Innovation with Eni Joule

During the last edition of Re-think Circular Economy Forum held in Taranto, there were many speeches that tried to explain, in a concrete way, what was new, and the efforts made to move from a system based on the linear economy to one based on the circular economy. In this sense important was the speech of Antonietta De Sanctis, who introduced the reality founded by Eni: Eni Joule.

Joule, explained Antonietta De Sanctis, Head of Incubation and Acceleration Programs at Joule – Eni’s School for Business, was created with the aim of giving concrete support to innovative and sustainable startups and in line with what is the energy transition strategy that Eni has been undertaking for several years now, and with which it intends to achieve, in 2050, fully decarbonized products and services.

The support that Joule provides to innovative and sustainable companies operates through two pathways. On the one hand, Human Knowledge is aimed at the physical person. This is a training path that goes through two main tools: first, is a platform accessible to all, a distance learning so-called Open, which to date has about 9,000 subscribers. The platform was developed in collaboration with leading Italian business schools and, in addition to offering training content, serves as a tool to create a community. In fact, the current members meet periodically in events that are as virtual as they are physical, where there is an exchange of knowledge, and experience, and common projects can be initiated. The other tool is the Lab, a path accessible through calls for proposals, which are launched periodically (about three times a year). These programs allow teams, or newly formed startups, to apply their innovative idea and win a mini pathway to validate their business idea.

On the other hand, the second track pursued by Joule targets startups in the energy sector, but not only. In fact, the area in which Joule operates takes into consideration all innovative ideas that have a business model with a strong impact on environmental and social sustainability issues. There is a real accelerator, called Energizer, which differs from other corporate accelerators because it is equity free, and develops its own acceleration paths through its partners and “experts,” the so-called Joule Academy: these paths are then complemented by the mentorship provided by Eni people.

From this point of view, Joule defines itself as an ecosystem accelerator, insofar as it believes that the only way to support a startup is to grow around its innovative idea, an ecosystem that supports it from inception to the scale-up phase. Joule’s goal, therefore, is to give support to Eni’s path in the energy transition and to build what are the supply chains that will create the technologies and supply chain to travel the road to a different business model. At the same time, another goal of Eni in the energy transition is to connect its internal business line to these new technologies. In this sense, Joule is one of Eni’s Open Innovation tools. Finally, the further aim is to contaminate the people, and the culture of Eni, with what is the entrepreneurial mindset that, in a transformation going towards sustainable innovation, it is important to incorporate.

For completeness, De Sanctis then mentioned what are Eni’s other tools in the path to the energy transition, among them:

  • The Innovation Match, a platform aimed not only at startups but also at SMEs, universities and research centers, and large players, who can apply for open calls on specific needs coming from business needs;
  • Eni Next, is a wholly owned subsidiary of Eni, which is the Corporate Venture Capital that invests in game changer technologies. It has larger investment cuts, aimed more at high-potential U.S. startups;
  • Eniverse, which is Eni’s Corporate Venture Builder, also a wholly owned subsidiary of Eni, formed a few months ago, which incubates and builds from Eni’s in-house patents and technologies, a real Eni startup, enabling it to get to a commercialization stage.

The circular economy is an important lever in Eni’s path toward the energy transition as it is increasingly necessary, as Eni’s CEO himself points out, “to move from linear growth to a regenerative model, which is able to reduce waste, transform waste, and give new life to everything that exists”. This model is developed in Eni in various areas and is obviously pursued in Joule as well through the discovery of startups that take this model and use it in original and innovative ways.

Joule, he continued, has about a dozen open calls, has a deal flow of more than 700 startups, 60 startups have been incubated or accelerated, 45 projects are still on-running, and 10 are collaborations that are currently being evaluated with Eni or Eni companies. As anticipated, the Open community has about 9,000 members, including Eni employees (10 percent) and colleagues involved in the acceleration paths (more than 70). Joule is present in the Italian territory in several Hubs, one under construction in Ravenna, with another partner, Mind the bridge, in Taranto participating in the Faros Accelerator, in Venice with the VeniSIA program, in Basilicata with a program developed directly by Joule with the PoliHub dedicated to Agritech, in Milan with the PoliHub, and in Rome Ostiense with its own base, the Joule Headquarters. This location is very important as Eni has established there a real message of transformation, through the ROAD project, Roma Advanced District. With this project, the Company wants to create a Rome innovation district, which can become a reference point for all new Clintech technologies. Eni has the ambition to bring inside that very large space also other corporations, which will bring part of their research laboratories there, so as to build a multi-corporate innovation place. This place is home to Joule, which wants to be one of the drivers of this innovation. Among other things, it is a place that also assumes relevance from a symbolic point of view: at the beginning of the century, it was a place where gas was extracted from coal, today it wants to become instead a place where startups with circular and sustainable business models are born and grow. Joule also has a presence abroad, with a recent project in Iraq, bringing entrepreneurial training to the area to support the training already carried out by Unido, and is developing two activities for 2023, in Congo and Kenya, to support its AgriHub initiatives.

