Waste

  • 28 October 2021

    REWOW

    Last October we had as speaker at our event, Re-think Circular Economy Forum 2020 in Milan, Antonino Biundo, CEO at REWOW srl. Antonino explained to us what REWOW is and how they aim to rewind used cooking oil into bio-based materials.  In order to understand their activity, it is necessary to comprehend what is the meaning for Used Cooking Oil. That’s the reason why Antonino Biundo started his speech describing Used Cooking Oil (UCO), which derives from vegetable oils used for food cooking, processing, and storage. As he highlights UCO are also highly polluting for the environment: only 1 litre of UCO may pollute up to 1 million litres of water. In Europe, 4 million tons of UCO is generated per year, but only 5% is collected. Zooming on Italy, we have 64% of UCO which comes from households and only 20% is collected, which is mostly used to produce biofuels with a low value on the market.   What do they do at Rewow?  They create a second life for used cooking oils and, at the same time, they want to raise awareness in order to triple the collection of this waste. To achieve this, in July 2020, they filed the patent on the Chemo-Enzymatic Process to produce innovative Aliphatic Polyesters and thus increment the added value of UCO. Indeed, the market of bioplastics is constantly growing, and it is expected to reach 28 billion dollars by 2026. Generally, the other producers of bioplastics produce their products with either synthetic or biological processes. However, biological processes are more expensive, especially for the significant downstream processing costs for their technology. The Rewow materials, instead, are produced synthetically from waste, but they have similar characteristics to the biologically produced ones, especially for the hydrolysis and flexibility. Moreover, Rewow, together with other few companies, is planning and making awareness raising campaigns....
  • 21 October 2021

    Sweet Waste

    Dolci scarti: quando il rifiuto diventa una risorsa. Lo scorso aprile durante il nostro Hackathon, Hacking the City, abbiamo avuto il piacere di avere con noi numerosi ospiti, tra cui la Professoressa Paola Branduardi dell’Università degli studi  Milano-Bicocca.   Nel 2050 il numero di abitanti sul pianeta Terra sarà all’incirca di 9 miliardi, un dato conosciuto non di recente, ma che è accompagnato da una recente percezione di poter offrire delle soluzioni alternative che siano in grado praticamente di risolvere le sfide attuali garantendo a tutta la popolazione un accesso equo a beni e servizi.   Come può il micro non essere in realtà un’altra faccia del macro?   Da quando è arrivata all’Università Milano-Bicocca, la Prof.ssa Branduardi si è occupata dei microrganismi considerandoli come gli attori principali dell’equilibrio dinamico del nostro Pianeta e studiando il ruolo che possono giocare anche nel macro ambito. Durante la sua presentazione ha spiegato che la Terra è caratterizzata al suo interno da flussi di materia di energia che non sono altro che il modo dinamico che questa ha di tenere in equilibrio la parte biotica (dove c’è vita) e quella abiotica (dove c’è materia). È fondamentale che questo flusso continui e che tutto ciò rimanga in un andamento ciclico, dove i produttori primari sono con una materia organica che poi è consumata, e qui troviamo sia organismi che microorganismi. Dopodiché, c’è la fase di decomposizione che riporta i nutrienti organici ed inorganici a disposizione. Questa chiusura del cerchio la fanno solo i microrganismi con dei metabolismi unici e la fanno sin dalla loro comparsa sulla Terra, dove sono i primissimi abitanti e sono anche la maggior biomassa vivente.   La Prof.ssa Branduardi ed il suo team, prendono ispirazione dalla natura e da ciò che già conoscono, ad esempio i lieviti, per studiarli nella loro biodiversità ed inserirvi dei principi di ingegnerizzazione che possano espanderne le...
  • English What do a pencil and fashion have in common? Susanna Martucci, Founder Alisea – Perpetua and Alice Fortuna, Sustainability Communications Manager at WRAD Focus Design, explained to us – during our Re-think Circular Economy Forum 2020 in Milan – what it is and how it is possible. Susanna Martucci is an entrepreneur whose job is to extend the life of materials. She has always worked in sales and communication and after 12 years of experience in a large Italian company, in 1994 she founded her own: Alisea. She was in the business of creating promotional “gadgets” made in Italy. However, a little over a year, products made in China arrived on the market and competing became impossible because they had unbeatable prices and looked exactly as the products she was making. She was risking of going out of business and leaving 20 people unemployed.  One day of that same period she found herself in a bar where an acquaintance gave her a small notebook as a gift. When she opened it she read “no trees has been cut down for the production of this notebook”. This suddenly took her back to 1982 when she was on a train and by her side two university professors were having a conversation: “we are all sitting on a huge landfill, it’s a ticking bomb, a huge problem for future generations but also a great business opportunity for those who will be able to seize it”. However, in 1982, in Italy, nobody had a clue what household waste recycling actually meant.   Then, she asked herself: “Why don’t we give a new life to waste?“. Therefore, she started speaking to her clients’ marketing departments and asked to see the waste their companies were producing. Thanks to the production managers she could walk through their production processes and she could learn about the technical data sheets of the materials. This is the moment when at Alisea they realized how, through creativity, all waste could become the protagonist of a fascinating story to tell. In fact, it was 1996 and from that intuition Alisea found a unique collocation on the market, becoming the only operator in Italy that...
  • 28 July 2021

    Coffefrom: from nature, the future

    English Version Have you ever thought that spent coffee grounds could not be a waste, but a great resource?  Let’s start with some numbers. Italy imports annually around 606 thousand tonnes of coffee (this is 17% of the EU’s coffee imports), and on average an Italian consumes 6 kg of coffee annually. As we can see, Italy is a significant coffee consumer, which means that Italy produces a significant quantity of spent coffee grounds. Spent coffee grounds have a lot of qualities: in particular, they are rich in nitrogen, an element with a high potential for energy production, saturated fatty acids, and cellulose. They can be used in several industries as they can be used to produce cosmetics, compost, pellets, biofuels, etc.  While some industries do recognize the potential of spent coffee grounds, there are some innovative startups that truly went above and beyond. Coffeefrom uses this resource in a circular way, with a zero-waste approach.  Coffeefrom is an Italian company that was born in 2019, it is based in Milan and it brought an innovative, extremely versatile, and sustainable material of biological origin material on the market. This material is made using spent coffee grounds of industrial origin, in a truly sustainable and circular fashion. Coffeefrom is the second circular economy spin-off launched by a local cooperative, Il Giardinone Cooperativa Sociale. The first experience dates back to Expo 2015, when the team of Il Giardinone experimented with the recovery and transformation of coffee grounds from Lavazza bars, using them to cultivate fresh mushrooms. In 2016, FungoBox was launched: the kit allows for self-production of fresh mushrooms from urban coffee waste.  Over time, the know-how of Il Giardinone in the recovery and transformation of coffee by-products strengthened and a new entrepreneurial vision was born: this is how Coffeefrom first came...
  • 9 July 2021

    Giovani circolari: EVE1

    By Sofia Fisicaro ‘’Quando ero bambina mi chiedevo spesso come avessi potuto lasciare la mia impronta, contribuire al cambiamento, all’evoluzione, per un mondo migliore. Man mano che crescevo mi rendevo conto che la creatività, l’arte, in particolare la moda, potesse essere il mezzo con cui esprimere questa mia esigenza di trasformare e migliorare ciò che mi circondava. Così, durante una giornata di lockdown, ho capito finalmente come poter essere parte del cambiamento.’’ Mi chiamo Sofia, ho 21 anni, frequento il terzo anno di Fashion Design & Accessories, sono anche la creatrice e designer del brand genderless e sostenibile: EVE1. Durante il percorso di studi all’università, ho iniziato il percorso di avvicinamento al mondo della sostenibilità. Spinta dal desiderio di conoscere i lati “oscuri” del mondo della moda, ho cominciato a evidenziare quante crepe esistessero all’interno di questo sistema produttivo. A partire dall’eccesso di merce prodotta senza una reale necessità o gli sprechi di materiale che dopo qualche tempo venivano ammassati in un magazzino buio e dimenticato. Tutto ciò mi ha reso cosciente della necessità di creare un’alternativa sostenibile e circolare. Cominciando a scrivere la mia tesi di laurea, ho acquisito consapevolezza nel dettaglio dell’universo di sprechi che genera il mondo della moda, tanti purtroppo. Concentrarmi su cosa non posso fare però, non è mai stato il mio forte e lo considero un dispendio inutile di energie, così lasciando da parte i macro-ambienti non controllabili direttamente da me mi sono focalizzata su cosa invece io potessi cambiare nel mio piccolo. A ottobre 2020, durante un pomeriggio di lockdown decisi di sfruttare i momenti di pausa in casa per riordinare tutti i tessuti rimanenti dai vecchi progetti universitari, erano davvero tantissimi e mi sono subito resa conto di quanto fosse stressante l’idea di doverli gettare via inutilmente, così mi sono chiesta: ‘‘Perché...
  • By Claudia Fabris English Fairphone is a company that manufactures smartphones by paying special attention to the materials used and the conditions of workers throughout the supply chain. The smartphones are designed to last longer thanks to a modular design that allows for the separation of components to be repaired or upgraded. This extends their life and allows waste parts to be collected and recycled, promoting the idea of a circular economy. That cellphones’ manufacturing relies on practices that are not always sustainable or ethical, as it is sadly known. Fairphone is a model and an example for other companies working in the same field of how it is possible to produce smartphones while respecting the environment and the workers throughout the production process, from the extraction of raw materials to the recycling of components. The “coltan”, a mixture of minerals composed of columbite and tantalite, is used in the production of small high-capacity capacitors for devices such as cellphones and computers. Tantalum has a particularly high commercial value and, for this reason, its extraction in areas such as the Democratic Republic of Congo has led to fighting between paramilitary and guerrilla groups for control of the territories where this material is found. These practices have led to uncontrolled exploitation of resources and the population employed in the extraction of these minerals. By committing to purchase materials directly from producers, Fairphone seeks to create positive change to ensure fairer working conditions and increase the amount of recycled and responsibly extracted materials. Together, these practices are designed to increase awareness in the industry and consumers of possible solutions to the problems associated with smartphone production. By 2040, the communications sector will contribute 14% of the total global footprint. The contribution of smartphones will exceed that of computers, displays and laptops combined....
  • 29 June 2021

    Circular Economy for Food

    Franco Fassio dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (UNISG) è stato nostro ospite in occasione di Hacking the City lo scorso aprile. Il suo intervento, riassunto in questo articolo, si è concentrato sulla necessità di partire dal cibo per cambiare il nostro attuale paradigma economico. Una tale evolluzione in chiave circolare permetterebbe di riportare l’attenzione sulla biodiversità, sulle comunità, sulla qualità delle relazioni e sulla sostanza dei comportamenti. Infatti, per comprendere i problemi che caratterizzano il food system, abbiamo bisogno di adottare un approccio sistemico, di analisi e progettazione. Il “thinking in systems” ci può aiutare a vedere le interconnessioni e capire le esigenze di tutte le parti coinvolte nel sistema. Già l’antropologo britannico Gregory Bateson  in Verso un ecologia della mente aveva sostenuto: “I maggiori problemi del mondo sono il risultato della differenza tra come la natura funziona (sistema) e il modo in cui le persone pensano (lineare)”. Secondo il Professor Fassio, dunque, il primo terreno da arare se vogliamo sostenere e promuovere l’Economia Circolare è la consapevolezza che siamo un unico sistema interconnesso e che un’economia sostenibile può essere solo un’economia della conoscenza. Istruzione, formazione e ricerca sono necessari per ripensare le ipotesi della società contemporanea  e mettere in discussione abitudini consolidate che a volte sono il vero ostacolo ad uno sviluppo sostenibile. La filiera agroalimentare estesa (comparto agricolo, industria alimentare, distribuzione e Horeca) è il primo settore economico del nostro Paese, con un fatturato di oltre 500 miliardi di euro e quasi 4 milioni di occupati. L’importanza di questo settore è tale che la pandemia di Covid-19 ha colpito il settore agroalimentare in maniera relativamente ridotta, con una contrazione del 4% in termini di valore aggiunto su base annua. L’importanza di questa industria è quindi tale da permettere di immaginare una ripartenza dinamica e sostenibile che sfrutti al meglio...
  • Gianluca Tettamanti, Professore Ordinario presso l’Università degli Studi dell’Insubria, è stato nostro ospite in occasione di Hacking the City lo scorso aprile. Il prof. Tettamanti ha condiviso con noi una parte della sua ricerca, che analizza il ruolo che hanno – e soprattutto quello che potranno avere in futuro – gli insetti nella valorizzazione dei rifiuti. La necessità di valorizzare i rifiuti, come quella di accedere a nuove fonti di nutrimento, è di centrale importanza data la rapida crescita della popolazione globale che ha generato un importante aumento della domanda di cibo, e in particolare di proteine, a livello mondiale. Questo tema assume un’ulteriore urgenza se consideriamo che ad oggi circa un terzo del cibo prodotto a livello mondiale (pari a circa 1,3 miliardi di tonnellate) viene sprecato. Un ridisegnamento dei nostri sistemi produttivi è quindi necessario se l’obiettivo è quello di garantire la sicurezza alimentare della popolazione globale: tale ripensamento deve passare non solo attraverso una riallocazione delle risorse disponibili, ma anche dalla valorizzazione dei rifiuti che produciamo. In questo senso l’impiego degli insetti può essere estremamente utile: alcune larve possono infatti crescere su substrati di scarto producendo dei materiali di un certo valore. Questa possibilità consente di ridurre i rifiuti e, allo stesso tempo, di produrre materiali che possono essere utilizzati con nuovi scopi. In ambito zootecnico, per esempio, è possibile reintrodurre questi materiali come fonte di alimento per altri animali. Alcuni dei vantaggi più importanti che derivano dall’utilizzo di questi insetti sono i seguenti: – Gli insetti possono essere allevati su materiali di scarto di diverso tipo: materiali vegetali, reflui zootecnici, rifiuti urbani e molto altro. In generale questi materiali non sono in competizione con l’alimentazione umana: è quindi possibile nutrire questi insetti senza sprecare risorse. – Gli insetti hanno un elevato indice di conversione: essi sono...
  • Versione Italiana Antonio Vaccari, Head of Health, Safety and Environment di Esselunga, è stato nostro ospite durante il nostro evento Re-think Circular Economy Forum. Esselunga è una consolidata azienda alimentare italiana, che opera come rivenditore e produttore. I concetti di sostenibilità ed economia circolare sono intrinseci nel modello di business di Esselunga. Infatti, l’azienda ha collaborato con Tondo anche in occasione del nostro hackathon Hacking the City, chiedendo a giovani studenti e neolaureati di sviluppare nuovi modi per rendere le nostre città più circolari. La strategia di sostenibilità di Esselunga si basa su 5 pilastri: clienti, dipendenti, fornitori, ambiente e comunità. Gli obiettivi principali di tale strategia sono la minimizzazione delle emissioni di Co2, l’imballaggio sostenibile e la riduzione dei rifiuti. Uno degli esempi più importanti di questo impegno è il fatto che negli ultimi 20 anni, Esselunga ha eliminato gli imballaggi secondari utilizzando 2 milioni di casse riutilizzabili e lavabili nei propri circuiti interni. Ripensare l’imballaggio In occasione dell’evento Re-think, Antonio Vaccari ha spiegato al pubblico quale è il delicato equilibrio tra packaging sostenibile e qualità del cibo e come Esselunga lo gestisce nelle scelte quotidiane. La strategia di packaging sostenibile dell’azienda mira soprattutto a ridurre, riciclare e sostituire la plastica mista ad altri materiali e a diminuire l’uso di imballaggi eccessivi. Allo stesso tempo, Esselunga vuole garantire la qualità dei suoi prodotti dal punto di vista della sicurezza alimentare, assicurando un’adeguata durata di conservazione dei suoi prodotti e riducendo così i potenziali sprechi. Entro il 2025, l’azienda vuole garantire che il 100% degli imballaggi dei prodotti Esselunga siano realizzati con materiali compostabili, riciclabili o riciclati. Esselunga persegue questo obiettivo coinvolgendo i suoi fornitori e i suoi consumatori, utilizzando un approccio scientifico, supportato anche dal metodo Life Cycle Assessment (LCA): Esselunga valuta ogni giorno l’impatto delle sue scelte di...
  • English Version Italian version below A few months ago, we had the pleasure of hosting Ivan Calimani, founder of Krill Design, at our Re-think Circular Economy Forum, the event that we created as a meeting opportunity for those working in the Circular Economy sector. Krill Design is a startup, founded in October 2018, that puts design and technology at the service of the Circular Economy. In his speech, Ivan Calimani, first explained how the need to launch this startup was born from an understanding of just how critical it is that we redesign the way we think about waste. Every year in the world, hundreds of millions of tons of organic material are generated as waste and 98% of these materials end up in landfills to be incinerated or rot in open bins. European companies generate 88 million tons of waste per year, or 20% of all European food production, resulting in an economic loss of 143 billion euros per year. It is estimated that wasted food generates around 3.3 million tons of CO2 per year, representing about 8% of global emissions. This is why the food and beverage industry is looking for effective and sustainable solutions to recycle and reuse waste. In fact, food waste can be used today to realize raw materials for high-value products and help build a circular bioeconomy. Of course, new solutions often require a long phase of experimentation and don’t always prove beneficial to companies, but Krill Design has developed a Circular Economy model that starts and finishes within the same company, using the waste it produces to easily make a finished product. How does it work? How is it possible? Homogeneous food waste, such as peels, seeds, and shells, is transformed into a 100% biodegradable biopolymer. Through a 3D printer, it is then...
Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial