Economia circolare: un nuovo campo di ricerca?

Le azioni volte a perseguire la transizione verso l’economia circolare si stanno moltiplicando sia nel governo che nel settore privato. Queste azioni segnalano che l’Economia Circolare è un campo di ricerca distinto con un’identità disciplinare unica?


Questo articolo, scritto da Julian Kirchherr, Andrea Urbinati e Kris Hartley, sostiene che l’Economia Circolare ha raggiunto lo status di campo, attraverso le proprie comunità epistemiche e lo sviluppo di conoscenze istituzionalizzate. La recente crescita della ricerca sull’Economia Circolare punta a un’implementazione più contestualizzata e complessa del concetto. Questa è la prova che il campo si sta avvicinando a una soglia di maturità. Sulla base di osservazioni tratte dalla letteratura accademica e di discussioni con ricercatori ed esperti, l’articolo traccia il processo attraverso il quale l’Economia Circolare ha raggiunto lo status di campo.


Che cos’è l’Economia Circolare?

Negli ultimi decenni sono emerse numerose idee e concetti accademici sui percorsi di sostenibilità. Ne sono un esempio l’ecologia industriale, la produzione più pulita, il consumo e la produzione sostenibili, il cradle-to-cradle, la biomimetica, l’economia blu, l’economia verde e la crescita verde. Questi e altri termini, considerati in modo critico, caratterizzano la cosiddetta “sustainababble“, ovvero idee che diventano significanti vuoti piuttosto che percorsi sostanziali verso la sostenibilità.


Una recente aggiunta all’elenco dei potenziali sustainababble è l’Economia Circolare, un’idea che è stata definita “superficiale” e una “toppa”, in parte perché è “quasi esclusivamente sviluppata e guidata dai professionisti”. Allo stesso tempo, l’attuazione pratica dell’Economia circolare sembra essere ancora in una fase iniziale. Il Circularity Gap Report ha rilevato che nel 2021 il mondo era circolare solo all’8,6% e in calo.


Nonostante questi progressi arrestati, il concetto di Economia Circolare sta prosperando nella ricerca. Questo articolo esamina se la ricerca sull’Economia Circolare mostri i tratti di un campo accademico con una propria identità disciplinare. Per quanto gli autori ne sappiano, nessuno studio discute specificamente il potenziale dell’Economia Circolare di essere un campo di studi distinto. Esiste un insieme di convinzioni e concetti generalmente condivisi sul “come”, “cosa” e “perché” dell’Economia Circolare, ma anche che questi non sono esenti da controversie e dibattiti. Inoltre, si osserva che sono emerse comunità epistemiche dedicate all’Economia Circolare attraverso conferenze, società scientifiche e altre piattaforme di scambio di conoscenze. Questi sviluppi suggeriscono che il concetto di Economia Circolare è abbastanza maturo da poter essere considerato un campo di studi distinto.


L’Economia Circolare come campo di studi

Le definizioni abbondano riguardo a ciò che costituisce una disciplina accademica rispetto a un campo. Sebbene entrambe possano condividere basi concettuali e istituzionali, molti studiosi affermano che il campo non è, o almeno non è ancora, organizzato come le discipline. Osserviamo la definizione di campo di Ehrenfeld, che consiste in quattro criteri:


  1. 1. Credenze e concetti fondamentali che conferiscono un significato comune a tutti i giocatori;
  2. 2. Risorse pratiche come libri di testo e strumenti standard;
  3. 3. Una struttura autorevole che mantenga la qualità e (una certa) coerenza concettuale;
  4. 4. Comunità di attori che partecipano alle suddette attività.


Credenze fondamentali

È ben documentato che l’Economia Circolare è un’idea contestata. Le fonti di questa contestazione sono diverse: principi fondamentali (il “come” dell’Economia Circolare), obiettivi (il “perché” dell’Economia Circolare) e fattori abilitanti (il “cosa” dell’Economia Circolare).


La letteratura iniziale sull’Economia Circolare la descriveva sia come un fine che come un mezzo, oppure ignorava del tutto ciò che l’adozione dei principi della circolarità era destinata a raggiungere. Tuttavia, osserviamo che la letteratura ha iniziato a considerare l’Economia circolare come uno strumento per raggiungere la sostenibilità. Ciò è evidente nell’uso crescente del termine “Economia Circolare sostenibile” e nell’elevato numero di citazioni.


La convergenza nella narrativa Economia circolare-sostenibilità si ritrova, ad esempio, nelle richieste di un’Economia circolare basata sulla sufficienza. Questa idea considera il modo in cui il settore privato, il settore pubblico e i consumatori possono collaborare a iniziative di Economia Circolare che garantiscano che il consumo e la produzione non superino i confini del pianeta. Altri esempi includono la rilevanza del concetto di “ridurre” e l’idea che l’implementazione dell’Economia Circolare richieda un cambiamento sistemico. La prospettiva dei sistemi è emersa da un primo contributo di Boulding sull'”economia dell’astronave Terra che verrà”, spesso considerato un articolo fondamentale dell’Economia Circolare.


Anche se la letteratura sull’Economia Circolare si concentra maggiormente su di essa, la sostenibilità ambientale ed economica è l’argomento principale, con una minore attenzione alla sostenibilità sociale. In questo modo, la letteratura dimostra una preferenza per la “sostenibilità parziale“. Per quanto riguarda la sostenibilità ambientale ed economica, il punto di vista principale sembra rimanere quello della possibilità di disaccoppiare il degrado ambientale dalla crescita economica, ma un filone di studi più ristretto e più critico mette in discussione questo punto di vista. Anche gli studiosi che sostengono che il disaccoppiamento è possibile spesso riconoscono che le pratiche circolari non migliorano necessariamente la sostenibilità e che può verificarsi un “rimbalzo circolare”.


Risorse pratiche

Il secondo criterio per un settore è la presenza di risorse pratiche, tra cui guide, manuali, strumenti e metriche basati su standard. Gli sforzi per creare e consolidare le risorse tra il mondo accademico, le aziende e le organizzazioni di supporto suggeriscono che l’Economia Circolare sta diventando un campo. Negli ultimi anni sono proliferati manuali e guide sull’Economia Circolare, molti dei quali scritti da professionisti, anche se la maggior parte sono stampati da editori accademici.


Gli strumenti di supporto all’implementazione dell’Economia Circolare, compresa la valutazione delle prestazioni della circolarità, non sono comunemente utilizzati dalle aziende o dagli enti pubblici. Tuttavia, l’argomento è stato oggetto di una crescente attenzione da parte della ricerca, il che suggerisce che alla fine potrebbe nascere una convergenza concettuale. Gli indicatori dell’economia circolare, come sottoinsieme di strumenti, sono stati proposti a livello micro, meso e macro, con gli indicatori a livello micro che riguardano l’implementazione di modelli di business circolari meglio sviluppati. Gli strumenti per l’implementazione dell’Economia Circolare a livello meso sono quelli che hanno ricevuto meno attenzione nella ricerca e nell’applicazione pratica.


Autorità

Un campo deve avere una struttura autorevole che ne mantenga la qualità, e le riviste accademiche svolgono tipicamente questo ruolo quando emerge un campo di studi.


Il Journal of Cleaner Production è attualmente il leader per volume di ricerche sull’Economia Circolare pubblicate, anche se la rivista non è dedicata specificamente all’Economia Circolare. Un gruppo di studiosi ha anche lanciato di recente il Journal of Circular Economy, una rivista ad accesso aperto che si colloca al di fuori dell’editoria accademica tradizionale. Il crescente volume di ricerca sull’economia circolare rafforzerà probabilmente la domanda di numeri speciali, sottosezioni e riviste dedicate all’economia circolare. L’autorità si manifesta anche in unità di ricerca specifiche sull’economia circolare all’interno delle università e in posizioni di cattedra incentrate sulla ricerca relativa all’economia circolare.


Comunità di attori

Credenze e concetti condivisi, risorse pratiche e autorità sono tutti sviluppati e mantenuti da comunità di attori, che si manifestano in parte attraverso conferenze e società specifiche. L’economia circolare è oggi un argomento di primo piano in varie conferenze disciplinari, mentre le conferenze dedicate specificamente all’economia circolare sono sempre più comuni.


L’Economia Circolare è ora spesso oggetto di panel dedicati nelle principali conferenze accademiche, tra cui le riunioni annuali dell’American Association of Geographers e dell’American Economic Association. Recentemente si sono tenute conferenze dedicate all’economia circolare in Europa, America Latina, Stati Uniti, Australia e Asia. In particolare, quasi tutte queste conferenze riuniscono accademici e professionisti, ma l’attenzione si concentra principalmente sull’applicazione.


Gli esperti suggeriscono che questo fenomeno è unico per l’Economia Circolare rispetto ad altri campi legati alla sostenibilità. Questo fenomeno potrebbe anche riflettere la natura altamente applicata del campo, suggerendo che la novità teorica è scarsa, soprattutto rispetto a discipline legate alla sostenibilità come l’economia, le politiche pubbliche, l’economia politica e altre. Forse a causa della predominanza dei professionisti, le conferenze dedicate all’Economia Circolare e i loro relatori principali tendono a essere ben finanziati.


Conclusione

Quando un campo è riconosciuto dagli studiosi e istituzionalizzato attraverso le strutture dell’autorità accademica, lo sviluppo della conoscenza è ulteriormente favorito. Se un sociologo inizia a studiare l’Economia Circolare senza considerare l’argomento come un campo di ricerca, potrebbe preoccuparsi solo di colmare le lacune della ricerca in sociologia. Tuttavia, se considera l’Economia Circolare come un campo, la prospettiva dello studioso può diventare più integrata, interdisciplinare e multimetodologica.


Il riconoscimento e l’istituzionalizzazione di un campo implicano anche una certa stabilità epistemica. Se da un lato le autorità sostengono in via principale e retorica l’interdisciplinarità e la novità concettuale, dall’altro l’impegno verso i silos disciplinari rimane radicato nel modo in cui sono strutturate le organizzazioni e in cui la comunità di ricerca valuta il lavoro.


Rimangono altre sfide al progresso dell’Economia Circolare come campo. Mentre alcune delle ricerche più influenti sull’Economia Circolare sono state scritte da professionisti e ricercatori orientati alla pratica, il campo è diventato più accademico e le nuove idee accademiche non sempre supportano l’attuazione pratica. Ad esempio, la ricerca recente si è concentrata sul rapporto tra Economia circolare e crescita economica, compresa la decrescita.


L’Economia Circolare è forse l’idea di sostenibilità più celebrata dell’ultimo decennio e la sua importanza è destinata a perdurare nel prossimo decennio. A dieci anni dalla pubblicazione del rapporto di punta della Ellen MacArthur Foundation, l’Economia Circolare attira l’attenzione di tutte le discipline accademiche e delle comunità di professionisti. Gli autori dell’articolo propongono che l’Economia Circolare sia effettivamente emersa come un campo di studi con un insieme sempre più coerente di convinzioni e concetti condivisi, numerose risorse pratiche, autorità abilitanti e una vivace comunità di attori. Il campo collega studiosi e professionisti in una misura unica tra i sottocampi di ricerca legati alla sostenibilità. Inoltre, l’istituzionalizzazione dell’Economia Circolare è ben avanzata nel mondo accademico e sta progredendo nell’industria e nel governo. Questo suggerisce che il concetto è un campo robusto e duraturo sia nella ricerca che nella pratica.

Vuoi saperne di più sull’economia circolare e sui suoi temi? Visita il blog di Tondo!


Questo testo è un estratto di un articolo pubblicato sulla rivista scientifica “Journal of Industrial Ecology”, con seguente referenza: “Kirchherr, J., Urbinati, A., & Hartley, K. (2023). Circular economy: A new research field?. Journal of Industrial Ecology, 27(5), 1239-1251.” Lo si può leggere nella sua interezza a questo link.

Andrea Urbinati

Andrea Urbinati, Ph.D., è Senior Assistant Professor di Sostenibilità ed Economia Circolare presso la Scuola di Ingegneria Industriale LIUC Università Cattaneo. I suoi interessi di ricerca riguardano i settori della sostenibilità e dell'economia circolare, con particolare attenzione alla progettazione di nuovi modelli di business. È vicedirettore del Green Transition Hub della LIUC e membr... Continua a leggere

Andrea Urbinati, Ph.D., è Senior Assistant Professor di Sostenibilità ed Economia Circolare presso la Scuola di Ingegneria Industriale LIUC Università Cattaneo. I suoi interessi di ricerca riguardano i settori della sostenibilità e dell'economia circolare, con particolare attenzione alla progettazione di nuovi modelli di business. È vicedirettore del Green Transition Hub della LIUC e membro della Core Faculty della LIUC Business School, la scuola di management della LIUC.

Andrea ha conseguito il dottorato di ricerca in Ingegneria gestionale presso la School of Management del Politecnico di Milano. È anche membro della Extended Faculty della Graduate School of Business del Politecnico di Milano (POLIMI-GSOM), dove insegna nei programmi MBA, Executive MBA, Flex EMBA e nei master specialistici. Andrea ha all'attivo più di novanta pubblicazioni, tra cui articoli su riviste internazionali, libri e capitoli di libri, conferenze nazionali e internazionali. Andrea è Associate Editor in diverse riviste scientifiche e Membro Ordinario dell'International Society for Circular Economy (IS4CE). Nel 2023 è stato incluso nel top 2% degli scienziati al mondo nella lista stilata annualmente dalla Stanford University.