quelle esistenti e altamente inquinanti in polistirolo; 2. Produzione di pannelli multi-materiali per l’edilizia, creando un indotto enorme e generando valore per il territorio; 3. Creazione di shopping e beach bag che possono essere utilizzate per le attività commerciali e brandizzate dalle amministrazioni comunali partecipanti; 4. Riutilizzo del materiale di scarto come arredo urbano. Il progetto è ambizioso, ha concluso De Martino, descrivendo i principali output. Si sta sviluppando una nuova procedura amministrativa e tecnico-organizzativa che renda possibile la gestione dei rifiuti marini in una logica di economia circolare.

Inoltre, si vuole creare consapevolezza e responsabilità attraverso campagne di sensibilizzazione dirette alle comunità locali e volte a cambiare le modalità di consumo. Il progetto spinge affinché si identifichino e possano implementare soluzioni innovative che generino valore economico, sociale ed ambientale sia per il settore della pesca che per il territorio. Infine, l’ultimo obiettivo, ma anche il più rilevante, è di sviluppare una rete collaborativa dal basso per attuare efficacemente strategie e pratiche innovative sostenibili, in grado di salvaguardare e rigenerare la risorsa mare.

Per scaricare l’intero report dell’evento Re-think Milano 2022, qui il link.

Per guardare l’intero intervento, qui il link al video presented sul nostro canale YouTube.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial