Recup

During the last Re-think held in Milan, the founder of the Recup association, a very interesting example of awareness and sustainability within the agrifood sector, spoke.

As president of Recup, Alberto Piccardo explained that the association’s motto is “Food that loses economic value, gains social value” and that, this, has been an integral part of its project from the beginning, when in 2015 Recup debuted in the Viale Papiniano Market in Milan.

The market featured mountains of boxes completely abandoned in the middle of the street, with a bad smell, and lots of people dumpster diving. What Recup did, was to analyze these two problems and look for a solution: since 2015 to date Recup has been trying to intervene in as many markets as possible, especially in Milan, where there are about 90 district markets every week, for an average waste of 200-300 kg in each of them, thousands of tons every week in one city alone. The intervention, Piccardo continued, was aimed at recovering from the merchants all the surplus food, collecting it with a cart, a cargo bike, and taking it to the Recup stall; it is a free parallel stall, where they do not sell a product but try to make social inclusion.

So, the two main pillars of Recup were initially combating food waste and combating social exclusion; then using food waste as a tool to approach all the people who have economic problems and try to connect with them, thus creating an intergenerational and international project. Recup, specifies Alberto Piccardo, is not intended to be a charitable action like those of large entities in Italy-Banco Alimentare, Caritas, Pane Quotidiano-but aims to raise people’s awareness by letting them experience food waste firsthand.

Piccardo continued his speech by going on to explain the evolution of Recup, which, in 2020, during the pandemic, collaborated with the City of Milan on a project within the Ortomercato. In fact, Milan’s Great General Markets-the largest market in Italy-are home to the exchange of millions of tons of fruit, vegetables, meat, fish, and flowers each year; obviously millions of tons of income and outcome result in thousands of tons of food waste. In fact, in April 2020, when Recup entered this market, it had proof of this. To date, the association is present inside Ortomercato twice a week to combat as much waste as possible.

One clarification that Piccardo was keen to make concerns Recup’s operations: the association recovers products in an excellent way, but it does not yet have developed logistics that can enable the redistribution of these products. Therefore, the goal now is to create a large network, especially in the third sector, getting in touch with what are the big players in the social distribution in the third sector (Banco Alimentare in primis, Red Cross, Pane Quotidiano, and many other small associations). This is to make its contribution to families with difficulties, children perhaps removed from their families, slowly interacting with so many realities in the area and beyond, with which to communicate and make Recup stand out as an environmental and above all social project. Piccardo reiterated that Recup is not in the business of delivering the box of fruits and vegetables, but of getting people, the direct recipients in need, directly to the pickup point, trying to get them active. Therefore, the third pillar added to Recup is active citizenship: not being passive and receiving a food parcel, but being active in a project that gives you back that will to live the day.

Recup has also managed to involve companies in this, trying to raise awareness among all employees of small and large companies that, since 2021, have started to dedicate and have their employees dedicate 3-4 hours a week or a month to a volunteer project. As a matter of fact, Recup interfaces every week with several employees who come to touch with their own hands and see with their own eyes what food waste is; because hearing a testimony, seeing a video, hearing an article on the radio, is a start and it is something that raises awareness, but seeing it or touching it with their own hands maybe gives a realistic perspective. Piccardo went on to summarize that Recup currently operates in Milan and Rome, where a group of determined young people have done in one year what was done in Milan in three years, opening 5 markets and managing them through collaboration with some local municipalities and other companies.

They share the know-how developed in their first years in Milan, and together, both in Rome and Milan, Recup manages to communicate more and more. At the same time, in fact, Recup continues to operate within Ortomercato, organizing workshops in schools or events for children, where, for example, coffee grounds are reused to make the color black, as well as other fruit is used for different colors, with which children can draw and paint – it is a cross-cutting project that touches different generations. In the Ortomercato, Alberto Piccardo pointed out, Recup recently won a very important call for bids-Foodie Zero Waste-issued by Fondazione Cariplo, Food Policy, and SO.GE.MI, three big entities on Milan: a team was created with three big players, UniMi, Red Cross, and Banco Alimentare, where Recup is the youngest, with the goal of bringing the Ortomercato to zero waste, recovering thousands and thousands of tons. The time to realize this project is there, to try to give not only social but also environmental value to food, which has lost economic value.

To better show what waste means, Alberto Piccardo brought an example: on a 1-ton pallet of bananas that is intercepted by Recup, about 50 percent of the fruit is still good, the trader cannot afford to pay for this surplus or knows that the next day he will receive new bananas, so he throws away the surplus; Banco Alimentare, Pane Quotidiano, and Caritas receive only good products because they do not have enough volunteers to sort all the products, and this is where Recup comes in. The innovation of this association, in fact, is sorting: the remaining surplus that can still be used, perhaps not for human consumption but for livestock consumption, for food flours, for the energy world, is recovered. In conclusion, Piccardo pointed out that we are currently producing a third more than we consume and wasting it, when it could be redirected toward solving certain problems that now surround our society.

Here is the link to download the entire report from Re-think Milan 2022.

If you want to watch all the interventions of Alberto Piccardo here is the entire video.

Italian version

Durante l’ultimo Re-think tenutosi a Milano è intervenuto il fondatore dell’associazione Recup, un esempio di sensibilizzazione e sostenibilità nell’ambito del settore agrifood molto interessante.

Come presidente di Recup, Alberto Piccardo ha spiegato che il motto dell’associazione è “Il cibo che perde valore economico, acquista valore sociale” e che, questo, è stato parte integrante del suo progetto fin dall’inizio, quando nel 2015 Recup ha esordito nel Mercato di Viale Papiniano a Milano. Il mercato presentava montagne di cassette completamente abbandonate in mezzo alla strada, con un cattivo odore, e tanta gente che si buttava nella spazzatura, il dumpster diving. Quello che Recup ha fatto, è stato analizzare queste due problematiche e cercare una soluzione: dal 2015 ad oggi Recup cerca di intervenire in più mercati possibili, soprattutto a Milano, dove ci sono circa 90 mercati rionali tutte le settimane, per uno spreco medio di 200-300 kg in ognuno di questi, migliaia di tonnellate tutte le settimane solo in una città.

L’intervento, ha proseguito Piccardo, era mirato a recuperare dai commercianti tutte le eccedenze alimentari, collezionarle con un carrello, una cargo bike, e portarli al banchetto Recup; si tratta di una bancarella parallela gratuita, dove non si vende un prodotto ma si cerca di fare inclusione sociale. Quindi, i due pilastri principali di Recup erano inizialmente la lotta allo spreco alimentare e la lotta all’esclusione sociale; quindi usare il food waste come strumento per avvicinare tutte le persone che hanno problemi economici e cercare di entrare in contatto con loro, dando vita così ad un progetto intergenerazionale e international.

Recup, specifica Alberto Piccardo, non vuole essere un’azione caritatevole come quelle di grandi enti in Italia -Banco Alimentare, Caritas, Pane Quotidiano – ma ha come obiettivo quello di sensibilizzare le persone facendole toccare con mano lo spreco alimentare. Piccardo ha proseguito il suo intervento continuando a spiegare l’evoluzione di Recup che, nel 2020, durante la pandemia, ha collaborato con il comune di Milano per un progetto all’interno dell’Ortomercato. Infatti, i Grandi Mercati Generali di Milano – mercato più grande d’Italia – sono sede di scambio di milioni di tonnellate di ortofrutta, carne, pesce, e fiori, ogni anno; ovviamente milioni di tonnellate di income e outcome hanno come conseguenza migliaia di tonnellate di spreco alimentare. Di fatto, nell’aprile del 2020, quando Recup è entrata in questo mercato, ne ha avuto la prova. Ad oggi, l’associazione è presente dentro Ortomercato due volte a settimana, per cercare di contrastare quanto più possibile lo spreco.

Una precisazione che Piccardo ha tenuto a fare riguarda l’operatività di Recup: l’associazione recupera in maniera eccellente i prodotti, ma non dispone ancora di una logistica sviluppata che possa permettere la redistribuzione di questi prodotti. Per questo, il traguardo adesso è quello di creare un grande network, soprattutto nel terzo settore, entrando in contatto con quelli che sono i grandi player della distribuzione sociale nel terzo settore (Banco Alimentare in primis, Croce Rossa, Pane Quotidiano, e tante altre piccole associazioni). Questo per dare il proprio contributo a famiglie con difficoltà, ragazzi magari allontanati dalle famiglie, interagendo pian piano con tantissime realtà del territorio e non solo, con le quali comunicare e far risaltare Recup come progetto ambientale e soprattutto social.

Piccardo ha ribadito che Recup non si occupa di consegnare la cassetta di frutta e verdura, ma di far arrivare le persone, i diretti ricevitori bisognosi, direttamente al punto di ritiro, cercando di renderli attivi. Per questo, il terzo pilastro aggiunto a Recup è la cittadinanza attiva: non essere passivi e ricevere un pacco alimentare, ma essere attivi in un progetto che ti ridà quella voglia di vivere la giornata. Recup è anche riuscito a coinvolgere in questo le aziende, cercando di sensibilizzare tutti i dipendenti di piccole e grandi società che, dal 2021, hanno iniziato a dedicare e far dedicare ai propri dipendenti 3-4 ore a settimana o al mese a un progetto di volontariato. Di fatto, Recup si interfaccia tutte le settimane con diversi dipendenti che vengono a toccare con le proprie mani e vedere coi propri occhi che cos’è lo spreco alimentare; perché sentire una testimonianza, vedere un video, ascoltare un articolo in radio, è un inizio ed è qualcosa di sensibilizzante, ma vederlo o toccarlo con mano magari offre una prospettiva realistica. Piccardo ha proseguito riassumendo che Recup attualmente opera a Milano e Roma, dove un gruppo di ragazzi determinati hanno fatto, in un anno, quello che a Milano è stato fatto in tre anni, aprendo 5 mercati e gestendoli grazie alla collaborazione con alcuni municipi locali e con altre società.

Da Milano si condivide il know how sviluppato nei primi anni e insieme, sia a Roma che a Milano, Recup riesce a comunicare sempre di più. Parallelamente, infatti, Recup continua ad operare all’interno di Ortomercato, organizzando laboratori nelle scuole o eventi per bambini, dove ad esempio i fondi di caffè vengono riutilizzati per ricavare il colore nero, così come altra frutta serve per diversi colori, con cui i ragazzi possono disegnare e dipingere – è un progetto trasversale che tocca generazioni diverse. Nell’Ortomercato, ha sottolineato Alberto Piccardo, Recup ha recentemente vinto un importantissimo bando – Foodie Zero Spreco -, emesso da Fondazione Cariplo, Food Policy, e SO.GE.MI, tre grandi enti su Milano: è stata creata una squadra con tre grandi player, UniMi, Croce Rossa, e Banco Alimentare, dove Recup è il più giovane, con l’obiettivo di portare l’Ortomercato a spreco zero, recuperando migliaia e migliaia di tonnellate. Il tempo per realizzare questo progetto c’è, per cercare di dare un valore non solo sociale ma anche ambientale al cibo, che ha perso valore economic.

Per mostrare meglio cosa significa lo spreco, Alberto Piccardo ha portato un esempio: su un bancale di banane da 1 tonnellata che viene intercettato da Recup, circa il 50% della frutta è ancora buona, il commerciante non può permettersi di pagare questa eccedenza o sa che il giorno seguente riceverà nuove banane, e quindi butta l’eccedenza; Banco Alimentare, Pane Quotidiano, e Caritas ricevono solo prodotti buoni perché non hanno volontari a sufficienza per smistare tutti i prodotti, e qui entra in gioco Recup. L’innovazione di questa associazione, infatti, è la selezione: l’eccedenza rimasta, che ancora può essere utilizzata, magari non per un consumo umano ma per un consumo zootecnico, per farine alimentari, per il mondo energetico, viene recuperato. In conclusione, Piccardo ha fatto notare che attualmente stiamo producendo un terzo in più di quello che consumiamo e che lo stiamo sprecando, quando si potrebbe reindirizzare verso la risoluzione di determinati problemi che circondano ormai la nostra società.

Per scaricare l’intero report dell’evento Re-think Milano 2022, qui il link.

Per guardare l’intero intervento di Alberto Piccardo, qui il link al video presente sul nostro canale YouTube.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial