Economia circolare e moda: i modelli di business

Nell’ultima edizione milanese di Re-Think, Shyaam Ramkumar ci ha fornito una breve panoramica sui modelli di business dell’economia circolare applicati alla moda, e su come l’industria della moda e del tessile possa passare a un’economia più circolare.


Shyaam ha condiviso alcuni modelli di business circolari emergenti piuttosto promettenti nel settore della moda, che potrebbero contribuire a sconvolgere e trasformare il settore. Per cominciare, ha dimostrato come in molti settori si generi molto valore lungo la catena di fornitura: i materiali vengono estratti, trasformati in prodotti, assemblati e poi distribuiti attraverso la vendita al dettaglio all’utente finale. C’è molto valore aggiunto durante la fase di pre-utilizzo e poi, dopo l’utilizzo, c’è molto valore sprecato.


La domanda che Shyaam si è posto è stata: come possiamo fare in modo di conservare quel valore e di mantenere quei prodotti in uso il più a lungo possibile, per ridurre al minimo gli impatti ambientali?


Nell’ambito dell’economia circolare, ci sono molti modi per conservare il valore dei prodotti attraverso riutilizzo e ridistribuzione, ristrutturazione, rifabbricazione, riciclaggio…. L’idea è quella di mantenere gran parte del valore generato lungo la catena di fornitura e di assicurarsi che i prodotti siano mantenuti in uso il più a lungo possibile.


Esistono cinque diversi modelli di economia circolare nell’industria della moda, che stanno diventando molto popolari. Il primo è rappresentato dai Rental model, utilizzati da diverse aziende come My Wardrobe HQ, Designer-24, Rent the Runway e molte altre. Queste organizzazioni promuovono il noleggio di abiti: si possono noleggiare abiti o vestiti per bambini e poi, quando si è finito con un determinato capo, lo si restituisce e si può noleggiare un altro capo di abbigliamento.


In secondo luogo, ci sono molte piattaforme e organizzazioni che promuovono i Resale model: quando non si vuole più un particolare capo di abbigliamento, o si possiedono molti vestiti nel vostro armadio che non vengono utilizzati, questi possono essere messi su una piattaforma o in un mercato e venduti a qualcun altro che potrebbe utilizzarli. Ci sono molte nuove aziende che stanno nascendo, come Vestiaire Collective, The RealReal, Depop, Asos marketplace e molte altre, per promuovere la rivendita di abbigliamento.


Oltre a questi modelli, un altro sta diventando sempre più popolare: il Repair model. Molte aziende promuovono la riparazione dei loro capi di abbigliamento: ad esempio, Patagonia ha il programma Worn Wear, Nudie Jeans ha un programma per fornire riparazioni gratuite dei suoi jeans, Eileen Fisher ha il programma Renew. Organizzazioni come Clothes Doctor e iniziative come Fixing Fashion incoraggiano le persone a riparare i propri abiti, e anche molti altri marchi più piccoli spingono i propri clienti a riparare i loro vestiti. Questo modello incoraggia le persone a tenere ciò che hanno, a rattopparlo, a riparare piccoli strappi o buchi e a continuare a usarli più a lungo.


Shyaam ha presentato poi due Repurpose model, con obiettivi diversi. Il primo modello si occupa di vecchi abiti destinati a essere gettati via, e il suo scopo è quello di creare nuovi prodotti a partire da essi, che si tratti di borse ricavate da jeans destinati a essere gettati via o di giacche ricavate da altri tipi di materiali.


Il secondo modello riguarda le organizzazioni che lavorano con gli scarti dell’industria della moda: materiale che non viene venduto o scarti del processo di produzione. Si generano molti rifiuti, e diversi stilisti e aziende stanno cercando di riutilizzarli in nuovi prodotti.


Infine, Shyaam ha condiviso il Recycle model. Ci sono aziende che si concentrano sulla produzione di prodotti finiti completamente riciclati, ad esempio grandi marchi come Patagonia, Adidas e la loro partnership con Parley, Ecoalf, Prana… Questi diversi tipi di aziende producono capi di abbigliamento realizzati con materiali riciclati, che si tratti di bottiglie di pet o reti da pesca o altri tipi di materiali provenienti dall’industria tessile ma anche potenzialmente da altre industrie.


C’è poi un gruppo di aziende del settore che si occupa della creazione di fibre riciclate. Non creano prodotti finiti, ma materiali per i marchi che poi producono abbigliamento. Aziende come Econyl, Orange Fiber e molte altre si concentrano sulla creazione di risorse di materiali intermedi per consentire all’industria tessile e della moda di produrre abbigliamento più sostenibile.

Tutti i casi sopra citati sono modelli interessanti in termini di ciò che sta diventando molto importante all’interno del settore della moda intorno all’economia circolare. Tutti i casi sopra citati sono modelli interessanti in termini di ciò che sta diventando molto importante all’interno del settore della moda intorno all’economia circolare.


L’articolo ti è piaciuto? Ti piacerebbe sapere quando si svolgeranno i nostri prossimi eventi? Unisciti a Tondo e rimani aggiornato su tutte le nostre attività!


Francesco Castellano

Francesco Castellano ha conseguito un Master in Business Administration, e ha maturato un'esperienza quasi ventennale nel campo della ricerca, della finanza, della consulenza e del business management. In questo periodo è stato impegnato in diversi tipi di progetti come consulente presso Bain & Company, ha lanciato le attività di Uber a Torino e ha lavorato nel dipartimento FP&A di General E... Continua a leggere

Francesco Castellano ha conseguito un Master in Business Administration, e ha maturato un'esperienza quasi ventennale nel campo della ricerca, della finanza, della consulenza e del business management. In questo periodo è stato impegnato in diversi tipi di progetti come consulente presso Bain & Company, ha lanciato le attività di Uber a Torino e ha lavorato nel dipartimento FP&A di General Electric.

Recentemente ha fondato Tondo, un gruppo di organizzazioni che si occupa di diffondere approcci e concetti di Economia Circolare, e di supportare le aziende nella transizione verso un futuro sostenibile e circolare. Francesco è anche l'ideatore e il coordinatore del Re-think Circular Economy Forum, un format di eventi organizzati in diverse città italiane per presentare le più importanti soluzioni di Economia Circolare.

Francesco è stato ospite di diverse università ed eventi, come l'Università Federico II, l'Università Bocconi, la LIUC - Università Cattaneo, l'Università di Pavia, l'Università di Padova, l'Università Cattolica, la IPE Business School, la 24ORE Business School, Campus Party, Torino Stratosferica, Visionary Days.

Francesco è appassionato di Economia Circolare, Innovazioni Cleantech, Venture Building e Imprenditorialità.