She ended her talk by outlining some of the startups in the circular economy field that Joule has discovered in recent years, among them:

  • RESET, a startup with which Eni has carried out an important experiment, which produces plug-and-play plants for gasifying biomass to produce electricity and thermal energy. Eni used the process to gasify its organic refinery sludge;
  • BI-REX, a startup that has developed technology that produces cellulose from food waste, thus without cutting down trees;
  • MIXCYCLING, a startup that produces composite materials from organic waste, vegetable oils, or agro-industrial processing;
  • REVO, an example of sustainable mobility, instead produces innovative bike lanes from recycled plastic and rubber materials.

If you want to watch the entire speech here is the YouTube link.

The report with all the speech from Re-think Taranto is ready for the download here.

Italiano

Durante l’ultima edizione di Re-think Circular Economy Forum tenutasi a Taranto, si sono susseguiti molti interventi che hanno cercato di spiegare, in maniera concreta, quali fossero le novità e gli sforzi fatti per passare da un sistema basato sull’economia lineare ad uno fondato sull’economia circolare. In questo senso importante l’intervento di Antonietta De Sanctis, che ha introdotto la realtà fondata da Eni, Eni Joule.

Joule, ha spiegato Antonietta De Sanctis, Responsabile programmi di incubazione e accelerazione in Joule – Scuola di Eni per l’impresa, nasce con l’obiettivo di dare un supporto concreto alle startup innovative e sostenibili e coerentemente con quella che è la strategia di transizione energetica che Eni ha intrapreso ormai da diversi anni, e con la quale intende raggiungere, nel 2050, prodotti e servizi completamente decarbonizzati.

Il supporto che Joule fornisce alle imprese innovative e sostenibili opera tramite due percorsi. Da un lato, lo Human Knowledge, rivolto alla persona fisica. Si tratta di un percorso di formazione che passa tramite due strumenti principali: il primo, è una piattaforma accessibile a tutti, una distance learning c.d. Open, che ad oggi conta circa di 9.000 iscritti. La piattaforma è stata sviluppata in collaborazione con le più importanti Business School italiane e, oltre ad offrire contenuti formativi, funge da strumento per creare una community. Gli attuali iscritti si incontrano infatti periodicamente in eventi tanto virtuali, quanto fisici, in cui c’è uno scambio di conoscenza, esperienza e si può dar vita a progetti comuni. L’altro strumento è quello del Lab, percorso accessibile tramite dei bandi, che vengono lanciati periodicamente (circa tre volte l’anno). Tali programmi consentono a team, o a startup appena costituite, di candidare la propria idea innovativa e vincere un minipercorso di validazione della propria idea di business.

Dall’altro lato, il secondo percorso portato avanti da Joule si rivolge alle startup del settore energetico, ma non solo. L’ambito in cui opera Joule prende infatti in considerazione tutte le idee innovative che hanno un modello di business con forte impatto su tematiche di sostenibilità ambientale e sociale. C’è un vero e proprio acceleratore, chiamato Energizer, che si differenzia dagli altri corporate accelerator, in quanto è equity free, sviluppa i propri percorsi di accelerazione attraverso i propri partner ed “esperti”, la c.d. Joule Academy: tali percorsi sono quindi completati dalla mentorship erogata dalle persone di Eni.

Da questo punto di vista, Joule si definisce un acceleratore di ecosistemi, nella misura in cui ritiene che l’unico modo di supportare una startup sia quello di far crescere attorno alla sua idea innovativa, un ecosistema che la supporti dalla nascita fino alla fase di scale up. Joule ha quindi come obiettivo quello di dare un supporto al percorso di Eni nella transizione energetica e costruire quelle che sono le filiere che andranno a realizzare le tecnologie e l’indotto per percorrere la strada verso un modello di business diverso. Allo stesso tempo, altro obiettivo di Eni in materia di transizione energetica è quello di connettere la propria linea di business interna a queste nuove tecnologie. In questo senso Joule è uno degli strumenti dell’Open Innovation di Eni. Infine, ulteriore scopo è quello di contaminare le persone, la cultura di Eni, con quello che è il mindset imprenditoriale che, in una trasformazione che va verso l’innovazione sostenibile, è importante inglobare.

Per completezza, De Sanctis ha poi citato quelli che sono gli altri strumenti di Eni nel percorso verso la transizione energetica, tra questi:

  • L’Innovation Match, piattaforma rivolta non solo a startup ma anche a PMI, università e centri di ricerca, grandi players, che possono fare application per delle call aperte su bisogni specifici provenienti da necessità aziendali;
  • Eni Next, società di Eni, controllata al 100%, che è la Corporate Venture Capital che investe in tecnologie game changer. Ha dei tagli di investimento più grandi, rivolti più che altro alle startup americane ad alto potenziale;
  • Eniverse, che è la Corporate Venture Builder, anch’essa Società controllata di Eni al 100%, costituita qualche mese fa, che incuba e costruisce a partire dai brevetti e dalle tecnologie interne di Eni, una vera e propria startup di Eni, che consente di arrivare ad una fase di commercializzazione.

L’economia circolare costituisce una leva importante nel percorso di Eni verso la transizione energetica in quanto risulta sempre più necessario, come sottolinea lo stesso AD di Eni, “passare da una crescita lineare ad un modello rigenerativo, che sia in grado di ridurre gli sprechi, di trasformare gli scarti, e dare nuova vita a tutto ciò che esiste”. Questo modello è sviluppato in Eni in varie aree ed è ovviamente perseguito anche in Joule tramite la scoperta di startup che fanno proprio questo modello e lo utilizzano in modo originale e innovativo.

Joule, ha continuato, conta circa una decina di call aperte, ha un deal flow di più di 700 startup, 60 startup sono state incubate o accelerate, 45 progetti ancora on-running e 10 sono le collaborazioni che in questo momento sono in fase di valutazione con Eni o con società di Eni. Come anticipato, la community Open conta circa 9.000 iscritti, tra cui dipendenti Eni (10%) e colleghi coinvolti nei percorsi di accelerazione (più di 70).

Joule è presente nel territorio italiano in diversi Hub, uno in costruzione a Ravenna, con un altro partner, Mind the bridge, a Taranto partecipando al Faros Accelerator, a Venezia con il programma VeniSIA, in Basilicata con un programma sviluppato direttamente da Joule con il PoliHub dedicato all’Agritech, a Milano con il PoliHub, e a Roma Ostiense con la propria base, l’headquarter di Joule. Questo luogo è molto importante in quanto Eni vi ha insediato un vero e proprio messaggio di trasformazione, tramite il progetto ROAD, Roma Advanced District. Con tale progetto, la Società vuole creare un distretto dell’innovazione romana, che possa diventare un punto di riferimento per tutte le nuove tecnologie Clintech. Eni ha l’ambizione di portare all’interno di tale spazio, molto grande, anche altre corporate, che porteranno lì parte dei propri laboratori di ricerca, in modo da costruire un luogo di innovazione multi-corporate. In questo luogo ha sede Joule, che vuole essere uno dei motori di quest’innovazione. Si tratta tra l’altro di un luogo che assume rilevanza anche da un punto di vista simbolico: esso, all’inizio del secolo, era un luogo in cui si estraeva gas dal carbone, oggi vuole diventare invece un luogo dove nascono e crescono startup con modelli di business circolari e sostenibili. Joule è presente anche all’estero, con un recente progetto in Iraq, che ha portato una formazione imprenditoriale sul territorio a supporto della formazione già svolta da Unido e sta sviluppando per il 2023 due attività, in Congo e in Kenya, a supporto delle proprie iniziative di AgriHub.

La relatrice ha terminato il suo intervento illustrando alcune delle startup in ambito di economia circolare, scoperte da Joule negli ultimi anni, tra queste:

  • RESET, una startup con cui Eni ha svolto un’importante sperimentazione, che produce impianti plug & play per la gassificazione di biomasse, per produrre energia elettrica e termica. Eni si è servita di tale processo per far gassificare i propri fanghi di raffineria biologici;
  • BI-REX, startup che ha sviluppato una tecnologia che produce cellulosa da scarti alimentari, quindi senza tagliare alberi;
  • MIXCYCLING, startup che produce materiali compositi di scarti organici, oli vegetali o lavorazione agro-industriali;
  • REVO, esempio di mobilità sostenibile, che invece produce piste ciclabili innovative da materiali di plastica e gomma riciclata.

E’ possibile vedere l’intero speech qui.

Se interessati a leggere gli altri interventi di Re-think Taranto il report è scaricabile qui.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial