#business

  • 25 June 2021

    Circular Business Models

    By Irene Ambrosi English Version Why it is so important? As we know the traditional systems of production are facing the challenge of shifting to sustainable manufacturing. This shift is needed to meet the Sustainable Development Goals and to reach the Carbon Neutrality Goal set by Europe by 2050. Over the last decade, the interest in circular business models has increased among institutions, governments, companies, and other stakeholders. To ensure this transition, businesses need to change the way they generate value. This means that they need to re-think their business model (BM) in order to enable the creation of value while considering resources consumption. What is a business model? A business model is a conceptual tool characterized by three elements: – the value proposition (what value is offered to whom?) – the value creation and delivery (how is the value provided?) – the value capture (how does the company generate value and other types of value?). In a circular milieu, a business model combines the creation of economic value with the narrowing, slowing, or closing of resource loops. In this context, companies that are compelled to interact within an ecosystem of actors need to move from a firm-centric to a network-centric operational logic. Hence, business model innovation towards sustainability and circularity is a fundamental capability for companies. But regardless of the academic definitions of circular business models, what should business management do and how? It is necessary to consider that one of the main aims of companies remains to make profits, therefore it is important to understand that while capturing environmental and social value we still need to consider the profit objective as well. For example, a thrift shop generates revenues by selling secondhand clothes, but it also creates environmental value by reducing the environmental footprint of consumption. We should...
  • 8 June 2021

    Circular Threads

    Versione Italiana Comunicato Stampa Circular Threads Tondo presenta il primo studio italiano sulla relazione tra industria del tessile ed Economia Circolare per valutare il livello di circolarità del settore nel Nord Italia Tondo, Fondazione Pistoletto, Associazione Tessile e Salute e Rén sono lieti di annunciare la presentazione dello studio Circular Threads, che verrà illustrato per la prima volta presso la sede della Fondazione Pistoletto a Biella il 22 giugno dalle ore 14:30 alle ore 18:30.   Lo studio Circular Threads è stato sviluppato con l’intenzione di promuovere la transizione verso l’Economia Circolare nell’industria tessile attraverso una prima misurazione del livello di sostenibilità e circolarità su scala settoriale e aziendale. L’industria tessile rappresenta un settore cruciale dell’economia italiana. L’adozione di modelli produttivi basati sui principi dell’Economia Circolare permetterebbe a questo settore di diventare non solo più sostenibile, ma anche più resiliente, efficiente e redditizio. “Misurare la sostenibilità, saperla valorizzare senza cadere nei luoghi comuni del greenwashing e mantenere alti i valori dell’etica, questi sono i fattori che possono aiutare le manifatture a differenziarsi” – commenta Marco Piu, Direttore di Associazione Tessile e Salute. La ricerca, che ha coinvolto circa 300 aziende, è stata condotta su 3 livelli di analisi (desk search, questionario, misurazione della circolarità) fornendo una panoramica della situazione attuale del settore, con l’obiettivo ultimo di comprendere i gap esistenti e di accelerare la transizione verso l’Economia Circolare nell’industria tessile, anche grazie all’identificazione delle best practices e delle principali sfide da affrontare. “La volontà di portare avanti questo studio – racconta Alberto Monti, Head of Research di Tondo – nasce dalla consapevolezza dell’esistenza di una serie di criticità che il settore del tessile si trova a dover affrontare, ma anche dalla convinzione che i principi dell’Economia Circolare possano servire non solo per far diventare l’intero settore più sostenibile, ma anche più produttivo, redditizio e...
Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial