Taranto Circolare: evento di lancio

Martedì 20 dicembre, a partire dalle ore 15.30 presso il Salone degli Specchi del Comune di Taranto, si è tenuto l’evento di lancio del progetto Taranto Circolare. L’evento ha avuto come obiettivo quello di presentare lo stato dei lavori del progetto e di raccontare agli stakeholder e alla comunità locali le potenzialità di Taranto Circolare per il territorio, le sue aziende ed organizzazioni. Nello specifico, con il progetto si sta creando una piattaforma digitale le cui funzionalità serviranno a promuovere l’economia circolare su Taranto, con particolare attenzione alla Città Vecchia.


Durante la prima parte dell’evento sono intervenuti Fabrizio Manzulli e Gianni Azzaro, rispettivamente Vicesindaco ed Assessore al Patrimonio e allo Sport del Comune di Taranto, il quale ha supportato l’organizzazione dell’evento e il progetto. Con i loro saluti hanno sottolineato l’importanza di credere e sostenere iniziative che supportino lo sviluppo dell’economia circolare su Taranto, un territorio pieno di potenzialità.


In seguito, Francesco Fumarola e Francesco Castellano, Co-fondatori di Tondo, organizzazione ideatrice del progetto, hanno preso la parola spiegando le fasi più importanti del suo sviluppo ed implementazione, facendo una panoramica della timeline sui futuri step. Inoltre, l’evento di lancio è stata l’occasione per mostrare pubblicamente una prima parte della piattaforma di Taranto Circolare e la campagna crowdfunding che è stata lanciata per supportare la prima fase del progetto, relativa alla raccolta e all’analisi dei dati per misurare il livello di circolarità della città, e la terza fase, quella di progettazione di nuove progettualità circolari.


Proseguendo, è intervenuta Ilaria Giannoccaro, Professoressa Ordinaria del Dipartimento di Meccanica Matematica Management del Politecnico di Bari, per spiegare nel dettaglio la fase del progetto relativa alla raccolta, analisi e misurazione dei dati materici ed energetici al fine di sviluppare una metodologia che serva ad analizzare la circolarità della città. La professoressa ha inoltre illustrato il caso da cui prende ispirazione questo progetto, cioè la piattaforma Rotterdam Circulair, che negli anni è diventata un punto di riferimento sulla circolarità a livello locale ed internazionale.


Sempre per quanto riguarda la prima fase del progetto è intervenuta Isabella Pisano, Professoressa nel Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica dell’Università degli Studi di Bari, la quale ha illustrato come l’uso delle tecnologie possa aiutare a sviluppare ed implementare nuove progettualità che siano circolari e sostenibili e, ha presentato anche alcune delle iniziative che l’Università ha supportato. Entrambe le Università sono partner di questo progetto.


In seguito, sono intervenute due realtà tarantine che hanno adottato nei loro business i principi dell’economia circolare, mostrandone quindi i benefici che questa apporterebbe se tutti i nuovi progetti che nascessero andassero in questa direzione. La prima è nata dall’idea di Francesco Marangione, mitilicoltore tarantino, di creare delle nasse da pesca sostenibili utilizzando la canapa e non più la plastica. La seconda realtà coinvolta è stata Studio Nasse Animation, per cui è intervenuto il CEO, Nicola Sammarco, che ha raccontato come la loro casa di produzione di cartoni animati stia adesso producendo una serie animata i cui set sono costruiti da materiali di scarto e hanno come obiettivo futuro, inoltre, di creare un merchandising che sia interamente sostenibile.


Infine, una tavola rotonda conclusiva che ha visto la partecipazione di Giampiero Mancarelli, Presidente di Kyma Ambiente, Maurizio Maraglino, Direttore DIH di Confapi Taranto, e Salvatore Toma, Presidente di Confindustria Taranto, e durante cui è stata sottolineata in particolar modo la necessità di creare una rete solida e funzionate sul territorio che possa supportare concretamente il percorso di transizione circolare della città.


Proprio a questo proposito, il progetto Taranto Circolare permetterebbe la creazione di un grande network collaborativo, dando ad aziende, enti ed organizzazioni locali la possibilità di incontrarsi e di sviluppare insieme progetti circolari, con l’aiuto degli strumenti messi a disposizione e implementati dalla piattaforma stessa. Taranto Circolare ha come obiettivo quello di favorire la transizione circolare della città, affinché Taranto possa essere un luogo in cui vi sia un incentivo solido al fine di attivare progettualità concrete, sostenibili e innovative.


Il progetto si struttura in tre fasi che si svilupperanno parallelamente, la prima fase sarà basata sulla ricerca per la misurazione dei flussi materici ed energetici della città, con particolare attenzione alla Città Vecchia, inoltre, la raccolta dati, la ricerca e l’analisi saranno le basi per lo sviluppo di una metodologia di calcolo automatizzata relativa alla misurazione della circolarità delle città e delle organizzazioni, che verrà inserita sulla piattaforma. I risultati del livello di circolarità della Città Vecchia e di Taranto verranno anche presentati in un report conclusivo dello studio che sarà consultabile sulla piattaforma. La seconda fase si focalizzerà sulla promozione, tramite la piattaforma digitale, di associazioni, organizzazioni ed aziende che applicano già i principi di economia circolare o che vorrebbero intraprendere questo percorso con il fine di creare nuove ed innovative collaborazioni a livello locale, nazionale ed internazionale. Infine, la terza fase avrà come focus il supporto e l’incentivo di nuove progettualità circolari.


In sintesi, dunque, la piattaforma fornirà la possibilità di mettersi in connessione con attori presenti al suo interno, nuovi input, risorse e tool per incentivare la crescita dell’economia circolare e sostenibile e strumenti di calcolo online per misurare la circolarità delle città e organizzazioni. Per saperne di più qui il link del sito.


Francesco Castellano

Francesco Castellano ha conseguito un Master in Business Administration, e ha maturato un'esperienza quasi ventennale nel campo della ricerca, della finanza, della consulenza e del business management. In questo periodo è stato impegnato in diversi tipi di progetti come consulente presso Bain & Company, ha lanciato le attività di Uber a Torino e ha lavorato nel dipartimento FP&A di General E... Continua a leggere

Francesco Castellano ha conseguito un Master in Business Administration, e ha maturato un'esperienza quasi ventennale nel campo della ricerca, della finanza, della consulenza e del business management. In questo periodo è stato impegnato in diversi tipi di progetti come consulente presso Bain & Company, ha lanciato le attività di Uber a Torino e ha lavorato nel dipartimento FP&A di General Electric.

Recentemente ha fondato Tondo, un gruppo di organizzazioni che si occupa di diffondere approcci e concetti di Economia Circolare, e di supportare le aziende nella transizione verso un futuro sostenibile e circolare. Francesco è anche l'ideatore e il coordinatore del Re-think Circular Economy Forum, un format di eventi organizzati in diverse città italiane per presentare le più importanti soluzioni di Economia Circolare.

Francesco è stato ospite di diverse università ed eventi, come l'Università Federico II, l'Università Bocconi, la LIUC - Università Cattaneo, l'Università di Pavia, l'Università di Padova, l'Università Cattolica, la IPE Business School, la 24ORE Business School, Campus Party, Torino Stratosferica, Visionary Days.

Francesco è appassionato di Economia Circolare, Innovazioni Cleantech, Venture Building e Imprenditorialità.